Autorizzazione all’uso dei cookie

Tu sei qui

PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA: Secondo Anno 2017/18

Argomenti (tag): 

PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA
ISTITUTO COMPRENSIVO VALLE STURA
GEIC81400G

SECONDO ANNO: 2017-18

Sommario

  1. PREMESSA
  2. IL RAV e il CONTRIBUTO all’INDIVIDUAZIONE DELLE PRIORITA’ del PTOF
  3. LE PRIORITA’ del PTOF
  4. I TRAGUARDI  DI RISULTATO
  5. GLI OBIETTIVI di PROCESSO
  6. Il Piano di miglioramento
  7. Proposte e pareri provenienti dal territorio e dall’utenza
  8. Fabbisogno personale
  9. L’organico di potenziamento
  10. La formazione dei docenti
  11. La progettazione dei docenti per l’a.s. 2017-18 (progetti di classe – di plesso – di Istituto)
  12. Le schede dei progetti del PTOF messe a punto in avvio di triennio (2016-17, 2017-18, 2018-19) e situazione aggiornata in avvio di a.s. 2017-18

 

1. PREMESSA

L’Istituto Comprensivo Valle Stura, che comprende le Scuole dell’Infanzia, Primarie e Secondarie di I grado di Tiglieto, Rossiglione, Campo Ligure, Masone,  è stato interessato, in avvio di anno scolastico 2015-16, dal cambiamento del Dirigente Scolastico, dopo 24 anni di continuità.

Continuità che ha interessato principalmente le Scuole dell’Infanzia e le Scuole Primarie che facevano parte della Direzione Didattica. Nell’a.s. 1999-2000, in seguito ad un piano di dimensionamento, alla Direzione Didattica sono state assegnate le Scuole Secondarie del territorio e si è costituito l’Istituto Comprensivo.

L’a.s. 2015-16 è stato dedicato principalmente all’esplorazione da parte del nuovo Dirigente del contesto scolastico e territoriale; sono stati ascoltati i docenti, il personale Ata, gli utenti, gli enti del territorio.

La stesura del Piano Triennale – approvato a gennaio 2016 dal Collegio Docenti e relativo al triennio 2016-17, 2017-18, 2018-19 – corrispondeva alla sintesi tra quanto presente nel Rapporto di Autovalutazione compilato dalla commissione e dal precedente Dirigente a giugno 2015 e la revisione compiuta dalla commissione e dal nuovo dirigente a settembre 2015, sintesi che si è posta  in continuità, ma non senza elementi di novità introdotti dal nuovo gruppo di lavoro.

Il secondo anno di realizzazione del Piano triennale (2017-18) coincide con il terzo anno di presenza del nuovo Dirigente e del gruppo di lavoro. Il Collegio si è espresso per una durata triennale degli incarichi dei collaboratori del Dirigente e delle figure che hanno un ruolo nella compilazione del Rav e nel monitoraggio e revisione del Ptof. Sono stati previsti momenti di relazione del gruppo di lavoro al Collegio a novembre – marzo – giugno per condividere scelte, impostazioni, raccolta di informazioni.

La revisione del Ptof, ad inizio anno, ha tenuto conto di:

  • revisione del Rav a giugno 2017;
  • dati raccolti attraverso il monitoraggio, la verifica e la valutazione del realizzato;
  • esigenze nuove rispetto a quelle previste

IL RAV – aggiornamento giugno 2017

2. IL RAV e il CONTRIBUTO all’INDIVIDUAZIONE DELLE PRIORITA’ del PTOF

a.s. 2015-16

IL Rav era stato compilato a giugno 2016 dal Dirigente precedente ed integrato, a settembre 2017, dal nuovo Dirigente

a.s. 2016-17

Rav aggiornato a giugno 2017

 

Priorità del Rav

 

Contesto e risorse

1.1 Popolazione scolastica

Non si evidenziano particolari criticità.

E’ necessario però offrire percorsi di italiano come L2 strutturati ai pochi alunni immigrati e alle loro famiglie.

Va ripetuta e potenziata l’esperienza realizzata in avvio di a.s. in collaborazione con il CPIA del Ponente di costituzione di un punto di erogazione in Valle per percorsi di alfabetizzazione e di apprendimento della lingua italiana.

E’ necessario sostenere con progetti di rinforzo e recupero gli alunni che provengono da situazioni socio-economiche svantaggiate. Sono poco numerosi  rispetto ad altre realtà, ma proprio per questo il sostegno offerto loro può essere proficuo.

1.2 Territorio e capitale sociale

a) La situazione logistica della Valle Stura fa sì che siano poche le esperienze extraterritoriali degli alunni.

L’inserimento in un contesto socio-culturale più ampio e complesso, che avviene per la stragrande maggioranza al momento dell’inserimento nella Scuola Secondaria di II grado, può creare difficoltà, non tali da determinare l’insuccesso (dato da verificare) ma da creare momenti di disagio (importante la somministrazione di questionari)

b) La collocazione dei quattro paesi (Tiglieto – Rossiglione – Campo Ligure – Masone) richiede un’attenzione particolare per far sì che vengano offerte pari opportunità a tutti gli alunni. E’ importante la comunicazione, il confronto.

La realtà della pluriclasse unica di Tiglieto richiede interventi mirati ad evitare l’isolamento degli alunni e dei docenti e conseguenti differenze nei processi e nei risultati conseguiti

c) Collaborazione da parte dei Comuni: presenza di convenzioni e contributi per spese di funzionamento. Va prestata attenzione alle convenzioni per l’utilizzo delle palestre e, in alcuni casi, la riformulazione per dare alla scuola un ruolo maggiormente attivo nelle proposte in orario extracurricolare. Da non escludere l’organizzazione del Centro Sportivo Scolastico, dopo aver rimodulato gli orari delle lezioni.

1.3 Risorse economiche e materiali

E’ necessario finalizzare una parte delle risorse e trovare modi per reperirne di nuove all’acquisto e alla manutenzione di strumentazione digitale. La situazione tra i plessi è molto diversa: va resa più equa per offrire agli alunni le stesse opportunità di conseguimento dei traguardi della competenza digitale.

Va introdotto il registro digitale nella Scuola Primaria e nella Scuola Secondaria di I grado.

Vanno trovate risorse (è stata coinvolta la Regione Liguria) per ripristinare il collegamento Voip tra i plessi e tra gli Istituti della Rete Scuole in rete (IC Sassello, IC Pieve di Teco, IC Follo, IC VAllestura) e  tra gli enti del Consorzio Compagnia della Scuola (oltre ai già indicati Istituti Comprensivi, ne fanno parte R.R.M. Società Cooperativa e il Comune di Pieve di Teco). Va potenziata la connettività

Va potenziata la dematerializzazione

1.4 Risorse professionali

Scuola Infanzia e Primaria hanno organico abbastanza stabile, la Scuola Secondaria di I grado vede invece una percentuale più elevata di docenti che cambiano ogni anno, soprattutto per la cattedra di lettere.

E’ necessario porsi come obiettivo una maggiore unitarietà e comunicazione, al fine di favorire la condivisione e il confronto per quanto riguarda: curricolo di istituto, metodologia, ruolo delle tecnologie digitali nella didattica, valutazione di obiettivi e competenze, utilizzo rubriche valutative, certificazione delle competenze al fine di garantire pari opportunità agli alunni

E’ necessaria formazione per migliorare le competenze informatiche

 

 

E’ di centrale importanza guidare gli alunni a confrontarsi con contesti più complessi

La situazione logistica della Valle Stura, dove sono collocate le sedi dell'Istituto, risulta essere svantaggiata rispetto ai collegamenti con la zona metropolitana di Genova. Questa situazione determina un numero limitato di esperienze extraterritoriali e un possibile rischio di difficoltà per gli alunni di inserimento in un contesto socio-culturale più ampio e complesso.

La ridotta complessità si presenta come elemento che va articolato gradualmente per consentire esperienze extraterritoriali ed ampliare le possibilità di apprendimento.

E' importante lavorare per far sì che un elemento di forza non si tramuti in punto di debolezza

 

 

Si riconfermano alcuni aspetti che richiedono attenzione

- guidare gli alunni al confronto con contesti più complessi prima del passaggio alla scuola secondaria di II grado

 

 

 

- offrire  pari opportunità agli alunni di tutti i plessi

 

 

 

 

 

 

- riuscire ad avere un ruolo maggiormente attivo nella gestione degli spazi in orario extrascolastico

 

 

 

 

Sono state acquisiti strumentazioni e servizi per la scuola digitale

E’ stata abbandonata la soluzione del Voip

E’ stato impostato il Registro elettronico

Sono stati presentati numerosi Progetti POn, ma la loro gestione è difficile e costituisce un aggravio pesante per l’ufficio

Va proseguito l’impegno nella  progettazione per ottenere finanziamenti

I contributi dei Comuni vanno articolati tra spese di investimento in materiali e strumenti e spese per progetti con esperti esterni

 

 

 

 

Aspetto che presenta notevoli criticità riassumibili in

- elevato turn over, soprattutto alla Scuola Secondaria di I grado
- difficoltà nelle operazioni di Chiamata Diretta: la Valle Stura è considerata scomoda ed è difficile trovare insegnanti motivati, che scelgono l’Istituto
- assenze prolungate dei docenti del Sud nominati in servizio
- necessità di motivare i docenti del territorio e di superare tensioni dovute all’ambiente circoscritto

Restano presenti le esigenze

- di confronto metodologico-didattico
- di formazione da parte dell’animatore e dello staff digitale

 

2. Esiti

2.1 Risultati scolastici

Non si registrano criticità per quanto riguarda ammissioni alla classe successiva e abbandoni, anche nel successivo grado di istruzione

E’ necessario migliorare la didattica inclusiva. Va previsto un percorso di formazione peri docenti al fine di introdurre ed utilizzare strategie finalizzate agli alunni con bisogni educativi speciali, ma utili e proficue per tutti gli alunni.

2.2 Risultati nelle prove standardizzate nazionali

I punteggi medi confrontati con quelli regionali, del Nord Italia e nazionali sono soddisfacenti per le prove di italiano e più che soddisfacenti per le prove di matematica delle classi seconde; le prove di italiano delle classi quinte hanno dato punteggi non soddisfacenti, soddisfacenti invece i punteggi delle prove di matematica; più che soddisfacenti i punteggi delle prove di italiano e matematica delle classi terze della sc secondaria di I grado.

I dati però maggiormente significativi per l’Istituto sono i seguenti:

prove di italiano scuola primaria

è necessaria una riflessione sui singoli items per capire che cosa ha portato ad avere per 6 classi su 9 risultati inferiori ai punteggi medi presi in considerazione dall’Invalsi (Liguria – Nord ovest – Italia)

prove di matematica scuola primaria

le classi con punteggio inferiore sono tre su nove.

Richiede attenzione la situazione di Tiglieto, per capire quanto incide l’organizzazione della pluriclasse sui risultati conseguiti e che cosa modificare per migliorarli

prove secondaria di I grado

I risultati sono o in media o positivi sia per italiano che per matematica

E’ necessario impostare un lavoro di confronto per classi parallele, sugli obiettivi del curricolo di fine seconda e fine quinta confrontati con le richieste delle Prove Invalsi e sulla metodologia, in particolare per quanto riguarda italiano. Da valutare anche la somministrazione di prove per classi parallele

E’ necessario aumentare attività dedicate a recupero e potenziamento

2.3 Competenze chiave e di cittadinanza

E’ necessario rivedere la parte del curricolo relativo alle competenze di cittadinanza, creare una più stretta relazione con i contratti formativi e i patti di corresponsabilità delle diverse classi e le rubriche valutative, costruire delle griglie di osservazione per facilitare il confronto in sede di consigli di classe finalizzato agli interventi educativi, alle decisioni in merito al voto di comportamento e alla stesura del giudizio globale sull’alunno.

Per le competenze chiave, vanno analizzati gli strumenti attualmente in uso e fatta una riflessione critica per individuare aspetti migliorabili

2.4 Risultati a distanza

E’ necessario potenziare i percorsi di continuità e orientamento rivolti all’acquisizione della conoscenza di sè

E’ importante anche raccogliere dati – attraverso questionari – sulle difficoltà incontrate al momento del passaggio alla scuola secondaria di I grado e alla scuola secondaria di II grado. Va riproposta anche una raccolta di dati sugli esiti nel primo anno della scuola secondaria di II grado

 

Attenzione a

Inclusività

Individualizzazione

Personalizzazione

Criticità: i risultati a distanza

 

 

Risultati soddisfacenti

Va  ridotta la differenza tra le classi parallele e tra i plessi

Attenzione alla pluriclasse di Tiglieto

Va continuato il lavoro di riflessione sui risultati delle Prove

 

 

 

Si evidenzia la necessità di incrementare le attività di recupero e di potenziamento, nonché condividere momenti per il confronto tra classi parallele attraverso la creazione di gruppi di lavoro. E' importante cioè non limitare l'attività alla costruzione di prove comuni, che risulterebbero poco significative, ma realizzare un confronto su progettazione, metodologie e verifica e valutazione per classi parallele

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ stata creata una relazione più stretta tra curricolo competenze di cittadinanza e i contratto e i patti formativi

Da fare: revisione dei materiali di programmazione ( a partire dal curricolo) e di valutazione, per stabilire relazioni tra curricolo -programmazione-rubriche valutative e mantenerli sistematicamente aggiornati rispetto ai cambiamenti in ordine agli studenti e allo stato degli studi. Sono state riviste la programmazione e le rubriche dell'area socioaffettiva. E' necessario un più stretto collegamento tra curricolo - rubriche e nuovo modello di certificazione delle competenze

 

 

Si conferma quanto indicato in merito a:

- continuità e orientamento

- risultati a distanza: mantenere le iniziative avviate – potenziarle anche attraverso coinvolgimento diretto alunni del I anno della Scuola secondaria di II grado

2016-17

EQUITA’ degli ESITI

Ridurre la variabilità tra le classi parallele

 

2017-18

EQUITA’ DEGLI ESITI: Aumentare la consapevolezza dei risultati conseguiti
attraverso il confronto per classi parallele e gli incontri dei dipartimenti orizzontali

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2016-17

Utilizzo delle autonomie personali e delle competenze chiave perseguite.

Migliorare la competenza nel comunicare, soprattutto nelle lingue comunitari Dare rilievo alle competenze chiave. Prestare attenzione alla progettazione di percorsi per conseguimento di certificazioni nelle lingue straniere

 

2017-18

Utilizzo delle autonomie personali e delle competenze chiave perseguite.
Migliorare la competenza nel comunicare, soprattutto nelle lingue comunitarie
Dare rilievo alle competenze chiave. Mettere in stretta correlazione curricolo competenze chiave -
certificazione delle competenze

FINALITA delle PRIORITA’ INDIVIDUATE: Rendere la formazione degli studenti adeguata al loro futuro inserimento in un contesto socio-culturale più complesso.

3A Processi – Pratiche educative e didattiche

3 A. 1 Curricolo – Progettazione – Valutazione

3.1.a Curricolo

La scuola dispone di un curricolo. E’ necessario:

essenzializzare il curricolo (individuare ciò che è necessario a una persona che cresce) attraverso linee di sviluppo verticale a partire dai nuclei fondanti (compito affidato ai Dipartimenti), dare chiara collocazione e senso alle competenze chiave, potenziare gli aspetti relativi alla competenza comunicativa e digitale.

E’ importante trovare modalità di confronto operativo su metodologia (in particolare ambienti di apprendimento e didattica laboratoriale), attività proposte, modalità di valutazione Osa e competenze

3.1.b Progettazione

E’ necessario trovare uno spazio per il confronto per i docenti della scuola secondaria di I grado per  disciplina e per consigli di classe. E’ necessario potenziare questi aspetti per la Scuola Primaria (confronto per classi parallele)  e dell’Infanzia (confronto tra plessi)

3.1.c Valutazione

E’ necessario confronto su costruzione e utilizzo rubriche valutative

3 A. 2 Ambiente di apprendimento

3.2.a Durata delle lezioni – 3.2.b Organizzazione oraria

E’ necessario rivedere l’orario di funzionamento della scuola secondaria di primo grado: il tempo prolungato – da quando l’orario è stato distribuito su 5 gg – non incontra più il favore delle famiglie, che stanno orientando la loro scelta sulle 30 ore settimanali (anziché 36). L’orario attuale con tre pomeriggi, uno dei quali con uscita alle 17.10, risulta di ostacolo all’organizzazione di attività per gli alunni e per i docenti in orario pomeridiano. La collocazione territoriale richiede poi di tenere in adeguata considerazione chi arriva dalle zone più decentrate ed utilizza il pulmino.

Per la primaria, con l’organico potenziato, è necessario valutare se può essere offerto un terzo pomeriggio in quelle realtà dove viene richiesto il tempo pieno e non viene poi assegnato.

Vanno aumentati i momenti di didattica laboratoriale, va migliorata la dotazione di strumenti multimediali, perché gli attuali creano problemi di funzionamento e manutenzione con conseguenti ricadute sulla motivazione oltre che economiche.

E’ importante continuare con iniziative di confronto e formazione per i docenti delle dieci sedi, distribuite nei 4 paesi.

3.2.c (o d) Episodi problematici

Va ricostruita una stretta relazione tra programmazione area socio-affettiva e contratto formativo e patto di corresponsabilità.

Si ipotizza anche una rilettura dei Regolamenti di plesso e  di istituto, insieme agli alunni

Per i docenti: riflessioni e proposte, anche formative, sui comportamenti inclusivi

 

 

 

 

 

 

 

3 A. 3 Inclusione e differenziazione

3.3.a Attività di inclusione

E’ necessaria formazione sulla didattica inclusiva, per migliorare ciò che è già presente e percorsi di alfabetizzazione in lingua italiana per gli alunni inseriti in corso d’anno.

Si cercherà ottenere nuovamente un punto di erogazione del CPIA del Ponente presso l’Istituto Valle Stura peri corsi di alfabetizzazione per le famiglie degli alunni di recente immigrazione.

3.3.b Attività di recupero – 3.3.c Attività di potenziamento

Ruolo fondamentale avranno i docenti dell’organico di potenziamento per l’attività a gruppi

3 A. 4 Continuità e orientamento

3.4.a Attività di continuità

Va data nuova forza ad alcune buone pratiche finalizzate a:

- conoscenza degli alunni

- conoscenza reciproca tra i docenti dei diversi ordini di scuola, in merito ad attività e metodologie

- raccordo curricoli

- verificare, attraverso questionari, come è stato l’inserimento nella scuola secondaria di primo grado

 

 

 

3.4.b Attività di orientamento

E’ importante:

- impostare l’orientamento come momento trasversale del curricolo 3-14 anni e finalizzato alla conoscenza di sé, delle proprie potenzialità, delle proprie attitudini, dei propri punti di debolezza

- ridefinire percorsi di orientamento, a partire dalla seconda classe della scuola secondaria di I grado, finalizzati a presentare l’organizzazione e le possibilità della scuola secondaria di II grado

- organizzare il Salone dell’Orientamento annuale con un ruolo maggiormente attivo degli alunni

- proporre incontri per le famiglie

- verificare, attraverso questionari, come è stato l’inserimento nella scuola secondaria di secondo grado

 

 

 

Aspetti a cui prestare attenzione:

- dal curricolo dichiarato al curricolo utilizzato
sia per quanto concerne gli aspetti delle competenze e degli Obiettivi Specifici di Apprendimento, sia per quanto riguarda la metodologia e la relazione didattica.

E' necessario creare una relazione stretta tra Ptof - curricolo - progetti curricolari ed extracurricolari anche attraverso l'individuazione di figure referenti e la definizione di compiti precisi.

Vanno conclusi la riflessione e il confronto sulla essenzializzazione del curricolo, anche attraverso un maggiore spazio dato ai dipartimenti orizzontali per ordine di scuola

 

 

 

 

Importante: rendere più sistematico un confronto per disciplina e per classi parallele

 

 

Il Collegio docenti sarà invitato a definire come migliorare il confronto tra classi parallele, come definire gruppi di lavoro, figure referenti e compiti.

Va superato la pratica del compito autentico, cercando di articolare progetti di ampio respiro all'interno dei quali individuare momenti di costruzione e di altri di osservazione dei traguardi di competenza. Il compito autentico rischia, in alcune situazioni, di diventare prove di verifica legata all'aspetto scolastico e perde il senso di esperienza significativa

Va analizzata la nuova normativa sulla valutazione

Iniziative di miglioramento:

- necessità di essenzializzare il curricolo per individuare gli aspetti maggiormente significativi

- necessità di riflettere sulla scelta dei contenuti quali mattoni (insieme ad altri) dei traguardi di competenza: quali contenuti non possono non essere affrontati se si vuole raggiungere quel traguardo di competenza?

- necessità di rivedere modi e tempi delle proposte dei compiti autentici

- necessità di creare stretti collegamenti tra curricolo - rubriche - certificazione competenze

E' stato introdotto un nuovo orario alla Scuola Secondaria di I grado e l'a.s. 2017-18 sarà il banco di prova: se non funzionerà saremo costretti a rinunciare alle attività extracurricolari in orario pomeridiano.

Alla scuola secondaria di I grado di Rossiglione abbiamo perso una classe, con conseguente aumento del numero degli alunni in quella rimasta e necessità di affrontare una maggiore complessità. Le due classi avevano consentito la separazione di alcuni problemi forti tra gli alunni, che ora si troveranno nuovamente nello stesso contesto.

Primaria: non è ancora possibile sfruttare le risorse del potenziamento per un terzo pomeriggio; abbiamo distribuito il potenziamento per avere ore di compresenza (1 potenziamento)

Migliorata la dotazione tecnologia, ma va continuato l’investimento

Infanzia: vanno diffuse le buone pratiche in termini di progettazione e realizzazione

 

Sintonizzare tutti i docenti circa l'importanza degli aspetti relazionali e l'attuazione di comportamenti inclusivi

Aspetti a cui prestare attenzione:

a) come rendere maggiormente significativo il patto formativo con le famiglie?

b) va rivisto il regolamento dell'istituto, in alcune parti

Criticità:

- utilizzo significativo dell’organico del potenziamento
- modalità di stesura e utilizzo piano inclusività: è stato fatto un primo tentativo, ma ancora non soddisfacente
- curricolo per apprendimento italiano come L2 con supporto materiali e protocollo accoglienza
- utilizzo indicazioni raccolte nel corso di formazione sull'inclusività realizzato nell'a.s. 15-16: in parte sono state accolte e utilizzate, va migliorata l'attenzione verso alcuni aspetti per poter passare dal dichiarato all'agito
- Coinvolgimento degli alunni in orario extracurricolare: non sempre le proposte in orario pomeridiano sono accolte positivamente; la modifica dell'orario della scuola secondaria di I grado è un tentativo per risolvere alcune problematiche relative a questo aspetto

Altra criticità: contatti con operatori consultorio difficili

Continuità

Criticità: ridotte risorse Fis –definire peculiarità – non concentrare la continuità a fine a.s,

 

Orientamento

Criticità:

- continuità con le Scuole Secondarie di II grado, a partire dall'organizzazione del Salone dell'Orientamento, che deve vedere l'Istituto Valle Stura in un ruolo maggiormente attivo, ma non solo – altre iniziative in corso a.s.
- vanno riproposte attività agli alunni finalizzate alla conoscenza di sè, anche attraverso le biografie cognitive finalizzate agli aspetti metacognitivi della certificazione delle competenze

 

OBIETTIVI DI PROCESSO:

Curricolo – progettazione – Valutazione:

 

2016-17

Completamento delle buone pratiche verticali attraverso l’autoformazione per dipartimenti

Individuare strumenti di valutazione più flessibili, che mantengano comunque l’efficacia e la condivisione delle rubriche valutative in uso

2017-18

Completamento delle buone pratiche verticali. Individuare ciò che è essenziale nel curricolo per la costruzione dei traguardi di competenza

Individuazione strumenti di valutazione più flessibili, che mantengano comunque l'efficacia e la condivisione delle rubriche valutative in uso.

 

 

 

 

 

 

AMBIENTE DI APPRENDIMENTO

2016-17

Creare sistematicamente ambienti di apprendimento per favorire il rapporto insegnamento-apprendimento

 

2017-18

Creare sistematicamente ambienti di apprendimento, per favorire il rapporto insegnamento-apprendimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2016-17

INCLUSIONE E DIFFERENZIAZIONE:

Migliorare gli interventi finalizzati all'inclusività

 

2017-18

INCLUSIONE E DIFFERENZIAZIONE:

Migliorare gli interventi finalizzati all'inclusività

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CONTINUITA’ E ORIENTAMENTO

2016-17

Sviluppare una maggiore conoscenza professionale tra i docenti dei vari ordini di scuola, in particolare quelli degli anni ponte

Attivare collaborazione con le scuole superiori maggiormente frequentate dagli alunni dell’Istituto

 

2017-18: Sviluppare una maggiore conoscenza professionale tra i docenti e una maggiore conoscenza degli alunni negli anni ponte

Attivare collaborazione con le scuole superiori maggiormente frequentate dagli alunni dell'Istituto.

3B Pratiche gestionali e organizzative

3b.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Missione e obiettivi prioritari

E’ necessario migliorare la comunicazione all’interno e all’esterno

Controllo dei processi

E necessaria la messa a punto di strumenti di monitoraggio per gli obiettivi di processo

Organizzazione risorse umane

3.5.a Funzioni strumentali

Dal 2016-17 saranno in parte ridefinite, anche in conseguenza delle nuove esigenze dovute alla L.107

3.5.b Fondo di Istituto

Cercare di lasciare spazio per progetti collegati alle priorità individuate, finalizzare meglio quelli già presenti, inserire progetti per la certificazione delle competenze in L2, già a partire dalla primaria, progetti continuità e orientamento

3.5.c Processi decisionali – 3.5.d Impatto delle assenze dei docenti sull’organizzazione

Cercare di dare unitarietà, coinvolgere personale Ata

3.5.e Progetti realizzati – 3.5.f Progetti prioritari

Individuate le priorità, sarà importante creare uno stretta relazione tra queste e i progetti

3b.6 Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Formazione

Si cercherà di continuare le iniziative di formazione promosse dalla scuola per tutti i docenti, si cercherà di dedicare qualche momento alla formazione per il personale Ata. Importante e richiesta a gran voce la formazione in materia di primo soccorso. La formazione sarà strettamente collegata alle priorità

Alcuni argomenti sono già stati individuati nei precedenti punti di analisi del Rav

- didattica inclusiva

- utilizzo tecnologie multimediali nella didattica

- revisione curricolo a partire dai nuclei fondanti

Valorizzazione competenze – Collaborazione tra insegnanti

Si punterà all’unitarietà cercando di valorizzare le competenze di ciascuno e soprattutto di chi è disponibile a metterle a disposizione dell’Istituto

Importante sarà coinvolgere il maggior numero di persone possibili, in modo che in molti abbiano ruoli e compiti.

3.b.7. Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Reti di scuole – Accordi formalizzati

Si manterranno attive la partecipazione a

Rete Ponente (Scuole del Ponente Genovese da Cogoleto a Cornigliano)

Scuole in Rete (IC Sassello (capofila) – SV - IC Pieve di Teco – Pontedassio - IM

IC Valle Stura – GE - IC Follo – SP )

Consorzio Compagnia della Scuola (IC Sassello (capofila) – SV - IC Pieve di Teco – Pontedassio - IM

IC Valle Stura – GE - IC Follo – SP - la Ditta RRM – Società Cooperativa – rappresentante Brisa Maurizio

il Comune di Pieve di Teco)

Rete per la Formazione sulle Indicazioni Nazionali, con capofila IC Sestri Est

Rete per la Formazione sulla certificazione delle competenze con capofila IC Valle Stura

Si cercherà di capire se è possibile per l’IC Valle Stura subentrare all’IC Pra’ come capofila del Polo Formativo su Formazione utilizzo tecnologie digitali nella didattica

Va migliorata la collaborazione con gli enti del territorio, va resa sistematica, progettata, verificata

Le famiglie andranno coinvolte mantenendo la possibilità del contatto diretto, del dialogo , che è uno dei punti di forza di questa realtà. Continuerò ad essere curata l’informazione, la comunicazione su tutti gli aspetti in ui è importante il coinvolgimento al fine del raggiungimento di risultati educativi e organizzativi

 

 

Maggiore consapevolezza del Collegio Docenti

Questionari di valutazione

 

Riconfermate quelle del precedente a.s.

Ruolo staff

Coinvolgimento collaboratori scolastici –

Durata triennale organigramma

 

Sono state tradotte le aree di intervento del PTOF in ambiti progettuali dove inserire le diverse iniziative ed attività. Va aumentata la consapevolezza da parte dei docenti affinchè sappiano dove collocarsi rispetto al Ptof con i progetti e le attività proposte. Ogni ambito dovrà essere affidato ad un referente con precisi compiti sottoposti a verifica: in parte è stato fatto, in parte è da fare

 

PARTECIPAZIONE CONSAPEVOLE

 

 

 

 

 

FORMAZIONE MOTIVATA

Distribuzione nel corso dell’anno

Risposta a bisogni

Utilizzo proficuo risorse

Ricaduta

 

 

 

 

Criticità

Poca disponibilità a valorizzare chi merita – non tutti disponibili a cambiare modo di lavorare

Tensioni

Il bonus non visto come aspetto positivo

Manca spirito di squadra

Molto lavoro nei dipartimenti, va aumentata la condivisione, la ricaduta sulla didattica

Va creato archivio buone pratiche

COESIONE

 

Le proposte degli enti del territorio vanno inserite in modo più coordinato nel Piano dell'Offerta formativa e deve essere dato più spazio al momento della progettazione sinergica

COORDINAMENTO

SINERGIA

 

Reti presenti – collaborazione stretta con IC Sassello per Aree interne

Migliorare la partecipazione consapevole e significativa delle famiglie. Distinguere le competenze, gli ambiti di intervento e di collaborazione

Far sì che l'introduzione del registro elettronico non incida negativamente sulla relazione scuola-famiglia

PARTECPAZIONE CONSAPEVOLE – COMPITIDISTINTI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SVILUPPO E VALORIZZAZIONE RISORSE UMANE

2016-17

Individuare interventi per favorire l'unitarietà

 

2017-18

Individuare interventi per favorire l'unitarietà

 

 

 

 

 

 

 

INTEGRAZIONE CON IL TERRITORIO

2016-17

Migliorare la qualità dei rapporti con gli enti del territorio. Migliorare la comunicazione

 

2017-18

Migliorare la qualità dei rapporti con gli enti del territorio. Migliorare la comunicazione

 

 

 

2016-17

Gli obiettivi di processo possono contribuire al raggiungimento delle priorità se favoriscono lo "star bene" a scuola degli alunni e dei docenti, anche attraverso una maggiore riflessione e consapevolezza

 

2017-18

Gli obiettivi di processo possono contribuire al raggiungimento delle priorità se vissuti dai docenti con consapevolezza, condivisione, partecipazione e mirati a raggiungere il benessere (lo star bene a scuola) degli alunni e degli stessi docenti

 

3. LE PRIORITA’ del PTOF

Le priorità che hanno orientano la stesura del Piano dell’Offerta Formativa Triennale sono le seguenti:

Compito principale di chi opera nell’Istituto Comprensivo Valle Stura è far sì che i bambini e i ragazzi compiano un percorso di crescita educativo, significativo per il conseguimento di traguardi di apprendimento, positivo e costruttivo nei rapporti con i coetanei e con gli adulti di riferimento, condiviso con le famiglie, al fine di renderli pronti, cioè preparati e sereni, per l’inserimento in contesti di riferimento più ampi e complessi.

Il contesto, che ha un orizzonte più ristretto rispetto a quello delle aree del centro e della periferia di Genova o delle città del basso Piemonte, deve diventare un valore aggiunto e non un limite: deve cioè offrire la possibilità di compiere esperienze educative e di apprendimento significative, anche perché realizzate in un ambiente (non soltanto la scuola pertanto) maggiormente attento ai bisogni della persona che cresce. Il nostro obiettivo deve essere pertanto quello di ampliare il più possibile l’orizzonte e di conciliare questo con l’attenzione verso la persona dell’alunno.

 

4. I TRAGUARDI  DI RISULTATO

Le priorità sono state organizzate in 4 macroaree, tra loro in forte correlazione

  1. La costruzione di traguardi di competenza
  2. Lo stare bene a scuola
  3. L’unitarietà
  4. Le pari opportunità

 

Traguardi di risultato

4a) La costruzione di traguardi di competenza

- Avere a disposizione il curricolo di istituto organizzato per linee di sviluppo verticale dai 3 ai 14 anni a partire dai nuclei fondanti, con esemplificazioni di attività, metodologie, strategie di organizzazione e conduzione del gruppo classe sia per la parte dell’area socio-affettiva (competenze di cittadinanza) sia per la parte dell’area cognitiva

- Avere approfondito le relazioni tra Competenze chiave per l’apprendimento permanente e il curricolo di istituto

- Avere approfondito alcuni aspetti relativi alla competenza comunicativa in lingua italiana (anche al fine di migliorare i risultati delle prove nazionali, ma soprattutto per innovare la didattica di questa disciplina)

- Avere a disposizione il curricolo relativo alla competenza digitale, non come aspetto a sé stante, ma come competenza trasversale a quelle disciplinari

- Avere aumentato le esperienze di didattica laboratoriale e di costruzione di ambienti di apprendimento secondo la prospettiva di trasformare l’aula in laboratorio e non di aumentare i laboratori come spazi a se stanti

- Avere adottato un’organizzazione oraria, soprattutto nella scuola secondaria di I grado, che risponde ad  alcune criticità, subentrate dopo la distribuzione dell’orario su 5 giorni e favorisce i modi e i tempi del curricolo

 

4b) Lo stare bene a scuola

- Avere ridato senso e significato al contratto formativo con gli alunni e al patto di corresponsabilità con i genitori, in stretto collegamento con le competenze di cittadinanza

- Applicare nelle classi una didattica inclusiva per ogni alunno

 

4c) L’unitarietà

- Aver aumentato il livello del senso di appartenenza, del proprio ruolo e dei propri compiti all’interno dell’Istituto

- Avere nominato figure di riferimento in relazione agli aspetti portanti del Ptof

- Aver migliorato la comunicazione all’interno dell’Istituto e verso l’esterno

- Avere nell’ordinaria organizzazione dell’Istituto attività di continuità finalizzate alla

  • conoscenza degli alunni e alla conoscenza reciproca dei docenti dei diversi ordini di scuola,
  • attività per il rinforzo della continuità all’interno del curricolo

- Avere nell’ordinaria organizzazione dell’Istituto attività di orientamento inteso come

  • conoscenza di sé, delle proprie potenzialità, delle proprie attitudini, dei propri punti di debolezza
  • conoscenza dell’organizzazione della scuola secondaria di II grado e delle possibilità e prospettive offerte
  • organizzazione maggiormente significativa per alunni e genitori del Salone dell’Orientamento

- Coinvolgere enti e associazioni del territorio, che hanno proposte per la scuola, in modo più sistematico, secondo tempi più idonei alle fasi di progettazione e realizzazione della scuola

 

4d) Le pari opportunità

- Rendere i dipartimenti elementi costitutivi dell’organizzazione dell’Istituto

  • sia i dipartimenti per disciplina in verticale
  • sia i dipartimenti per disciplina per la Scuola Secondaria di I grado

finalizzati a

confronto e successiva progettazione e  realizzazione di iniziative, anche per classi parallele, al fine di migliorare l’equità degli esiti

- Utilizzare procedure consolidate per analisi risultati prove invalsi – riflessioni – argomentazioni – eventuali modifiche-integrazioni delle proposte didattiche e/o del curricolo

- Avere a disposizione criteri per censimento bisogni di recupero e potenziamento in avvio anno scolastico e progettazione e realizzazione interventi (risorse: organico potenziamento – esperti esterni con finanziamenti enti locali)

 

5. GLI OBIETTIVI di PROCESSO, cioè obiettivi che puntano ad acquisire e installare un processo, cioè a portare nell’ordinarietà un’azione, che consente di raggiungere un risultato e pertanto riescono a mantenere il risultato conseguito

5a) La costruzione di traguardi di competenza

PROGETTO P1

Progetto P1a – Il curricolo

Progetto P1b – L’organizzazione dell’orario

Primo anno

Secondo anno

Terzo anno

Anno scolastico 2017-18 – secondo anno – Integrazioni e modifiche rispetto a ciò che è stato progettato per il triennio

Organizzare n. 6 incontri

2 a settembre

4 durante l’a.s.

 con odg che prevedano

- confronto e progettazione su parte del curricolo delle competenze di cittadinanza (settembre)

- confronto e progettazione in relazione a un nucleo fondante per ogni disciplina

 

Confronti e progettazioni comprensivi di aspetti legati a valutazione Osa e traguardi di competenza

 

 

 

 

 

- realizzazione e confronto (3 incontri durante a.s.)

- conclusioni (1 incontro verso maggio-giugno) – raccolta materiali e costruzione archivio buone pratiche

 

pianificazione obiettivi e incontri sulla conoscenza delle tecniche di primo soccorso per gli alunni della secondaria di I grado: avvio nelle prime classi

Organizzare n. 6 incontri

2 a settembre

4 durante l’a.s.

 con odg che prevedano

- confronto e progettazione in relazione a due nuclei fondanti per ogni disciplina e loro relazioni con competenza comunicativa e competenza digitale (settembre)

- confronto e progettazione su due competenze chiave trasversali alle diverse discipline (settembre)

Confronti e progettazioni comprensivi di aspetti legati a valutazione Osa e traguardi di competenza

- confronto e progettazione su costruzione ambienti di apprendimento e didattica laboratoriale

 

 

realizzazione e confronto (3 incontri durante a.s.)

- conclusioni (1 incontro verso maggio-giugno) - –raccolta materiali e costruzione archivio buone pratiche

 

pianificazione obiettivi e incontri sulla conoscenza delle tecniche di primo soccorso per gli alunni della secondaria di I grado: coinvolgimento classi prime e seconde

Organizzare n. 6 incontri

2 a settembre

4 durante l’a.s.

 con odg che prevedano

confronto e progettazione in relazione a due nuclei fondanti per ogni disciplina e loro relazioni con competenza comunicativa e competenza digitale (settembre)

- confronto e progettazione su due competenze chiave trasversali alle diverse discipline (settembre)

Confronti e progettazioni comprensivi di aspetti legati a valutazione Osa e traguardi di competenza

- confronto e progettazione su costruzione ambienti di apprendimento e didattica laboratoriale

realizzazione e confronto (3 incontri durante a.s.)

- conclusioni (1 incontro verso maggio-giugno) – raccolta materiali e costruzione archivio buone pratiche

Raccolta e pubblicazione sul sito web del lavoro del triennio

 

pianificazione obiettivi e incontri sulla conoscenza delle tecniche di primo soccorso per gli alunni della secondaria di I grado: coinvolgimento di tutte le classi

- nuova normativa sulla valutazione e sull’esame conclusivo: analisi e ricadute su curricolo area socio-affettiva

- relazioni tra area socio-affettiva-certificazione competenze-stesura giudizio globale

2. Analisi del Decreto 62/2017 sulla valutazione;

3. Analisi DM 741 e 742 del 3 ottobre 2017

4. Analisi Nota 1865 del 10 ottobre 2017

- competenze trasversali del curricolo e certificazione competenze

- versione curricolo verticale  dopo i lavori dei dipartimenti dell’a.s. 16-17 – condivisione nei dipartimenti orizzontali

- revisione del curricolo di tecnologia per primaria e secondaria

- stesura del  curricolo digitale (Animatore Digitale e staff digitale)

- organizzazione dipartimenti orizzontali con finalità

Equità degli esiti tra le sezioni/classi – tra i plessi

MODALITA’ OPERATIVE:

compiti precisi assegnati a

intersezioni/interclassi/consigli di classe di inizio anno

Dipartimenti in corso d’anno

Gruppi di lavoro: staff  DS – staff digitale

Assegnazione OBIETTIVI  DI RISULTATO

Ruolo fondamentale delle Funzioni Strumentali che coordinano i lavori dei Dipartimenti

 

Nominare una commissione per la raccolta e l’analisi di proposte di organizzazione dell’orario

Coinvolgimento di membri del Consiglio di istituto – componenti genitori  nella commissione

Messa a punto di una nuova organizzazione oraria

Applicare nuova organizzazione oraria

Monitorare

Valutare

Applicare organizzazione oraria con eventuali modifiche-integrazioni

Monitorare

Valutare

Definire nuovo modello orario definitivo

Monitorare il nuovo orario attraverso:

- frequenza ai laboratori

- consigli di classe tecnici e giuridici

 

5b) Lo stare bene a scuola

PROGETTO P2

Progetto P2a. La relazione docente-alunno e docente-genitore

Primo anno

Secondo anno

Terzo anno

Anno scolastico 2017-18 – secondo anno

Predisporre questionario (da somministrare alla fine dell’a.s. 2015-16 o in avvio 2016-17) a.s. per alunni e famiglie su

- aspetti relazionali e di condivisione

Predisporre un modello che metta in stretta relazione la parte del curricolo delle competenze di cittadinanza con la stesura del contratto formativo con gli alunni e il patto di corresponsabilità con i genitori, anche al fine di creare una condivisione nei modi di procedere

 

Organizzare incontro con i docenti e i genitori per stesura e condivisione patto di corresponsabilità

 

Predisporre monitoraggio intermedio

 

 

 

Utilizzare modello per contratto formativo e patto di corresponsabilità e raccogliere elementi per revisione

 

Organizzare incontro con i docenti e i genitori per stesura e condivisione patto di corresponsabilità

 

Predisporre monitoraggio intermedio

Applicare, monitorare, valutare

- risultati conseguiti con applicazione

- Modalità condivise per stesura contratto formativo e patto di corresponsabilità

- piano inclusivo di classe

 

 

Proporre modifiche/integrazioni

Predisposizione e distribuzione questionari per alunni e famiglie (aprile-maggio 2018)

 

Utilizzo contratto e patto in stretta relazione con programmazione dell’area socio-affettiva e con giudizio globale (Collegamento con nuova normativa sulla valutazione)

 

Incontri con i genitori per presentare contratto-patto e creare condivisione

Riflessioni su come rendere maggiormente incisivo il patto formativo con le famiglie

 

PROGETTO P2b. La didattica inclusiva

Modificare il piano inclusivo di classe

Formazione sulla didattica inclusiva

Utilizzare il piano inclusivo di classe

Verificare significatività piano inclusivo di classe

Utilizzare il piano inclusivo di classe

Verificare significatività piano inclusivo di classe

Arrivare a stesura definitiva piano inclusivo di classe

Relazioni piano inclusivo con

- presentazione della classe (anche per l’aspetto profili cognitivi)

- curricolo delle discipline

- programmazione (area socio affettiva e cognitiva)

- pdp e pei

 

5c) L’unitarietà

PROGETTO P3

Progetto P3 a. Organigramma dell’Istituto

Progetto P3b. La comunicazione

Primo anno

Secondo anno

Terzo anno

Anno scolastico 2017-18 – secondo anno

Questionario da costruire su senso di appartenenza

- curare la distribuzione di ruoli e compiti all’interno dell’Istituto in modo che tutti contribuiscano al buon funzionamento della scuola

- individuare i collaboratori del DS e le FS assegnando loro compiti precisi e sottoposti a verifica

- nominare figure responsabili per gli aspetti fondamentali del Ptof

- creare canali di comunicazione tra i docenti e con il Ds attraverso l’utilizzo di mailing list

- creare canali di comunicazione con i genitori attraverso il sito web e il profilo Facebook

- utilizzo scrutinio on line e accesso ai genitori dopo incontro con i docenti

 

 

Revisione organigramma e eventuale parziale ridefinizione compiti al fine di rendere i compiti mirati alle priorità e alle eventuali modifiche-integrazioni necessarie

 

 

 

Inserimento del registro elettronico Regel per alcune classi campione

 

Prosecuzione comunicazione attraverso sito web e profilo facebook

Riproposta questionario su senso di appartenenza

Revisione organigramma e eventuale parziale ridefinizione compiti al fine di rendere i compiti mirati alle priorità e alle eventuali modifiche-integrazioni necessarie

 

 

 

Aumento del n delle classi coinvolte nell’utilizzo del registro elettronico

 

Prosecuzione comunicazione attraverso sito web e profilo facebook

Organigramma triennale in relazione con Piano Offerta formativa triennale

 

Precisa definizione compiti assegnati

Relazione con priorità individuate

 

Impostazione registro digitale

Utilizzo da parte dei docenti

- sia del registro di classe

- sia del registro docente

 

Prosecuzione comunicazione attraverso sito web e profilo facebook

 

PROGETTO  P3 c. La continuità

Definizione incontri docenti anni ponte

- per conoscenza alunni

- per conoscenza reciproca

- per confronto su curricolo

Definizione incontri docenti anni ponte

- per conoscenza alunni

- per conoscenza reciproca

- per confronto su curricolo

Inserimento in modo definitivo, nel piano annuale delle attività degli incontri tra docenti degli anni ponte

Definizione incontri docenti anni ponte

- per conoscenza alunni

- per conoscenza reciproca

- per confronto su curricolo

Non solo in fase conclusiva di a.s.

 

PROGETTO P3d. L’orientamento

Avvio attività per gli alunni della classe II della secondaria di I grado per la conoscenza della Scuola Secondaria di II grado

Preparazione degli alunni della classe terza alla visita al Salone dell’Orientamento tra Liguria e Piemonte

Avvio in ogni classe di attività mirate alla conoscenza di sé

Raccolta dati su esiti inserimento scuola secondaria di Ii grado

Riproposta attività gli alunni della classe II della secondaria di I grado per la conoscenza della Scuola Secondaria di II grado

Organizzazione incontri per i genitori

Coinvolgimento degli alunni della classe terza all’organizzazione del Salone dell’Orientamento tra Liguria e Piemonte

Organizzazione incontri per i genitori

Potenziamento in ogni classe delle attività mirate alla conoscenza di sé

Raccolta dati su esiti inserimento scuola secondaria di Ii grado

Inserimento nel curricolo delle attività per le classi seconde e terze della scuola secondaria di I grado

 

Inserimento nel curricolo delle attività di orientamento finalizzate alla conoscenza di sé

Definizione dell’organizzazione del Salone dell’Orientamento tra Liguria e Piemonte e definizione ruolo attivo alunni e docenti coordinatori di terza

Definizione procedura da attivare ogni anno per raccolta dati su esiti inserimento nella scuola secondaria di II grado

 

Attenzione a:

- organizzazione Salone Orientamento

- occasioni di collaborazione con le Scuole Secondarie del territorio

Potenziamento in ogni classe delle attività mirate alla conoscenza di sé e raccolta materiali prodotti per la creazione di un archivio

Raccolta dati su esiti inserimento scuola secondaria di Ii grad

 

 

PROGETTO  P3e. I collegamenti con enti e associazioni del territorio

Organizzazione incontri a settembre

- uno Ds e enti del territorio per raccogliere le proposte

- uno enti del territorio – docenti per la scelta delle proposte

Realizzazione attività proposte (da ottobre a maggio) e verifica (maggio – giugno)con coinvolgimento enti

Riproposta incontri a settembre, dopo raccolta osservazioni nel momento della verifica. Ruolo più attivo dei docenti

Realizzazione attività proposte (da ottobre a maggio) e verifica (maggio – giugno)con coinvolgimento enti

Inserimento nel curricolo delle proposte maggiormente significative

 

Inserimento nel piano delle attività degli incontri con gli enti secondo precise scansioni nel corso dell’a.s.

Porre e basi per offerta di attività, in collaborazione con il territorio, in orario extracurricolare

Fascicolo di inizio anno con tutte le proposte del territorio. Eventuali  incontri con i docenti in fase di avvio,. Ruolo più attivo dei docenti

Realizzazione attività proposte (da ottobre a maggio) e verifica (maggio – giugno)con coinvolgimento enti

Limitazioni alle proposte in corso d’anno

 

5d) Le pari opportunità

PROGETTO P4

P4a. L’equità degli esiti

P4b. La riflessione sulle Prove Invalsi

Primo anno

Secondo anno

Terzo anno

Anno scolastico 2017-18 – secondo anno

Organizzare gli incontri dei dipartimenti disciplinari verticali (vedi parte relativa al curricolo)

Avviare gli incontri dei dipartimenti disciplinari per la Scuola Secondaria di I grado, anche al fine del confronto disciplinare per classi parallele

Inserire nelle interclassi tecniche punti relativi al confronto per classi parallele, anche di plessi diversi: predisposizione modalità per la raccolta di dati

 

Organizzare gli incontri dei dipartimenti disciplinari verticali (vedi parte relativa al curricolo)

Riproporre gli incontri dei dipartimenti disciplinari per la Scuola Secondaria di I grado, anche al fine del confronto disciplinare per classi parallele

Riproporre nelle interclassi tecniche punti relativi al confronto per classi parallele, anche di plessi diversi: riflessioni sulla raccolta di dati e progettazione attività finalizzate all’equità degli esiti

Organizzare gli incontri dei dipartimenti disciplinari verticali (vedi parte relativa al curricolo)

Inserire nel piano annuale delle attività  gli incontri dei dipartimenti disciplinari per la Scuola Secondaria di I grado, anche al fine del confronto disciplinare per classi parallele

Sistematizzare la raccolta dati per classi parallele e inserire nel piano annuale delle attività i momenti per la riflessione sulla raccolta di dati e progettazione attività finalizzate all’equità degli esiti

Dipartimenti orizzontali per confronti finalizzati a equità degli esiti

Tra le classi

Tra i plessi

 

Proporre nelle interclassi tecniche punti relativi al confronto per classi parallele, anche di plessi diversi: riflessioni sulla raccolta di dati e progettazione attività finalizzate all’equità degli esiti

Analisi dei risultati della prove Invalsi Confronto tra le classi coinvolte (avvio a.s.)

Individuazione dei punti di debolezza e dei punti di forza

Stesura indicazioni

Analisi dei risultati della prove Invalsi Confronto tra le classi coinvolte (avvio a.s.)

Individuazione dei punti di debolezza e dei punti di forza

Stesura indicazioni

Confronto con i dati dell’anno precedente per vrf la presenza di costanti e variabili

Analisi dei risultati della prove Invalsi Confronto tra le classi coinvolte (avvio a.s.)

Individuazione dei punti di debolezza e dei punti di forza

Stesura indicazioni

Confronto con i dati dei due anni precedenti per vrf la presenza di costanti e variabili

Inserimento della procedura nel curricolo – eventuali modifiche-integrazioni nel curricolo

Analisi dei risultati della prove Invalsi Confronto tra le classi coinvolte (avvio a.s.)

Individuazione dei punti di debolezza e dei punti di forza

Confronto con i dati dell’anno precedente per vrf la presenza di costanti e variabili

Ricadute sul curricolo

 

PROGETTO P4c. Recupero e potenziamento

Raccolta dati sulla necessità di attività di recupero e potenziamento nelle diverse classi

Progettazione – realizzazione – verifica attività recupero - potenziamento

 

Raccolta dati sulla necessità di attività di recupero e potenziamento nelle diverse classi

Progettazione – realizzazione – verifica attività recupero - potenziamento

 

Raccolta dati sulla necessità di attività di recupero e potenziamento nelle diverse classi. Individuazione di costanti e variabili

Progettazione – realizzazione – verifica attività recupero - potenziamento

 

 

Organico del potenziamento: come utilizzarlo al meglio per recupero e potenziamento

La compresenza come distribuzione delle ore dell’organico di potenziamento

 

PROGETTO P4c. Recupero e potenziamento

P4c.1. Recupero nelle classi dell’Istituto
P4c.2a. La pluriclasse di Tiglieto
P4c.2b. La competenza comunicativa

- competenza comunicativa in italiano

- competenza comunicativa in L2 (potenziamento occasioni insegnamento-apprendimento  lingue straniere – certificazioni europee inglese e francese)-

P4c.2c. La competenza digitale e l’animatore digitale

Miglioramento connettività e Acquisto strumentazione. Strumentazione non come fine, ma come mezzo necessario, senza il quale non si può parlare di educazione al digitale – tecnologia come motore per impostare una didattica che tenga maggiormente conto dei modi dell’apprendere dei bambini e dei ragazzi di oggi, senza diventare esclusiva (non si apprende SOLO attraverso il digitale, ma ANCHE attraverso il digitale) – Importanza del cablaggio interno (Fondi POn)

Il portfolio digitale dell’alunno (da valutare)

Formazione docenti

P4c.1 – 2017-18

Valorizzazione organico del potenziamento e compresenza

P4c.2a - 2017-18

Mantenere ore di compresenza per poter svolgere attività a piccoli gruppi

P4c.2b 2017-18

Formazione su competenza comunicativa – italiano – incontri sul curricolo con Ds – incontri con esperti esterni

- competenza comunicativa in L2 (continuità a potenziamento occasioni insegnamento-apprendimento  lingue straniere – certificazioni europee inglese e francese per infanzia, primaria e secondaria-

 

6. Il Piano di miglioramento

Il Piano di miglioramento è stato rivisto tenendo conto

  • della revisione del Rav a giugno 2017;
  • dei dati raccolti attraverso il monitoraggio, la verifica e la valutazione del realizzato;
  • delle esigenze nuove rispetto a quelle previste espresse dal contesto e dal Collegio

 

Si allega il Piano di miglioramento

 

7. Proposte e pareri provenienti dal territorio e dall’utenza

Il territorio e l’utenza hanno espresso richieste e proposte di collaborazione in merito a

- competenze di cittadinanza:

educazione alla legalità – rispetto del bene pubblico (riduzione atti di vandalismo)

educazione ad un uso responsabile degli strumenti digitali e, in particolare all’uso di internet e di whatsapp (uso consapevole – fake news)

educazione ambientale: il rispetto dell’ambiente, l’importanza del riciclo, le procedure in casi di eventi atmosferici eccezionali, i comportamenti in caso di alluvione

educazione alla salute: prevenzione delle dipendenze – formazione sulle tecniche di primo soccorso

Collaborazione con

Asl3 –Protocollo di intesa fra MIUR e MS  “ Per la tutela del diritto alla salute, allo studio e all’inclusione

Consultorio locale

Pediatra dott. Giancarlo Ottonello

Polizia Postale

Croce Rossa locale

8. Fabbisogno personale

Situazione attuale e proiezione aa.ss. 2016-17 – 2017-18 e 2018-19

n. nati 2010 2011 2012 2013
Tiglieto 0 2 2 3
Rossiglione 26 23 22 33
Campo Ligure 33 16 25 27
Masone 37 21 32 29
hp classi di primaria 2016-17 2017-18 2018-19  
Tiglieto        
Rossiglione 1 1 1 2
Campo Ligure 2 1 1 1
Masone 2 1 2 2
nuovi iscritti all'Infanzia        
Tiglieto 2016-17      
Rossiglione 33      
Campo Ligure 27 è presente Sc Infanzia parificata
Masone 29      

 

Infanzia

Rossiglione: n. 3 sezioni a orario antimeridiano e pomeridiano – n. 6 docenti

Il confronto tra alunni in uscita e alunni in ingresso (in base ai dati forniti dal Comune di Rossiglione, in vista delle future iscrizioni) conferma l’attuale situazione

Campo Ligure: 2 sezioni: una ad orario solo antimeridiano viene trasformata in sezione ad orario lungo grazie all’utilizzo di n. 1 docente del potenziamento della primaria

Il confronto tra alunni in uscita e alunni in ingresso (in base ai dati forniti dal Comune di Campo Ligure, in vista delle future iscrizioni) conferma l’attuale situazione, ma la presenza di una Scuola dell’Infanzia Parificata rende più difficile la proiezione per gli anni successivi. Va affrontato il problema della presenza di n. 2 scuole per la stessa fascia d’età e una natalità in diminuzione

Masone: 4 sezioni: 3 ad orario antimeridiano e pomeridiano, 1 ad orario antimeridiano – n. 7 docenti – la quarta sezione viene fatta funzionare anche ad orario pomeridiano grazie all’organizzazione dell’orario della docente di sostegno e in presenza di una situazione di disabilità che permette questa organizzazione

Il confronto tra alunni in uscita e alunni in ingresso (in base ai dati forniti dal Comune di Masone, in vista delle future iscrizioni) evidenzia una diminuzione della natalità; possibile il calo da 4 a 3 sezioni

Alunni in situazione di h: 1 Sc Infanzia Rossiglione, 1 Sc Infanzia Campo Ligure + 1 in via di attestazione, 1 Sc Infanzia di Masone

Organico – settembre 2017

ORGANICO DI DIRITTO    
Infanzia 16 posti  
Sostegno 1 posto  
Primaria 27 posti 19 ore*
Sostegno 7 posti  
Inglese 1 posto  
Secondaria di I grado    
A022 Lettere 9 cattedre 8 ore
AB25 Inglese 2 cattedre 3 ore
  1 potenziam  
AA25 Francese 1 cattedra 8 ore
A028 Matematica e scienze 5 cattedre 12 ore
A060 Tecnologia 1 cattedra 8 ore
A001 Arte 1 cattedra 8 ore
A030 Musica 1 cattedra 8 ore
A049 Ed fisica 1 cattedra 8 ore

 

INFANZIA

 

PRIMARIA

 

ORGANICO DI DIRITTO 2017-18    
INFANZIA    
posto comune 16  
sostegno 1  
PRIMARIA    
posto comune 27 19 ore*
sostegno 3  
inglese 1  

 

SECONDARIA DI I GRADO


* poi ridotte

Scuola Secondaria di I grado: le classi sono scese da 16 a 15 con conseguenti variazioni di organico, a causa del trasferimento di n. 4 alunni frequentanti la classe prima nell’a.s. 2016-17 a Rossiglione

Primaria

  • Tiglieto: n. 1 pluriclasse che funziona a 27 ore settimanali + 2 di mensa
  • Rossiglione: n. 5 classi che funzionano  a 27 ore settimanali + 2 di mensa
  • Campo Ligure: n. 6 classi che funzionano  a 27 ore settimanali + 2 di mensa
  • Masone: n. 9 classi: 4 a tempo pieno, 5 a tempo ordinario: 27 ore settimanali + 2 di mensa

Secondaria di I grado

  • Rossiglione
    n. 2 classi (T.P.)
  • Campo Ligure
    n. 3 classi (T.P.)
  • Masone
    n. 5 classi (3 a T.P. 2 a T.O.)

 

SITUAZIONE ORGANICO SOSTEGNO

  Gravita Anagrafica Scuole Classe Sezione Ore sost.
anno prec.
Ore
sostegno
richieste
 Ore
assegnate
      Infanzia          
1 Si AA GEAA81401C - ROSSIGLIONE 2 A 10 25  
2   DS CAMPOLIGURE       25  
3   PF MASONE       12  
      Primaria          
4 Si FA. GEMM81401N MASONE 1 A 25 22 24
5 Si OS GEEE81401N - MASONE 2 A 25 24 24
6 Si RA GEEE81401N - MASONE 3 B 24 24 24
7   MS GEEE81401N - MASONE 5 B 12    
8 Si MC GEEE81402P - CAMPO LIGURE 2 A 9 16 24
9 No MK GEEE81402P - CAMPO LIGURE 3 A 0 0 12
10 No MS GEEE81402P - CAMPO LIGURE 4 A 12 12 12
11 NO OA GEEE81403Q - ROSSIGLIONE 3       8
      Secondaria I grado          
12 Si ME GEEE81401N - MASONE 1 B 24 24 24
13 Si HA GEEE81401N - MASONE 1 A 24 24 24
14 No MN GEMM81402N - MASONE 3 A 9 9 12
15 No BB GEEE81402P - CAMPO LIGURE 1 A 16 24 16
16 Si PS GEMM81403P - ROSSIGLIONE 2 A 18 18 18
17 No CB   1 A 20 20 16
18 No CD GEMM81403P - ROSSIGLIONE 3 A 9 18 18

 

7 settembre

  • INFANZIA: 2 posti
  • PRIMARIA: 4 posti
  • MEDIA: 4 posti

INFANZIA:

  • RICHIESTI: 2 posti e 15 ore
  • ASSEGNATI: 2 posti e 10 ore

PRIMARIA

  • RICHIESTI: 6 posti e 10 ore
  • ASSEGNATI: 5 posti

SECONDARIA I GRADO

  • RICHIESTI: 5 posti e 9 ore
  • ASSEGNATI: 4 posti e 9 ore
Infanzia Primaria Secondaria di I grado
Posti attuali Ulteriori posti /
ore richieste
Posti attuali Ulteriori posti /
ore richieste
Posti attuali Ulteriori posti /
ore richieste
  2   15 ore   4   2 posti e 10 ore   4   1 posto e 9 ore
ASSEGNATI IL 9 OTTOBRE in più
  10 ore   1 posto   Solo 9 ore

 

Organico di diritto - Ata

Dsga       n.1

Assistenti amministrativi    n. 4, due dei quali assenti per lunghi periodi; sono state richieste ed assegnate n. 9 ore

Collaboratori scolastici                      n. 14

L’organico dei collaboratori scolastici è quello che ci mette maggiormente in difficoltà visto

  • - il n. dei plessi
  • - l’orario di funzionamento dei plessi

Nonostante l’integrazione con le assegnazione del budget per la ditta di pulizie, è necessaria – ogni anno - l’assegnazione di ulteriori collaboratori scolastici nell’organico di fatto per garantire la copertura dell’orario di funzionamento e non escludere il plesso di Tiglieto, che – anche se ha pochi alunni – richiede copertura totale dell’orario di funzionamento

ORARIO COLL.SCOL. E ASSEGNAZIONI 2017/18  
MASONE PASTORINO A. PIRLO R. MATERESE L. IMPRESA
lun 10,00-17,12 7,30-14,42 7,30-14,42 8,00-12,00 (pulizia palestra/laboratori)
mar 7,30-14,42 10,30-17,42 prim.Tiglieto  
mer 7,30-14,42 10,30-17,42 prim.Tiglieto 12,30-15,30 (pulizia palestra/laboratori)
giov 10,00-17,12 7,30-14,42 7,30-14,42  
ven 7,30-14,42 7,30-14,42 prim.Tiglieto  
  La presenza della sig. Materese il lunedì e il giovedì presso la secondaria è giustificata dal fatto che la sig.Pirlo, in quei giorni, è assente     IMPRESA PRESENTE ALLA PRIMARIA PER 6 ORE GIORNALIERE DI SORVEGLIANZA
  DAL LUNEDI' AL VENERDI'
  (per la pulizia sono previste ore 4,5 giornaliere)   PARODI N. 7,30-14,42  alla primaria dal lunedì al venerdì   PASTORINO O. – usciere, servizio fotocopie…al piano segreteria 7,30-14,42 dal lunedì al venerdì
  RAVERA M. (P.T.) SPAMPINATO A. IMPRESA  
lun == 7,30-14,30 10,30-16,30 IMPRESA: 1 persona dalle 16,30 alle 18,00 dal lun.al giov.e dalle 16,30 alle 18,30 il venerdi
mar == 7,30-14,30 10,30-16,30 per effettuare le pulizie presso la scuola dell’infanzia
mer 7,30-14,30 9,30-16,30    
giov 9,30-16,30 7,30-14,30    
ven 9,30-16,30 7,30-14,30    
CAMPO LIGURE FARACI ODONE F.    
lun 11,00-18,00 7,30-14,30    
mar 11,00-18,00 7,30-14,30 A SETTIMANE ALTERNE
mer 7,30-14,30 11,00-18,00    
giov 7,30-14,30 11,00-18,00    
ven 7,30-14,30 11,00-18,00    
  MINETTI A. MINETTI B. OTTONELLO M.  
lun 10,30-17,42 7,30-13,30    
mar 7,30-14,42 9,00-15,00 7,30-8,30  
mer 7,30-14,42 11,30-17,30    
giov 7,30-14,42   7,30-14,42  
ven 7,30-14,42   7,30-14,42  
ROSSIGLIONE ODONE M.C. CAMPANALE OTTONELLO D. PASTORINO P.
lun 7,30-14,30 11,00-18,00 7,30-14,42 12,00-18,00
mar 11,00-18,00 7,30-14,30 7,30-14,42 12,00-18,00
mer 7,30-14,30 11,00-18,00 7,30-14,42 12,00-18,00
giov 11,00-18,00 7,30-14,30 7,30-14,42  
ven 7,30-14,30 7,30-14,30 7,30-14,42  
  INSERIMENTO MAX DALLE 8,00-8,30 ALLE 12,00-12,30    
  REPETTO D. IMPRESA    
lun 7,30-14,42 10,00-12,30 e 13,30-16,00 impresa presente 1 ora giornaliera dalle
mar 7,30-14,42 10,00-12,30 e 13,30-16,00 16,00 alle 17,00 per la pulizia
mer 7,30-14,42 10,00-12,30 e 13,30-16,00  
giov 7,30-14,42 10,00-12,30 e 13,30-16,00  
ven 7,30-14,42 10,00-12,30 e 13,30-16,00  
P.S. IL DATO ORARIO PER LE IMPRESE E' PURAMENTE INDICATIVO PERCHE' IL LORO LAVORO VA VALUTATO A RESA

 

TIGLIETO

  • MATERESE L.
    • Mart.  7,30-14,42
    • Merc. 7,30-14,42
    • Ven.   7,30-14,42

ASSEGNAZIONE DEI COLLABORATORI SCOLASTICI ALLE VARIE SEDI SCOLASTICHE A.S.2017/18

Plesso   classi alunni H. palestra porta             ore  
campo ligure medie 3+1 86 2 si si Antonella Bruna ore 18 Maura ore 14   1,89      
  elem. 6 meno 1 89 4   si Odone F. Faraci     2      
  materne 2 36     si Elisa 10 ore Ivana 35 ore            
    11 211 6             3,89 45,0 185 0,77
masone medie 6 92 3 si si Pirlo Anna impresa 10 ore Laura h.14 2,39      
  elem. 9 156 4   si Parodi Franc/Patr./Elsa ore 19,5 ciascuna tot.58,50     1      
  materne 3 78 1   si Spampinato Monica ore 21 impresa 25 ore   1,58   ore  
    18 326 8             4,97 93,5 273 0,74
rossiglione medie 4 91 1 si   Donatella Paola ore 18     1,5      
  elem. 5 meno 1 79 1   si Clara Campanale     2      
  materne 3 63 1   si Daniela impresa 30 ore     1   ore  
    7 233 3             4,5 30,0 192 0,77
tiglieto elem. 1 10     si Laura ore 21       0,58      
    1 10 0                    
segreteria             Olimpia   1          
totale alunni I.C.     780           collaboratori 15
persone 17
    168,5    
ad ogni alunno H. ho dato valore 5                        

 

1 Odone Giselda DSGA  
1 Macciò Anita - Ass Amm  
2 Femia Fernanda - Ass Amm  
3 Oliveri Guido - Ass Amm  
4 Ottonello Eva - Ass Amm  
  Collaboratori  
1 Campanale Vincenzo  
2 Faraci  Maria Cristina  
3 Materese Laura  
4 Minetti  Antonella part time
5 Minetti  Bruna  
6 Odone Francesca  
7 Odone M.C  
8 Ottonello Donatella  
9 Parodi Nicla  
10 Pastorino Anna  
11 Pastorino Olimpia  
12 Pastorino Paola  
13 Pirlo Rosa  
14 Ravera Monica part time
15 Repetto Daniela  
16 Spampinato Alessandra  
  15 posti e 14 ore  

 

9. L’organico di potenziamento

Sono stati assegnati

Potenziamento media

  • 1 posto francese
  • 6 ore di inglese

Potenziamento Primaria

4 posti:

  • 1 Infanzia Campo Ligure
  • 1 Primaria Masone
  • 1 posto così distribuito:
    RAMASSA: 5 ore
    MENINI: 10 ore
    PASTORINO C: 7 ore
  • 1 posto su ore compresenza

I progetti per l’utilizzo dell’organico di potenziamento per il 2017-18 riguardano

Scuola secondaria di I grado: potenziamento per conseguimento certificazioni Delf e Ket  - compresenza – recupero – sostituzioni

Scuola primaria: 1 docente utilizzato per potenziare la Scuola dell’Infanzia: funzionamento con orario lungo della sezione di Campo Ligure – 3 docenti per attività di recupero – aumento ore compresenza per attività a piccoli gruppi - sostituzioni

La descrizione dei plessi

10. La formazione dei docenti

Sono state individuate le seguenti PRIORITA’ di FORMAZIONE, che verranno svolte secondo modalità operative e non soltanto di ascolto di lezioni o conferenze, con l’assegnazione di compiti di riflessione e ricerca, confronto, costruzione di percorsi

  • - Formazione sull’articolazione del curricolo secondo linee disviluppo dei nuclei fondanti (attività dei Dipartimenti verticali)
  • - Formazione su innovazione didattica anche attraverso l’uso delle tecnologie
  • - Formazione sulla didattica inclusiva
  • - Formazione sull’organizzazione di un sistema, sul ruolo e i compiti delle figure di sistema
  • - Formazione sulla sicurezza (addetti al primo soccorso, addetti antincendio – preposti – RLS)

I corsi verranno organizzati in Valle Stura (tranne alcuni sulla sicurezza che saranno organizzati insieme agli Istituti della Rete Ponente) per consentire al maggior numero di docenti di prendervi parte

Ipotesi di monte ore annuale di formazione: da 20 a 30 ore annuali, salvo diverse indicazioni fornite dal Piano Nazionale di Formazione

 

2017-18

CORSI DI FORMAZIONE a.s. 2017-18

  1. EDUCAZIONE DEL GESTO GRAFICO
  2. NATI PER LEGGERE
  3. ORE DI FORMAZIONE SULLA DIDATTICA DELL’ITALIANO (proposta che verrà inviata entro gennaio 2018)
  4. OREDI FORMAZIONE SULL’USO DELLE TECNOLOGIE DIGITALI NELLA DIDATTICA (proposta che verrà inviata entro gennaio 2018)

 

1. EDUCAZIONE DEL GESTO GRAFICO

Durata 20 ore (15 in  presenza – 5 di lavoro autonomo)
Docenti Maria Teresa Morasso, grafologa professionista ai sensi della legge 4/2013 specializzata in Educazione del gesto grafico – Referente A.G.I. per la Liguria; Gabriele Giardini, psicomotricista; Elisa Tavella, pedagogista, educatrice professionale, formatrice  
Obiettivi

Migliorare la qualità dell’insegnamento della letto - scrittura e prevenire le difficoltà grafo-motorie e la disgrafia

  • realizzare uno sviluppo grafo-motorio funzionale
  • prevenire le difficoltà grafo-motorie
  • migliorare in qualità e quantità la produzione scritta
  • promuovere l’autostima e la motivazione  
A chi è rivolto Docenti Scuola dell’Infanzia e Primaria
Finanziamento Fondi per la formazione dell’Istituto

 

2. NATI PER LEGGERE

Durata 12 ore
Docenti Docenti individuati nel pool di riferimento regionale e nazionale: Curletto, Ottonello, Pozzo, Apicella, Manente (Ottonello non sono io, cioè DS)
Obiettivi/Argomenti
  • I benefici della lettura in età precoce
  • Presentazione del programma NpL: finalità, obiettivi e modalità operative di collaborazione interprofessionale
  • Lo sviluppo psicomotorio, cognitivo e relazionale del bambino da 0 a 6 anni e l’interazione con i libri (visione di video e discussione)
  • La comunicazione efficace con le famiglie
  • Le modalità di lettura
  • Come operano gli operatori nei contesti educativi e culturali con le famiglie
  • I libri per bambini in età prescolare: tipologie, caratteristiche e criteri di selezione (presentazione, laboratorio di lettura condivisa in piccoli gruppi e restituzione in plenaria)
  • Strategie di comunicazione e materiali utili al programma
  • I libri adatti alla lettura al nido
  • Lo spazio e i tempi: il progetto di lettura (presentazione e discussione)
  • Valutazione e chiusura del corso
A chi è rivolto Docenti Scuola dell’Infanzia e Primaria
Finanziamento Finanziato dai partecipanti. Rivolto anche ai bibliotecari della Valle Stura

 

3. ORE DI FORMAZIONE SULLA DIDATTICA DELL’ITALIANO

INCONTRI CON DIRIGENTE SCOLASTICO sui seguenti argomenti:

  • - aspetti essenziali del curricolo analizzati anno per anno: dai concetti portanti all’articolazione annuale del curricolo;
  • - metodologia (ciò che fa l’insegnante) e attività (ciò che viene richiesto all’alunno) in base ai criteri metodologici condivisi e in relazione a una didattica per competenze;
  • - la relazione curricolo – prove Invalsi;
  • - individuazione di un elemento importante del curricolo, per ciascun anno della scuola primaria, da approfondire negli incontri successivi

n. 3 incontri di 2 ore ciascuno più altri 2 incontri di 2 ore ciascuno come AUTOFORMAZIONE DI GRUPPO

 

CORSO DI FORMAZIONE

Durata

3 incontri da 2 ore ciascuno  
Maggio 2018:
mercoledì 2 maggio
martedì 15 maggio
martedì 22 maggio
Orario: 16.45-18.45  

Altri 3 incontri di 2 ore ciascuno  
Settembre-ottobre2018
Giovedì 6 settembre – orario 9-11
Giovedì 13 settembre – orario: 9-11
Giovedì 4 ottobre – orario 16.45-18.45    

Docenti Iole Ottazzi
Giovanni Mazzetti
Obiettivi
  1. Aumento della consapevolezza del legame tra principi teorici e pratica didattica.
  2. Miglioramento delle pratiche didattiche.
  3. Crescita della capacità progettuale e della relativa messa a punto personale di attività motivanti per gli alunni e meno routinarie nella pratica educativa
  4. Miglioramento di un linguaggio comune tra docenti anche di ambiti e livelli diversi che consenta migliori connessioni interdisciplinari e realizzazione di quanto dichiarato nei documenti ufficiali della scuola.
  5. Messa a fuoco di ulteriori necessità formative derivante da maggiore chiarezza circa la complessità del quadro.
Articolazione degli incontri

Fase 1: maggio

Lezione 1: dalla competenza linguistica alla competenza comunicativa

  1. Gli atti linguistici  e la catena comunicativa
  2. Sfondi, formati e copioni

  Lezione 2: lettura e scrittura come oggetti di valore in relazione alla dotazione di senso

  1.  La teoria attanziale di Greimas: aspetti di logica modale

  Lezione 3 : manipolazione e riflessione sulla lingua, all’interno della competenza comunicativa:

  1. Lingua come codice: sintattica (morfologia, sintassi), pragmatica, semantica e i giudizi del parlante
  2. Linguaggi e codici: la manipolazione dei codici dei linguaggi in genere

  Fase 2: settembre/ottobre  

Lezione 4: lingua come strumento del pensiero:

  1. Il rapporto pensiero e linguaggio
  2. La deissi e la soggettività linguistica
  3. Inferenze e presupposizioni

Lezione 5: l’interpretazione

  1. Lettura: il piacere del testo
  2. Lettura e capacità di sintesi in rapporto a destinatari, contesti e scopi

Lezione 6: scrittura e piacere del testo

  1.  Narrazione e dotazione di senso (funzioni, scopi, punti di vista, tipologie testuali)
  2. Selezione e combinazione in funzione della produzione del testo
A chi è rivolto docenti della Primaria docenti della Secondaria
Per l’iscrizione Inviare una mail a ivanaotto@tin.it entro il 30 aprile

 

4. OREDI FORMAZIONE SULL’USO DELLE TECNOLOGIE DIGITALI NELLA DIDATTICA (proposta che verrà inviata entro gennaio 2018)

Durata

2 incontri da 3 ore ciascuno per i docenti della primaria e altri 2 incontri da 3 ore per i docenti della secondaria di primo grado

Febbraio-marzo

Docenti

Tiziana Ferrando della Scuola di Robotica

Obiettivi

Far sperimentare ai docenti attività da riproporre in classe, ritenute significative per i traguardi di competenza da far conseguire agli alunni non come ricetta, ma come modalità di impostazione dell’azione didattica, grazie anche all’uso delle tecnologia, in grado di motivare e guidare gli alunni all’azione e alla riflessione sull’azione la robotica, il linguaggio di programmazione come modalità per sviluppare processi cognitivi

Partendo dalla definizione di pensiero computazionale, sperimentare i percorsi unplugged e tecnologici di Programmailfuturo, lavorare con Scratch jr e con Scratch, provare un laboratorio di tinkering, sperimentare con eventuali kit robotici a disposizione.

A chi è rivolto

2 incontri per i docc della Primaria

2 incontri peri docc della Secondaria

Dotazioni tecnologiche

un pc per ogni partecipante, bene anche se ognuno si porta il proprio in un'ottica BYOD.

E' necessario tenere presente che possiamo lavorare su tablet per le attività collegate a Programmailfuturo e Scratch jr ma non per Scratch, per il quale è necessario il pc.

Se la scuola è dotata di una rete wifi a cui tutti i partecipanti

Se la scuola è dotata di qualche kit robotico (beebot, bluebot, lego wedo, ecc.) si possono inserire nelle attività proposte

Finanziamento

Fondi per la formazione della scuola e/o card del docente

ALTRO: incontro con Tamagnini su: la relazione in classe – la valutazione – Presentazione del libro: Si può fare

Incontro con Anselmo Roveda: guidare alla scrittura creativa

 

11.LA PROGETTAZIONE PER L’ANNO SCOLASTICO 2017-18

PROGETTI GRATUITI

              PTOF      
              Guidare gli alunni al conseguimento di traguardi EDUCATIVI e COGNITIVI
che consentano loro di inserirsi in contesti più ampi e complessu
              COSTRUZIONE
 TRAGUARDI COMPETENZA:
LO STAR BENE A SCUOLA UNITARIETA' PARI OPPORTUNITA'
              curricolo essenziale
competenze ambito cognitivo
competenze ambito socio-affettivo
competenze chiave
competenza comunicativa
competenza digitale
ambiente di apprendimento
didattica laboratoriale
l'alunno come persona
Relazione docente-alunno
contratto formativo
relazione docente-genitore
patto di corresponsabilità
didattica inclusiva
Armonizzazione risorse umane

Continuità
Orientamento

Collaborazione con enti del territorio

equità degli esiti attraverso condivisione attività e metodologie

potenziamento

recupero

DIPARTIMENTI

PROGETTI GRATUITI con intervento
di esperto
senza intervento di esperto classi coinvolte referente durata/n
incontri o lezioni
richiesta materiali        
Infanzia Masone                    
Lettura e biblioteca scolastica   X alunni dei 5 anni
29 alunni
Durante Paola da nov 2017
a giugno 2018
SI' X X X  
Orto a scuola   X TUTTI Durante Paola ottobre/giugno NO X X X X
Inglese   X alunni 5 anni Carlini Maria gennaio/giugno NO X X X  
Infanzia Rossiglione                    
Laboratorio creativo   X alunni 5 anni Leoncini A. Viola gennaio/maggio NO X X X  
Lettura e prestalibro   X alunni 5 anni Pesce Lucilla novembre/maggio NO        
Infanzia Campo Ligure                    
Okkio alle 3 A X                  
Sono come mangio   X alunni sez.B Cola Natasha febbraio/giugno NO X X   X
Il cane a scuola X   alunni sez B Cola Natasha gennaio/marzo NO X X   X
Primaria Masone                    
Frutta e verdura nelle classi   X TUTTE Ottonello M.A.   NO   X X X
A tutto sport X   TUTTE Sartori Serena classi I e II ottobre/novembre; classi III, IV, V da ottobre/giugno NO X X X X
Enjoying the garden   X classe I Pastorino E. ottobre/maggio NO X X X X
Okkio alle tre A     IIB IIIB              
E-twinning     IVA              
Picasso in mostra     IVA              
L'avventura è diventare grandi X   VA VB Varini, Leoncini, Perrone, Baschiera   NO        
Et voilà X   V Minetto novembre/gennaio NO X X X X
Primaria Campo Ligure                    
Sport per tutti X   IV V Piombo Irma, Traverso, Sobrero, Pastorino Francesca, Pastorino Patrizia, Timossi date da concordare, ma in previsione del torneo Ravano SI' X X X X
Libriamoci   X V              
Et voilà X   V Minetto novembre/gennaio NO X X X X
Let's improve our english   X IV Ravera Angela novembre/aprile NO X X   X
Potenziamo le nostre abilità X   IV V Piombo Irma, Sobrero novembre/giugno NO X X   X
Enjoying the garden   X I Pastorino Patrizia ottobre/maggio NO X X X X
Frutta everdura a 360°   X Tutte Orsetti, Timossi, Maffei, Macciò Giorgia tutto l'anno NO X X X X
Primaria Rossiglione                    
Esperienze nel vivaio X   tutte Cavanna, Cuneo, Ramassa, Zunino, Pastorino C., Pastorino G., Gambardella   NO X X X  
Tecnologia digitale   X tutte Cavanna, Cuneo, Ramassa, Zunino, Pastorino C., Pastorino G., Gambardella ottobre/maggio NO X X X X
Potenziamento   X tutte Pastorino Claudia, Ramassa ottobre/giugno NO X X   X
Piccoli giornalisti   X III IV V Cavanna, Pastorino Giovanna, Zunino ottobre/maggio NO X X X X
Tecnologia e digitale   X III Pastrino Claudia, Pastorino Giovanna ottobre/maggio NO X X X X
Et voilà X   V Minetto novembre/gennaio NO X X X X
Biblioteca X   tutte Cavanna, Pastorino, Zunino dicembre/maggio NO X X X X
L'avventura è diventare grandi X   V Gambardella A. 2^ quadrimestre NO X X X X
Secondaria Masone                    
Unplugged   X 3A/3B Pastorino Andrea ottobre/maggio NO X X X X
Orientamento   X 3A/3B Pastorino Andrea ottobre/gennaio NO X X X X
Soli si nasce, insieme si vive   X tutte Montano Caterina Novembre NO X X X X
A passi scalzi con l'autore X?   1A/1B Montano Caterina un unico intervento a marzo/aprile NO X X X X
A boccaperta X?   3? Montano Caterina da gennaio 1 incontro al mese NO X X X X
Secondaria Campo Ligure                    
Conosciamo il torrente X   1^ Bellotti Rosagrazia una sola giornata da concordare tra marzo e maggio NO X X X  
Stimolazione cognitiva metodo Feuerestein X   1^ Ravera Sabrina fine 1° quadrimestre/2° quadrimestre No X X X X
Secondaria Rossiglione                    
Unplugged   X 3^ Ravera Sabrina ottobre/maggio NO X X X X
L'avventura è diventare grandi X   3^ Ravera Sabrina            

 

PROGETTI FINANZIATI CON IL FIS

PRIORITA'

  • Competenza nella comunicazione
  • Competenza digitale
  • Curricolo, progettazione, valutazione
  • Ambienti di apprendimento
  • Inclusione e differenziazione
  • Continuità e orientamento
  • Sviluppo e valorizzazione risorse Umane (unitarietà)
  • Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie
  Nome progetto   PTOF ore con  alunni ore senza  alunni
1 La certficazione europea  delle competenze in lingua straniera: KET for schools. Giovanna Oliveri Marta Pizzorni Area 1 Area 4 28 20
2 La certificazione europea  delle competenze in lingua straniera: DELF A2 Minetto Area 1 Area 2 Area 3 Area 4    
    Minetto   14 10
    Thyrion   4 5
3 STARTERS YOUNG LEARNERS Cambridge Leoncini Daniela Ravera Angela Area 1 Area 2 Area 4    
    Ravera Angela     7
    Leoncini Daniela   18 7
4 Discontinuità in continuità: “assaggio” di Lingua Francese Patrizia Minetto Area 1 Area 2 Area 3 Area 4 3 2
    Thyrion   1 1
5 Speaking together Cavanna Francesca, Leoncini Daniela, Oliveri Giovanna, Pizzorni Marta, Ravera Angela (5) Area 1 Area 3 Area 4    
    Cavanna Francesca     1,5
    Leoncini Daniela     3
    Oliveri Giovanna   2 3
    Pizzorni Marta   2 3
    Ravera Angela     1,5
6 Continuità Infanzia - Primaria Masone Baschiera Daniela, Leoncini Daniela, Perrone Anna Paola, Varini Angela. Campana Alice, Carlini Maria, Cavalletti Rita, Cavanna Lara, Durante Paola, Leoncini Giuliana, Merlo Monica, Penzo Riccarda, Ravera Maddalena (13) per assegnazione ore vedi prospetto a parte Area 1 Area 2 Area 3 Area 4 12 31
7 Un viaggio in compagnia Piombo I Macciò Giorgia Giuliano Vania Zirino  Rosanna Area 1 Area 2 Area 3 8 8
8 CAMPOLIGURE Infanzia-Primaria Continuità Zirino Rosanna, Giuliano Vania, Pastorino Francesca, Pastorino Patrizia, Orsetti Oriana (n. 5 docenti) Area 1 Area 2 Area 3 8 20
9 Progetto continuità Masone Primaria Secondaria di I grado Pastorino Andrea Area 1 Area 2 Area 3 Area 4 4 3
10 Continuità Puppo Giovanna Macciò Federica Oliveri Anna Maria Baschiera Daniela Varini Angela Leoncini Daniela Perrone Anna Paol Area 2 Area 3 22 34
11 Continuità Sviluppo dei solidi Bistolfi-Gambardella Area 1 Area 2 Area 3 2 4
12 A spasso  per Masone tutti i docenti del plesso 2 h a docente Contando anche inglese e sostegno sono 22 docenti Area 1 Area 2 Area 3 Area 4   40
13 Progetto Natale Il viaggio Oliveri Anna Maria   6 9
14 IMPARARE FACENDO Sec I grado Rossiglione Oliveri Maria Franca Orsi Patrizia Area 1 Area 2 Area 3 Area 4 4  
        138 213

Progetti

138 ore con alunni 4830  
213 ore senza alunni 3727,5  
Cifra a disposizione per i progetti 8574 16,5

PROGETTI NON FINANZIATI

  Nome progetto   PTOF ore con  alunni ore senza  alunni
15 DECORIAMO IL NATALE CAVANNA, CUNEO, GAMBARDELLA, PASTORINO C., PASTORINO G, RAMASSA, ZUNINO (7) Area 1 Area 2 28 21
16 FARE PER COSTRUIRE CUNEO - GAMBARDELLA Area1 Area 2 10 20
17 PROGETTO MUSICALE SCUOLA PRIMARIA CAVANNA, CUNEO, GAMBARDELLA, PASTORINO C., PASTORINO G, RAMASSA, ZUNINO (7) Area 1 Area 2 Area 3 Area 4 28  
18 PROGETTO BEIGUA CAVANNA, CUNEO, GAMBARDELLA, PASTORINO C., PASTORINO G, RAMASSA, ZUNINO (7) Area 1 Area 2 Area 3 42 56
19 Il canyon della Val Gargassa D'Elia Ravera Ponassi Area 1 Area 2 Area 3 Area 4 12  
20 Organizzo costruisco comunico Primaria Campo Tutte le insegnanti del plesso: BOTTERO Bruna GENNARI Rita MACCIO’ Giorgia MACCIO’ Rosa MAFFEI Martina MENINI Paola ORSETTI Oriana PASTORINO Francesca PASTORINO Patrizia PIOMBO Irma RAVERA Angela SOBRERO Natalina TIMOSSI Francesca TRAVERSO Milena 14 docenti Area 1 Area 2 Area 3 24 13
21 Progetto sicurezza Oddone - Leoncini Area 2 Area 3 Area 4 8 2
22 Festival della tecnologia Pastorino Alessandra - Pastorino Elisa - Arimane Maria - Pastorino Patrizia - Oliveri Giulia Pastorino Alessandra - Pastorino Elisa - Arimane Maria - Pastorino Patrizia - Oliveri Giulia 12 8

In caso di avanzi del fis

  1. ore dichiarate dai docenti dello staff oltre le 15 assegnate

Progetti

  1. Progetto Beigua - Rossiglione
  2. Festival della tecnologia Masone
  3. Decoriamo il Natale Ross
  4. Organizzo costruisco comunico  Pr Campo

In caso di ore diqs progetti, non riconosciute con avanzi Fis, riconoscimento punteggio in sede di assegnazione bonus

PROGETTI CON ESPERTI ESTERNI

Infanzia Rossiglione Music English Psicomotricità: Movimente
Primaria Rossiglione Musica: Progetto MNUsicale
Primaria Campo Ligure Musica: FA RE LA MUSICA
Infanzia Masone Musica e Movimento

 

Ogni progetto con esperto esterno è articolato in:

  • - PROGETTO PRESENTATO DALL’ESPERTO
  • - CURRICOLO DELL’ESPERTO
  • - PROGETTO DEL DOCENTE REFERENTE

Scheda di progettazione

Tipologia progetto

  • GRATUITO  SENZA intervento di esperti (entro il 19 ottobre 2017)
  • GRATUITO CON intervento di esperti (entro il 19 ottobre 2017)
  • CON ORE DEI DOCENTI DA RETRIBUIRE CON IL FIS(entro il 10 novembre 2017)*
  • CON ORE DI ESPERTI ESTERNI DA RETRIBUIRE CON FONDI DEI COMUNI (entro il  10 novembre 2017)*

La data potrebbe subire modifiche in base alle tempistiche delle comunicazioni delle risorse disponibili

Informazioni generali

Titolo/Nome del Progetto  
Classe/i coinvolte  
Docente/i referente/i del progetto  
Durata: data di inizio – data di fine indicativa  

 

Il progetto e il PTOF

Indicare in quale AREA DEL PTOF si colloca il progetto

  • AREA 1: I TRAGUARDI DI COMPETENZA
    • aspetti essenziali del curricolo di Istituto
    • acquisizione di traguardi di competenza(cognitive e/o socio-affettive)
    • competenze chiave** – Indicare quale/i: ...
    • costruzione di significativi ambienti di apprendimento
    • didattica laboratoriale, con ruolo attivo, operativo dell’alunno
  • AREA 2: LO STARE BENE A SCUOLA
    • attenzione all’alunno come persona
    • importanza della relazione docente-alunno
    • importanza della relazione docente-genitore – coinvolgimento delle famiglie
    • didattica inclusiva
  • AREA 3:  L’UNITARIETA’
    • attenzione al coinvolgimento di tutti i docenti del Consiglio di classe/del plesso/dell’istituto
    • continuità
    • orientamento
    • collaborazione con enti del territorio
  • AREA 4: LE PARI OPPORTUNITA’
    • attenzione ad  offrire pari opportunità formative alle classi parallele del plesso/alle classi parallele dell’istituto
    • attività di potenziamento
    • attività di rinforzo/recupero
    • relazione con le proposte scaturite dai dipartimenti

** Competenze chiave

Le competenze chiave sono quelle di cui tutti hanno bisogno per la realizzazione e lo sviluppo personali, la cittadinanza attiva, l’inclusione sociale e l’occupazione:

  1. comunicazione nella madrelingua;
  2. comunicazione nelle lingue straniere;
  3. competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia;
  4. competenza digitale;
  5. imparare a imparare;
  6. competenze sociali e civiche;
  7. spirito di iniziativa e imprenditorialità;
  8. consapevolezza ed espressione culturale.

Progettazione

Motivazione che ha portato alla stesura del progetto: a quale/i problema/i – bisogno formativo-  si cerca di dare una risposta?  

Obiettivi: - per gli alunni     e/o   - per i docenti      e/o – altro ..................................................

Modalità di intervento: descrivere come verrà realizzato il progetto (attività, metodologie, tempi, spazi, raggruppamenti di alunni,…..) con particolare attenzione all’AMBIENTE DI APPRENDIMENTO e ai TRAGUARDI DI COMPETENZA

Modalità di verifica e valutazione: indicare brevemente come verranno raccolti gli elementi per la verifica e la valutazione del progetto

M A T E R I A L E RICHIESTO

Descrizione Quantità Prezzo unitario Catalogo (pag.) TOTALE
         

SOLO PER I PROGETTI CHE PREVEDONO ORE DEI DOCENTI DA RETRIBUIRE CON IL FIS O ORE DI ESPERTRI DA RETRIBUIRE CON I FONDI DEI COMUNI–

PER GLI ALTRI PROGETTI: CANCELLARE QUESTA PARTE, non lasciarla in calce al progetto

Prospetto finanziario

N° ore aggiuntive CON alunni (pro-capite) N° ore aggiuntive SENZA alunni (pro-capite) Costo parziale (Riservato ufficio) Costo totale (Riservato ufficio)
       

 

Esperto (ore e costo)

       

 

SCHEDA DI VERIFICA

SCHEDA DI VERIFICA del PROGETTO – ANNO SCOLASTICO 2017-18

Tipologia progetto

  • GRATUITO  SENZA intervento di esperti
  • GRATUITO CON intervento di esperti
  • CON ORE DEI DOCENTI DA RETRIBUIRE CON IL FIS
  • CON ORE DI ESPERTI ESTERNI DA RETRIBUIRE CON FONDI DEI COMUNI

Informazioni generali

Titolo/Nome del Progetto  
Classe/i coinvolte  
Docente/i referente/i del progetto  
Durata: data di inizio – data di fine indicativa  

Il progetto e il PTOF

Riportare in quale AREA DEL PTOF è stato collocato il progetto al momento della sua stesura Illustrare brevemente in che modo il progetto ha consentito di perseguire le finalità del PTOF individuate in fase di progettazione
  • AREA 1: I TRAGUARDI DI COMPETENZA
    • aspetti essenziali del curricolo di Istituto
    • acquisizione di traguardi di competenza (cognitive e/o socio-affettive)
    • competenze chiave** – Indicare quale/i: ...
    • costruzione di significativi ambienti di apprendimento
    • didattica laboratoriale, con ruolo attivo, operativo dell’alunno
  • AREA 2: LO STARE BENE A SCUOLA
    • attenzione all’alunno come persona
    • importanza della relazione docente-alunno
    • importanza della relazione docente-genitore – coinvolgimento delle famiglie
    • didattica inclusiva
  • AREA 3:  L’UNITARIETA’
    • attenzione al coinvolgimento di tutti i docenti del Consiglio di classe/del plesso/dell’istituto
    • continuità
    • orientamento
    • collaborazione con enti del territorio
  • AREA 4: LE PARI OPPORTUNITA’
    • attenzione ad  offrire pari opportunità formative alle classi parallele del plesso/alle classi parallele dell’istituto
    • attività di potenziamento
    • attività di rinforzo/recupero
    • relazione con le proposte scaturite dai dipartimenti

 

 

Il progetto ha consentito agli alunni di confrontarsi ed inserirsi in contesti di riferimento più ampi e complessi?              NO             SI’

Motivare in caso di risposta affermativa .....

 

Problema/bisogno formativo a cui si è cercato di dare una risposta  
Illustrare in che modo il progetto ha dato una risposta al problema/bisogno formativo  

 

Indicare quali obiettivi sono stati raggiunti (gli obiettivi vanno elencati. Non basta la dicitura: tutti gli obiettivi o in parte gli obiettivi sono stati raggiunti)  
In modo completo  
In modo parziale  
Non raggiunti  
3. Indicare quali modalità di intervento sono risultate maggiormente significative  
4. Assegnare una valutazione globale al progetto e MOTIVARE LA VALUTAZIONE ASSEGNATA NON SUFF Da non riproporre SUFF Da migliorare BUONO Da migliorare in alcuni aspetti OTTIMO Da riproporre, non si rilevano criticità
Motivazione della valutazione  

 

RESOCONTO GLOBALE ORE PROGETTO
ORE RICHIESTE al momento della presentazione del progetto ORE ASSEGNATE  in base alle disponibilità delle risorse del FIS ORE SVOLTE
Con alunni Senza alunni Con alunni Senza alunni Con alunni Senza alunni

 

RESOCONTO INDIVIDUALE ORE PROGETTO

PROGETTO: ______________

Docente: ___________

Ore aggiuntive di insegnamento (con alunni) Ore di attività funzionali all’insegnamento (senza alunni)
Data Dalle ore Alle ore Totale ore Data Dalle ore Alle ore Totale ore
               
               
               
               
               
               
TOTALE   TOTALE  

Data e firma progetto: ...

 

RILIEVO DATO AI DIVERSI ASPETTI DELL’AZIONE DOCENTE E ALLE RELAZIONI CON IL PTOF NEI CRITERI PER IL BONUS DOCENTE

Docente:
Scheda per dichiarazione requisiti per accedere al bonus  per la valorizzazione dei docenti
1. PROGETTI
Indicare quali progetti vanno presi in considerazione
Titolo progetto Scheda progettuale con verifica: ALLEGARE COPIA (file)
   
2. FORMAZIONE
ELENCARE CORSI - ALLEGARE COPIA SCHEDA CORSI DI FORMAZIONE(FILE)
 
3. USCITE DIDATTICHE, PARTECIPAZIONE A CONCORSI; STESURA PROGETTI PER PARTECIPAZIONE  A  BANDI EUROPEI E NON
Uscita didattica Ore aggiuntive per le quali non è stato effettuato il recupero
   
Partecipazione a concorsi  
   
STESURA PROGETTI PER PARTECIPAZIONE a BANDI EUROPEI e NON  
1. Stesura progetto per bando...  
2. Stesura progetto per bando...  
4. SITUAZIONI CHE HANNO RICHIESTO ORARIO AGGIUNTIVO NON RETRIBUITO CON IL FIS**
SITUAZIONE  
1  
2  
**: le diverse situazioni saranno portate nel Comitato di valutazione in forma anonima e a ciascuna verrà assegnato un punteggio
5. SITUAZIONI ORGANIZZATIVE COMPLESSE che sono state affrontate, non previste dal CCNL**
SITUAZIONE  
1  
2  
**: le diverse situazioni saranno portate nel Comitato di valutazione in forma anonima e a ciascuna verrà assegnato un punteggio
6. UDA: materiali preparati in fase di progettazione - realizzazione - verifica
indicare quale UDA si vuole venga presa in considerazione e ALLEGARE CIO' CHE SI VUOLE VENGA VALUTATO Se non si vuole partecipare all'assegnazione di questa parte del punteggio, lasciare vuota la casella  

 

1 PROGETTI punti
a. Attinenza a PTOF e PDM  
a1. Il progetto ha consentito agli alunni di confrontarsi con realtà più complesse 2
a2. Il progetto  ha tra le finalità  
  Equità degli esiti 1
  Inclusività 1
  Conseguimento traguardi Competenza Comunicativa 1
  Conseguimento traguardi Competenza Digitale - utilizzo strumenti multimediali 1
  Ruolo attivo dell'alunno - Didattica laboratoriale - attenzione all'Ambiente di apprendimento 1
  Continuità - Orientamento 0,5
  Relazioni con enti del territorio 0,5
  Relazioni con le famiglie 0,5
b. Ore che sono state svolte oltre a quelle che è stato possibile retribuire con il Fis, ma che non superano il monte ore richiesto al momento della presentazione del progetto  
  per ogni ora 0,25
  Punteggio assegnato dal Comitato di valutazione: da 1 a 3 in base a valenza progetto per l'IC  
2 FORMAZIONE  
  25 ore nell'a.s. 2017/18: requisito per poter accedere  
  partecipazione ai Dipartimenti: fino a pt 6 - in base a contributo offerto  
  Partecipazione non attiva 2
  Partecipazione abbastanza attiva 4
  Partecipazione attiva 6
  altri corsi organizzati dall'IC Valle Stura  
  Corso gesto grafico 2
  Corso robotica e pensiero computazionale 2
  Corso italiano 2
  altri corsi organizzati da altri enti  
  significativi per l'Istituto (es: corsi per i quali vanno individuati referenti nell'Istituto) 2
  altri corsi 1
  da 26 a 35  ore di formazione svolte nell'anno scolastico 2017-18 - non coincidenti con l'orario di lezione (senza esonero dal servizio o con esonero ma eccedenti l'orario di servizio) 0,5
  oltre le 35  ore di formazione svolte nell'anno scolastico 2017-18 - non coincidenti con l'orario di lezione (senza esonero dal servizio o con esonero ma eccedenti l'orario di servizio) 0,5
3 USCITE DIDATTICHE, PARTECIPAZIONE A CONCORSI;
STESURA PROGETTI PER PARTECIPAZIONE A BANDI EUROPEI e NON
 
  Uscite didattiche con orario aggiuntivo per il quale non è state effettuato il recupero  
  fino a 2 ore aggiuntive 0,5
  fino a 4 ore aggiuntive 1
  fino a 6 ore aggiuntive 1,5
  fino a 8 ore aggiuntive 2
  oltre le 8 ore aggiuntive 2,5
  Significatività uscita - valutazione Comitato e Ds - da 1 a 3 pt per il cfr con realtà più complesse  
  Partecipazione a concorsi 1
  che hanno consentito di perseguire  
  Equità degli esiti 1
  Inclusività 1
  traguardi Competenza Comunicativa 1
  traguardi Competenza Digitale - utilizzo strumenti multimediali 1
  Ruolo attivo dell'alunno - Didattica laboratoriale - attenzione all'Ambiente di apprendimento 1
  Continuità - Orientamento 1
  Relazioni con enti del territorio 1
  Relazioni con le famiglie 1
  Stesura progetti per partecipazione a bandi europei e non 3
4 SITUAZIONI CHE HANNO RICHIESTO ORARIO AGGIUNTIVO NON RETRIBUITO CON IL FIS  
  i punteggi verranno decisi da Comitato valutazione una volta raccolte le segnalazioni  
5 SITUAZIONI ORGANIZZATIVE COMPLESSE che sono state affrontate, non previste dal CCNL  
  i punteggi verranno decisi da Comitato valutazione una volta raccolte le segnalazioni  
6. UDA: materiali preparati in fase di progettazione - realizzazione - verifica fino a
  Aderenza al curricolo, al Ptof, al Pdm 2
  Chiarezza e coerenza delle fasi di progettazione 2
  Qualità dei materiali prodotti 2
  Utilizzo strumenti multimediali 2
  Modalità di verifica e valutazione 2
  Altro 2
  Fino a un massimo di 12 punti  
  Punteggio motivato assegnato da Ds e Comitato valutazione (fino a pt 4)
(per situazioni che non rientrano nelle precedenti e legate al contributo dato al buon funzio
namento dell'Istituto)
 

 

12. Le schede dei progetti del PTOF messe a punto in avvio di triennio (2016-17, 2017-18, 2018-19) e situazione aggiornata in avvio di a.s. 2017-18

Progetto P1a – Il curricolo

Denominazione progetto

Il curricolo

Priorità cui si riferisce

a) La costruzione di traguardi di competenza

d) Le pari opportunità

Traguardo di risultato

  • Avere a disposizione il curricolo di istituto organizzato per linee di sviluppo verticale dai 3 ai 14 anni a partire dai nuclei fondanti, con esemplificazioni di attività, metodologie, strategie di organizzazione e conduzione del gruppo classe sia per la parte dell’area socio-affettiva (competenze di cittadinanza) sia per la parte dell’area cognitiva
  • Avere approfondito le relazioni tra Competenze chiave per l’apprendimento permanente e il curricolo di istituto
  • Avere approfondito alcuni aspetti relativi alla competenza comunicativa in lingua italiana (anche al fine di migliorare i risultati delle prove nazionali, ma soprattutto per innovare la didattica di questa disciplina)
  • Avere aumentato le esperienze di didattica laboratoriale e di costruzione di ambienti di apprendimento secondo la prospettiva di trasformare l’aula in laboratorio e non di aumentare i laboratori come spazi a se stanti
  • Rendere i dipartimenti elementi costitutivi dell’organizzazione dell’Istituto
    • sia i dipartimenti per disciplina in verticale
    • sia i dipartimenti per disciplina per la Scuola Secondaria di I grado
  • finalizzati a
  • confronto e successiva progettazione e  realizzazione di iniziative, anche per classi parallele, al fine di migliorare l’equità degli esiti

 

Obiettivi di processo

 

 

 

a.s. 2017-18 – integrazioni – modifiche - precisazioni

Stretto collegamento con

  • Progetto P4c.2. Il potenziamento:
  • Progetto P4c.2b. La competenza comunicativa
    • in italiano
    • In L2
  • Progetto P4c.2c. La competenza digitale

 

Organizzare n. 6 incontri

2 a settembre

4 durante l’a.s.

 con odg che prevedano

- confronto e progettazione su parte del curricolo delle competenze di cittadinanza (settembre)

- - confronto e progettazione in relazione a un nucleo fondante per ogni disciplina –

Confronti e progettazioni comprensivi di aspetti legati a valutazione Osa e traguardi di competenza

- realizzazione e confronto (3 incontri durante a.s.)

- conclusioni (1 incontro verso maggio-giugno) – raccolta materiali e costruzione archivio buone pratiche

pianificazione obiettivi e incontri sulla conoscenza delle tecniche di primo soccorso per gli alunni della secondaria di I grado: avvio nelle prime classi

Organizzare n. 6 incontri

2 a settembre

4 durante l’a.s.

 con odg che prevedano

- confronto e progettazione in relazione a due nuclei fondanti per ogni disciplina e loro relazioni con competenza comunicativa e competenza digitale (settembre)

- confronto e progettazione su due competenze chiave trasversali alle diverse discipline (settembre)

Confronti e progettazioni comprensivi di aspetti legati a valutazione Osa e traguardi di competenza

- confronto e progettazione su costruzione ambienti di apprendimento e didattica laboratoriale

realizzazione e confronto (3 incontri durante a.s.)

- conclusioni (1 incontro verso maggio-giugno) - –raccolta materiali e costruzione archivio buone pratiche

pianificazione obiettivi e incontri sulla conoscenza delle tecniche di primo soccorso per gli alunni della secondaria di I grado: coinvolgimento classi prime e seconde

Organizzare n. 6 incontri

2 a settembre

4 durante l’a.s.

 con odg che prevedano

confronto e progettazione in relazione a due nuclei fondanti per ogni disciplina e loro relazioni con competenza comunicativa e competenza digitale (settembre)

- confronto e progettazione su due competenze chiave trasversali alle diverse discipline (settembre)

Confronti e progettazioni comprensivi di aspetti legati a valutazione Osa e traguardi di competenza

- confronto e progettazione su costruzione ambienti di apprendimento e didattica laboratoriale

realizzazione e confronto (3 incontri durante a.s.)

- conclusioni (1 incontro verso maggio-giugno) – raccolta materiali e costruzione archivio buone pratiche

Raccolta e pubblicazione sul sito web del lavoro del triennio

pianificazione obiettivi e incontri sulla conoscenza delle tecniche di primo soccorso per gli alunni della secondaria di I grado: coinvolgimento di tutte le classi

nuova normativa sulla valutazione e sull’esame conclusivo: analisi e ricadute su curricolo area socio-affettiva

relazioni tra area socio-affettiva-certificazione competenze-stesura giudizio globale

2. Analisi del Decreto 62/2017 sulla valutazione;

3. Analisi DM 741 e 742 del 3 ottobre 2017

4. Analisi Nota 1865 del 10 ottobre 2017

- competenze trasversali del curricolo e certificazione competenze

- versione curricolo verticale  dopo i lavori dei dipartimenti dell’a.s. 16-17 – condivisione nei dipartimenti orizzontali

- revisione del curricolo di tecnologia per primaria e secondaria

- stesura del  curricolo digitale (Animatore Digitale e staff digitale)

- organizzazione dipartimenti orizzontali con finalità

Equità degli esiti tra le sezioni/classi – tra i plessi

MODALITA’ OPERATIVE:

compiti precisi assegnati a

intersezioni/interclassi/consigli di classe di inizio anno

Dipartimenti in corso d’anno

Gruppi di lavoro: staff  DS – staff digitale

Assegnazione OBIETTIVI  DI RISULTATO

Situazione su cui si interviene

Durante l’anno scolastico 2014/15 sono già stati realizzati 5  incontri tra i docenti di tutti gli ordini di scuola divisi in dipartimenti:

  • Linguaggi non verbali
  • Lingue straniere
  • Ambito antropologico
  • Ambito logico matematico
  • Ambito Italiano

Mirati a un confronto finalizzato a uno sviluppo in verticale dei  nuclei fondanti del curricolo d’Istituto

Alla fine di questi incontri sono state prodotte le relazioni finali , una per ciascun ambito, dalle quali emerge una non ancora completa condivisione dell’uso del curricolo, soprattutto negli aspetti metodologici e in relazione alle competenze chiave, e la necessità di rielaborare lo stesso al fine di renderlo più omogeneo anche sotto il profilo della struttura.

E’ necessario inoltre strutturare allo stesso modo i curricoli dei diversi ordini di scuola di una stessa disciplina.

E’ necessario rivedere l’aspetto dell’area socio-affettiva e confrontarci sulla competenza digitale

Dopo aver rivisto il curricolo verticale è necessario, in questo anno scolastico, una condivisione e un approfondimento dei curricoli per ordine di scuole

La finalità è quella di passare dal curricolo dichiarato al curricolo realizzato per offrite a tutti

PARI OPPORTUNITA’
EQUITA’ degli ESITI

Attività previste

Analisi dell’ attuale curricolo

Riflessione e confronto su ciò che va mantenuto e su ciò che va modificato

Tentativo di uniformare il documento utilizzando il nucleo fondante  come trait d’union tra i diversi ordini di scuola

Stesura di percorsi sia in verticale che  in parallelo e raccolta delle buone pratiche in archivio accessibile ai docenti

Compiti dei Dipartimenti nell’a.s. 2017-18

Il Dipartimento analizzerà il curricolo di ____, dopo il lavoro portato avanti nei dipartimenti verticali dell’a.s. 2016-17, tenendo presenti questi punti:

- aspetti essenziali del curricolo analizzati anno per anno: dai concetti portanti all’articolazione annuale del curricolo;

- metodologia (ciò che fa l’insegnante) e attività (ciò che viene richiesto all’alunno) in base ai criteri metodologici condivisi e in relazione a una didattica per competenze;

- la relazione curricolo – prove Invalsi;

- individuazione di un elemento importante del curricolo, per ciascun anno della scuola primaria, da approfondire negli incontri successivi

Risorse finanziarie necessarie per acquisti strumentazione e servizi

nessuna

 

Risorse umane (ore) / area

Risorse per retribuzione risorse umane

Funzioni strumentali:
coordinatori dei dipartimenti (n. 4)
animatore digitale (n. 1)
Budget assegnato per le FS

Funzioni strumentali:
animatore digitale
Budget assegnato per le FS e per l’animatore digitale
FIS per lo staff digitale

Altre risorse necessarie

Eventuali altri risorse, attinte dal Fis, per retribuire un totale di
30 ore a testa (30 x 5 = 150 ore funzionali) ogni anno

 

Indicatori utilizzati

Valori/situazioni attese

 

Numero nuclei fondanti rielaborati all’interno del curricolo

Numero di esempi di buone pratiche esemplificate nella raccolta materiali

Numero di docenti che utilizzano le buone pratiche per almeno la metà dell’attività progettate e realizzate (documentazione: sviluppo UDA)

 Alla fine del triennio:

l’utilizzo sistematico delle buone pratiche e la completa rielaborazione e utilizzo del nuovo curricolo nella programmazione di ciascun docente

Molto importanti le relazioni di fine a.s. messe a punto nei diversi dipartimenti

 

Progetto P1b  – L’organizzazione dell’orario

Denominazione progetto

L’organizzazione dell’orario

Priorità cui si riferisce

a) La costruzione di traguardi di competenza

d) Le pari opportunità

Traguardi di risultato

  • Avere adottato un’organizzazione oraria, soprattutto nella scuola secondaria di I grado, che risponde ad  alcune criticità, subentrate dopo la distribuzione dell’orario su 5 giorni e favorisce i modi e i tempi del curricolo
  • Avere aumentato le esperienze di didattica laboratoriale e di costruzione di ambienti di apprendimento secondo la prospettiva di trasformare l’aula in laboratorio e non di aumentare i laboratori come spazi a se stanti

 

Obiettivi di processo

Primo anno

Secondo anno

Terzo anno

a.s. 2017-18 – integrazioni – modifiche - precisazioni

 

Nominare una commissione per la raccolta e l’analisi di proposte di organizzazione dell’orario

Coinvolgimento di membri del Consiglio di istituto – componenti genitori  nella commissione

Messa a punto di una nuova organizzazione oraria

Applicare nuova organizzazione oraria

Monitorare

Valutare

Applicare organizzazione oraria con eventuali modifiche-integrazioni

Monitorare

Valutare

Definire nuovo modello orario definitivo

Monitorare il nuovo orario attraverso:

- frequenza ai laboratori

- consigli di classe tecnici e giuridici

Situazione su cui si interviene

Da alcuni anni la scuola secondaria di primo grado ha adottato la settimana corta inserendo le 5 ore del sabato mattina in due pomeriggi curricolari: uno da tre ore (uscita alle 17:10) uno da due ore (uscita alle 16:10). Si aggiunge un terzo pomeriggio facoltativo per i laboratori, sempre meno frequentato dagli alunni, a causa anche di impegni extrascolastici, quali l’attività sportiva. In questi anni si è notato che il pomeriggio da tre ore risulta di difficile gestione soprattutto per la stanchezza accumulato in 9 ore di permanenza a scuola.

La situazione oraria della scuola primaria non presenta criticità che possano motivare una modifica. Andrà valutata la possibilità di offrire un terzo pomeriggio ad alcune classi (IV e V, per es) del tempo ordinario, grazie all’organico potenziato

Rispetto alla didattica laboratoriale e alla costruzione di ambienti di apprendimento nell’Istituto c’è una esperienza consolidata, ma non completamente generalizzata, di buone pratiche, quali:

  • il lavoro a piccoli gruppi, favoriti anche dal posizionamento dei banchi a formare isole di lavoro
  • l’apprendimento collaborativo attraverso l’attività di tutoring tra pari
  • costruzione di mappe mentali/concettuali trasversali attraverso l’attività di brain-storming

La variazione dell’organizzazione oraria dovrà mirare a una maggiore possibilità di adozione della didattica laboratoriale

La frequenza ai laboratori del secondo pomeriggio e ai laboratori di potenziamento sarà il criterio per verificare se la modifica dell’orario ha portato ai risultati voluti

Le famiglie, soprattutto a Rossiglione, e soprattutto in una classe, non hanno accolto positivamente la modifica. L’orario di uscita alle 13.55 appare loro troppo pesante. Non tengono conto che i ragazzi dovranno – finita la III media – frequentare le superiori a Genova o nel Basso Piemonte con rientro a casa verso le ore 15. Oltre all’obiettivo della frequenza ai laboratori, il nuovo orario si propone di presentare ai ragazzi con gradualità le difficoltà che dovranno affrontare.

Non si riesce neppure quest’anno ad offrire il terzo pomeriggio: sono state tagliate ore dall’organico e non sempre le persone collocate sul potenziamento garantiscono continuità

La didattica laboratoriale e la costruzione di ambienti di apprendimento è stata strettamente legata al piano d’inclusività

Attività previste

Costituzione di una commissione

Confronto tra diverse ipotesi di modelli orario

Individuazione del modello orario più adatto al raggiungimento degli obiettivi di questo progetto e degli altri progetti del Ptof

Proposta adeguatamente motivata al Consiglio di Istituto

Adozione dell’orario

Monitoraggio

Valutazione conclusiva

Adozione in modo definitivo del modello

Fasi per questo a.s.

Adozione dell’orario

Monitoraggio

Valutazione conclusiva

Adozione in modo definitivo del modello

Risorse finanziarie necessarie per acquisti strumentazione e servizi

 

 

Risorse umane (ore) / area

Risorse per retribuzione risorse umane

n. Pacchetto di 20 ore funzionali del Fis per la retribuzione dei  componenti della commissione per la rielaborazione dell’orario, che si ipotizzano in numero di 4.

 

Altre risorse necessarie

 

 

Indicatori utilizzati

Valori/situazioni attese

 

n. di pomeriggi di lezione curricolare

n. di ore di lezione al giorno

n. di ore di compresenza per attività laboratoriali

Numero di attività, anche trasversali, significative in cui l’allievo sia sempre più coinvolto e motivato ad affrontare e risolvere compiti autentici

Migliorare la relazione orario delle lezioni – tempi di attenzione e apprendimento

Dare la possibilità ai docenti di tutte le discipline di avere ore in compresenza.

Aumentare il n. delle attività che prendono avvio da compiti autentici in ogni ordine di scuola

Monitoraggio dei risultati raggiunti in base agli indicatori e alle situazioni attese

 

Progetto P2a – Le relazioni docente-alunno e docente-genitore

Denominazione progetto

Le relazioni docente-alunno e docente-genitore

Priorità cui si riferisce

b) Lo stare bene a scuola

Traguardi di risultato

  • Avere ridato senso e significato al contratto formativo con gli alunni e al patto di corresponsabilità con i genitori, in stretto collegamento con le competenze di cittadinanza

 

Obiettivi di processo

Primo anno

Secondo anno

Terzo anno

a.s. 2017-18 – integrazioni – modifiche - precisazioni

Stretta relazione con il Progetto P1a per la parte relativa alle competenze di cittadinanza

Predisporre questionario (da somministrare alla fine dell’a.s. 2015-16 o in avvio 2016-17) a.s. per alunni e famiglie su

- aspetti relazionali e di condivisione

Predisporre un modello che metta in stretta relazione la parte del curricolo delle competenze di cittadinanza con la stesura del contratto formativo con gli alunni e il patto di corresponsabilità con i genitori, anche al fine di creare una condivisione nei modi di procedere

Organizzare incontro con i docenti e i genitori per stesura e condivisione patto di corresponsabilità

Predisporre monitoraggio intermedio

 

Utilizzare modello per contratto formativo e patto di corresponsabilità e raccogliere elementi per revisione

 

Organizzare incontro con i docenti e i genitori per stesura e condivisione patto di corresponsabilità

Predisporre monitoraggio intermedio

Applicare, monitorare, valutare

- risultati conseguiti con applicazione

- Modalità condivise per stesura contratto formativo e patto di corresponsabilità

- piano inclusivo di classe

 

Proporre modifiche/integrazioni

 

Il modello del patto-contratto è stato unificato*

Stesura patti e contratti formativi secondo le relazioni stabilite tra

Programmazione area socio-affettiva-patto contratto – valutazione comportamento tenendo conto anche della nuova normativa

Questionario da proporre ad aprile-amggio

Situazione su cui si interviene

Nell’istituto vengono utilizzati differenti modelli relativi a contratto formativo e patto di corresponsabilità; sarebbe invece  significativo l’uso di un modello unificato come strumento efficace per lo sviluppo delle competenze di cittadinanza attraverso un percorso graduale ed unitario nei diversi gradi di istruzione.

Con il contratto formativo ed il patto di corresponsabilità si regola la relazione docente-alunno e docente-genitore: per questo si ritiene di dover  mettere in pratica azioni che portino tali soggetti ad una maggior consapevolezza  rispetto al significato dei patti che concordano ogni anno

Mettere al centro la relazione

Docente- alunno

Docente-genitore

Attraverso la condivisione di obiettivi

Attività previste

Primo anno

  • somministrazione di un questionario agli alunni relativo al contratto formativo (secondo ciclo primaria e scuola secondaria di primo grado)
  • somministrazione di un questionario ai genitori relativo al patto di corresponsabilità
  • condivisione e analisi da parte di una commissione di docenti dei risultati dei questionari con cui individuare il grado di consapevolezza di genitori ed alunni rispetto ai documenti
  • incontri della medesima commissione per la stesura di un modello unificato di contratto formativo e di patto di corresponsabilità, utilizzabile nei diversi gradi di istruzione dell’istituto, realizzato a partire dalle competenze di cittadinanza del curricolo e da ciò che è emerso dai questionari
  • a partire dal modello unificato proposto:
  • stesura condivisa del patto di corresponsabilità con i genitori (assemblea)
  • stesura condivisa del contratto formativo con gli alunni (discussione collettiva con cui si stabiliscono gli impegni assunti da docenti e alunni)

successivamente (monitoraggio intermedio):

  • incontro con i genitori per monitorare l’efficacia del patto di corresponsabilità e stabilire eventuali modifiche (assemblea)
  • discussione con gli alunni per monitorare l’efficacia del contratto formativo e stabilire eventuali modifiche

Secondo anno

  • tenendo conto di ciò che è stato verificato nella discussione con genitori/alunni rispetto ai documenti se ne utilizza, per il secondo anno, la versione modificata:
  • stesura condivisa del patto di corresponsabilità con i genitori (assemblea)
  • stesura condivisa del contratto formativo con gli alunni
  • successivamente (monitoraggio intermedio):
  • incontro con i genitori per monitorare l’efficacia del patto di corresponsabilità e stabilire eventuali modifiche (assemblea)
  • discussione con gli alunni per monitorare l’efficacia del contratto formativo e stabilire eventuali modifiche

Terzo anno

Valutazione del percorso fatto tramite:

  • somministrazione di un nuovo questionario agli alunni relativo al contratto formativo (secondo ciclo primaria e scuola secondaria di primo grado)
  • somministrazione di un nuovo questionario ai genitori relativo al patto di corresponsabilità
  • condivisione e analisi da parte di una commissione di docenti dei risultati dei questionari con cui individuare il grado di consapevolezza di genitori ed alunni rispetto ai documenti, confrontando i risultati  ottenuti nei due questionari
  • riflessione sull’efficacia dei due documenti riscontrata negli anni di applicazione da cui possono emergere eventuali modifiche e/o integrazioni dei modelli per giungere alla versione definitiva.

 

Ampio spazio alla riflessione su patto e contratto

Nei Consigli di classe

Nelle Assemblee con i genitori

Nelle attività con gli alunni

Risorse finanziarie necessarie per acquisti strumentazione e servizi

 

 

Risorse umane (ore) / area

Risorse per retribuzione risorse umane

Commissione formata da docenti rappresentanti di ogni plesso (ordine e grado) dell’istituto .

Si prevedono indicativamente 3 incontri l’anno di 2 ore ciascuno. Commissione formata da 4 docenti

4x2x3 = 24 ore funzionali per gli incontri + ulteriori 4 ore funzionali a testa (16 ore) per rielaborazione materiali = 40 ore funzionali dal FIS

 

Altre risorse necessarie

 

 

Indicatori utilizzati

Valori/situazioni attese

 

- partecipazione e livello consapevolezza dei genitori misurata attraverso il n. dei questionari restituiti e percentuale distribuzione risposte

- n. classi in cui contratto formativo e patto di corresponsabilità sono stati preparati seguendo la procedura condivisa e il modello concordato

- n. valutazioni sommative argomentate e descritte utilizzando gli indicatori dell’area socio-affettiva, del contratto formativo e del patto di corresponsabilità

Si vuole raggiungere

- una stretta correlazione tra programmazione area socio-affettiva (competenze di cittadinanza) – contratto formativo e patto di corresponsabilità – valutazione delle competenze di cittadinanza, anche ai fini della verifica e valutazione sommativa

- il coinvolgimento consapevole di alunni e genitori

- il miglioramento del clima di classe accompagnato da un aumento del livello di consapevolezza della responsabilità di ciascuno nel determinarlo

 

 

MODELLO PATTO -  CONTRATTO FORMATIVO

PREMESSA

AREA SOCIO-AFFETTIVA E CERTIFICAZIONE COMPETENZE

SCUOLA PRIMARIA

1a. Rispetto di
regole

1b. Convivenza civile

2a. Socializza
zione

2b Collabora
zione

2c. Controllo
emotivo

3a. Partecipa
zione

3b. Impegno

4. Autonomia
organizza
tiva

5. Autovaluta
zione

Competenze sociali e civiche - n. 6

Spirito di iniziativa
n. 7

Consapevolezza ed espressione culturale
n. 8b

Conoscere e rispettare le regole

Avere cura
e rispetto di sé, degli altri e dell'ambiente

Rispettare
se stesso e gli altri

Relazio
narsi correttamente

Agire in situazioni di gruppo

Fare e accettare critiche da parte di compagni e adulti

Riconosce
re e  control
lare le emozioni

Ascoltare e intervenire

Portare
a termine gli impegni assunti

Gestione del tempo, dello spazio, dei materiali

Essere responsabili del proprio comportamento- Utiliz
zare in modo appropriato i momenti di correzione
Valutare le proprie comp

Ha cura e rispetto di sé, degli altri e dell’ambiente. Rispetta le regole condivise e collabora con gli altri. Si impegna per portare a
compimento il lavoro iniziato, da solo o insieme agli altri.

Dimostra originalità e spirito di iniziativa. È in grado di realizzare semplici progetti. Si assume le proprie responsabilità, chiede aiuto
quando si trova in difficoltà e sa fornire aiuto a chi lo chiede.

Riconosce le
 diverse identità, le tradizioni culturali e religiose in un’ottica di dialogo e di rispetto reciproco

 

 

 

 

 

 

 

 

 

soprattutto
1a-1b-2a-2b-2c

soprattutto
3a-3b-4-5

1b-2b: in caso di livelli diversi tra le due voci, attribuire maggiore peso a 1b

 

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

CERTIFICARE LE COMPETENZE COLLEGATE CON L'AREA SOCIO-AFFETTIVA

COMPORTAMENTO VERSO GLI ALTRI E IL CONTESTO

COMPORTAMENTO VERSO L'APPRENDIMENTO

1
RISPETTO
REGOLE

2
CONVIVENZA
CIVILE

3
SOCIALIZZA
ZIONE

4
COLLABORAZIONE

5
GESTIONE EMOZION

6
PARTECIPAZIONE

7
IMPEGNO

8
AUTONOMIA
ORGANIZZATIVA

9
AUTOVALU
TAZIONE

LIVELLI: INIZIALE (5-6) - BASE (7) - INTERMEDIO (8) - AVANZATO (9 e 10)

 

n. 6
COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE:
Ha cura e rispetto di sé e degli altri come presupposto di uno stile di vita sano e corretto. E’ consapevole della necessità del rispetto di una convivenza civile, pacifica e solidale. Si impegna per portare a compimento il lavoro iniziato, da solo o insieme ad altri

n. 7
SPIRITO DI INIZIATIVA E IMPRENDITORIALITA
Ha spirito di iniziativa ed è capace di produrre idee e progetti creativi. Si assume le proprie responsabilità, chiede aiuto quando si trova in difficoltà e sa fornire aiuto a chi lo chiede. E’ disposto ad analizzare se stesso e a misurarsi con le novità e gli imprevisti

n. 8a
CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE: Riconosce ed apprezza le diverse identità, le tradizioni culturali e religiose, in un’ottica di dialogo e di rispetto reciproco.

1

2

3

4

7

 

4

5

6

8

9

 

2

3

4

 

 

CONTRATTO FORMATIVO

BISOGNI DEL GRUPPO CLASSE IN RELAZIONE AI TRAGUARDI DELLE COMPETENZE 6-7-8b (Primaria) – 8a (secondaria) così come sono articolati nel curricolo dell’Area socio-affettiva

SCUOLA PRIMARIA

COMPORTAMENTO VERSO GLI ALTRI E IL CONTESTO

COMPORTAMENTO VERSO L’APPRENDIMENTO

1a. Rispetto di
regole

1b. Convivenza civile

2a. Socializza
zione

2b Collabora
zione

2c. Controllo
emotivo Gestione emozioni

3a. Partecipa
zione

3b. Impegno

4. Autonomia
organizza
tiva

5. Autovaluta
zione

 

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

COMPORTAMENTO VERSO GLI ALTRI E IL CONTESTO

COMPORTAMENTO VERSO L?APPRENDIMENTO

1. Rispetto di
regole

2. Convivenza civile

3. Socializza
zione

4 Collabora
zione

5. Gestione emozioni

6. Partecipa
zione

7. Impegno

8 Autonomia organizzativa

9. Autovaluta
zione

ATTENZIONE: VANNO INDIVIDUATI SOLO GLI ASPETTI CHE RICHIEDONO MAGGIORE ATTENZIONE

Competenze chiave

Da certificazione competenze

Competenze e Osa dal curricolo dell’area socioaffettiva (NON TUTTE!!!)

I docenti si impegnano a

Gli alunni si impegnano a

 

RISPETTO DI REGOLE

 

 

 

CONVIVENZA CIVILE

 

 

 

SOCIALIZZAZIONE

 

 

 

COLLABORAZIONE

 

 

 

GESTIONE EMOZIONI

 

 

 

PARTECIPAZIONE

 

 

 

IMPEGNO

 

 

 

AUTONOMIA ORGANIZZATIVA

 

 

 

AUTOVALUTAZIONE

 

 

 

PATTO DI CORRESPONSABILITA’

Competenze chiave

Competenze e Osa dell’area socioaffettiva (NON TUTTE!!!)

I docenti si impegnano a

Gli alunni si impegnano a

I genitori collaborano in questo modo:

 

Progetto P2b – La didattica inclusiva

Denominazione progetto

La didattica inclusiva

Priorità cui si riferisce

b) Lo stare bene a scuola

Traguardi di risultato

- Applicare nelle classi una didattica inclusiva per ogni alunno

 

Obiettivi di processo

Primo anno

Secondo anno

Terzo anno

2017-18 – integrazioni – modifiche - precisazioni

 

Stretta relazione con il Progetto P1a per la parte relativa alle competenze di cittadinanza

Modificare il piano inclusivo di classe

Formazione sulla didattica inclusiva

Utilizzare il piano inclusivo di classe

Verificare significatività piano inclusivo di classe

Utilizzare il piano inclusivo di classe

Verificare significatività piano inclusivo di classe

Arrivare a stesura definitiva piano inclusivo di classe

Utilizzo modello predisposto in relazione alla presentazione del gruppo classe e all’indagine sugli stili cognitivi

Viene fornito il materiale del corso sull’inclusività con indicazioni operative

Situazione su cui si interviene

Il modello di piano adottato quest’anno è stato il tentativo di avviare il confronto e la sottoscrizione di un impegno per la didattica inclusiva per tutti.

L’uso di tale documento ha incontrato alcune difficoltà nel descrivere concretamente le pratiche didattiche adottate da ciascun consiglio di classe. C’è il rischio che diventi una dichiarazione di intenti più che una reale guida all’utilizzo di una didattica inclusiva. Si sente quindi l’esigenza di rielaborare il modello al fine di renderlo maggiormente esaustivo rispetto alle strategie adottate.

Inoltre per attuare sempre più consapevolmente una didattica inclusiva nelle classi dell’istituto, si ritiene utile svolgere della formazione relativamente alle strategie didattiche utili a favorire l’inclusione.

Importante:

conoscere la classe nelle sue caratteristiche, anche attraverso indagine su stili cognitivi, per adottare strategie inclusive efficaci

Attività previste

  • - incontri di formazione sulla didattica inclusiva (stili di apprendimento, bisogni educativi speciali, strategie inclusive, metodologia,..);
  • - analisi di alcuni modelli di piani inclusivi di classe nei quali riscontrare vantaggi e criticità rispetto al modello adottato dall’istituto;
  • - stesura del nuovo piano inclusivo di classe e condivisione da parte dei docenti
  • - uso del nuovo piano inclusivo nelle classi con bisogni educativi speciali
  • - analisi delle nuove criticità riscontrate dai consigli di classe che lo hanno utilizzato e condivisione
  • - modifica, sulla base delle criticità emerse, del piano inclusivo
  • - uso del nuovo piano inclusivo nelle classi con bisogni educativi speciali
  • - verifica della significatività del piano inclusivo di classe da parte dei consigli di classe che ne evidenziano vantaggi e criticità
  • - raggiungimento di una versione definita del piano inclusivo

 

Utilizzo piano inclusività

verifica della significatività del piano inclusivo di classe da parte dei consigli di classe che ne evidenziano vantaggi e criticità

- raggiungimento di una versione definita del piano inclusivo

Risorse finanziarie necessarie per acquisti strumentazione e servizi

/

/

Risorse umane (ore) / area

Risorse per retribuzione risorse umane

Commissione di docenti da retribuire con i fondi del FIS – 3 incontri di 2 ore ciascuno – n. 4 docenti:  4 docc x 3 incontri x 2 ore = 24 ore funzionali + altre 4 ore funzionali a testa per preparazione e elaborazione materiali. Totale: 40 ore funzionali

Retribuzione di esperto per n. 3 moduli di 2 ore ciascuno – totale 300 euro – fondi Formazione

Per 2017-18: coordinatori dei Consigli di classe

Altre risorse necessarie

Utilizzo sala riunioni per incontri in plenaria e formazione

 

Indicatori utilizzati

Valori/situazioni attese

 

-  numero docenti che partecipano agli incontri di formazione

- numero di incontri prefissati per la stesura del modello del piano inclusivo, fino al raggiungimento della versione definitiva

- numero delle programmazioni nelle quali si dedicano spazi di riflessione/programmazione relativi all’inclusione.

- numero di docenti che utilizzano pratiche inclusive all’interno dei percorsi didattici esplicitati nelle uda

- numero di contatti a sportelli di ascolto, specialisti, terapisti per consulenze sulla inclusività

- n. di consigli di classe che utilizzano in modo significativo il modello del piano inclusivo.

- buon livello di adesione da parte dei docenti agli incontri di formazione

- 3 incontri

- aumento negli ordini del giorno di voci relative ad azioni di inclusività

- aumento del numero di docenti che utilizzano pratiche inclusive all’interno dei percorsi didattici esplicitati nelle uda

- aumento di consulenze ed incontri che possano dare spunti per migliorare le strategie per l’inclusione

- aumento del numero di consigli di classe che utilizzano il piano inclusivo in modo significativo

 

Attenzione ai punti 3-4-5-6

 

Presentazione della classe

Plesso  
Classe  
n. alunni  
n. alunni in situazione di disabilità  
n. alunni DSA e tipo di DSA  
n. alunni stranieri e informazioni su: da quale paese provengono – da quanto sono in Italia – livello di padronanza della lingua italiana  
n. alunni che presentano difficoltà di apprendimento (senza certificazione) e breve descrizione delle difficoltà  
Breve descrizione del clima di classe (aspetto della socializzazione, collaborazione, rapporto con adulti ecc): punti di forza e di criticità del gruppo classe  
Breve descrizione del gruppo classe rispetto al percorso di apprendimento (impegno, interesse, attenzione, modalità dell’apprendimento ecc): punti di forza e di criticità  
Altro che si ritiene importante segnalare  

 

PIANO DIDATTICO CONDIVISO PER L’INCLUSIVITA’

(fa parte della programmazione annuale del Consiglio di classe - Completa la presentazione della classe)

 

Anno scolastico: 2017-18

Scuola ... classe ... sezione ...

DATI INFORMATIVI SULLA CLASSE

Numero totale degli alunni della classe

 

Alunni con certificazione di handicap in base alla L. n. 104

 

Alunni con disturbi specifici dell’apprendimento (DSA) certificati in base alla L. 170/2010

 

Alunni con disturbi evolutivi specifici(1) - DES

 

Alunni con ADHD (2)

 

Alunni che presentano difficoltà di apprendimento, per i quali vengono messe in atto strategie (compensative, dispensative, altro) che si tiene di formalizzare attraverso la stesura di un PDP

 

Alunni in situazione di svantaggio socio-culturale,  per i quali vengono messe in atto strategie (compensative, dispensative, altro) che si tiene di formalizzare attraverso la stesura di un PDP

 

Alunni stranieri non italofoni, per i  per i quali vengono messe in atto strategie (compensative, dispensative, altro) che si tiene di formalizzare attraverso la stesura di un PDP

 

 

(1) Per "disturbi evolutivi specifici" intendiamo i deficit del linguaggio, delle abilità non verbali, della coordinazione motoria, ricomprendendo - per la comune origine nell'età evolutiva - anche quelli dell'attenzione e dell'iperattività. Tutte queste differenti problematiche, ricomprese nei disturbi evolutivi specifici, non vengono o possono non venir certificate ai sensi della legge 104/92, non dando conseguentemente diritto alle provvidenze ed alle misure previste dalla stessa legge quadro, e tra queste, all’insegnante per il sostegno.

(2) iperattività con disturbo dell’attenzione – certificati, ma senza riconoscimento situazione di h e pertanto senza docente di sostegno

 

La didattica inclusiva non viene messa in atto solo nei confronti degli alunni che presentano situazioni particolari; ci sono interventi che vengono rivolti a tutta la classe.

Caratteristiche della classe in relazione agli stili di apprendimento

Strategie condivise dal consiglio di classe

Rilevati attraverso

  • questionario sugli stili di apprendimento
  • osservazioni

 

Verifica ed eventuale integrazione (entro marzo) I Quadrimestre

Data e firma del Coordinatore ...

Verifica finale (entro giugno) II Quadrimestre

Data e firma del Coordinatore ...

Progetto P3a – L’organigramma dell’istituto

Denominazione progetto

L’organigramma dell’Istituto

Priorità cui si riferisce

c) L’unitarietà

Traguardi di risultato

- Aver aumentato il livello del senso di appartenenza, del proprio ruolo e dei propri compiti all’interno dell’Istituto

- Avere nominato figure di riferimento in relazione agli aspetti portanti del Ptof

 

Obiettivi di processo

Primo anno

Secondo anno

Terzo anno

2017-18 – integrazioni – modifiche - precisazioni

 

 

Questionario da costruire su senso di appartenenza

- curare la distribuzione di ruoli e compiti all’interno dell’Istituto in modo che tutti contribuiscano al buon funzionamento della scuola

- nominare figure responsabili per gli aspetti fondamentali del Ptof

- individuare i collaboratori del DS e le FS assegnando loro compiti precisi e sottoposti a verifica

 

Revisione organigramma e eventuale parziale ridefinizione compiti al fine di rendere i compiti mirati alle priorità e alle eventuali modifiche-integrazioni necessarie

Riproposta questionario su senso di appartenenza

Revisione organigramma e eventuale parziale ridefinizione compiti al fine di rendere i compiti mirati alle priorità e alle eventuali modifiche-integrazioni necessarie

 

Organigramma triennale

Attenta definizione dei compiti

Compiti messi in relazione alle priorità (RAV e PDM)e agli Indirizzi del Ptof

Situazione su cui si interviene

Rendere maggiormente funzionali ruolie compiti con gli  obiettivi del PTOF

 

Attività previste

  • Preparazione, distribuzione e tabulazione questionario
  • Individuazione figure e compiti in relazione agli aspetti costitutivi del Ptof e ai vari progetti da realizzare
  • individuazione persone per ricoprire  ruoli e svolgere compiti in base a criteri
  • verifica in base ai compiti assegnati e eventuale ridefinizione di ruoli e compiti

Non è stato preparato e somministrato il questionario sul senso d’appartenenza

Problema del turn over dei docenti, soprattutto alla secondaria

Definizione compiti precisi per facilitare

Monitoraggio – verifica

Continuità delle azioni

Ordini del giorno degli incontro dettagliati e con materiali di lavoro – Si cercherà di assegnare l’obiettivo preciso da raggiungere e il prodotto conclusivo

Risorse finanziarie necessarie per acquisti strumentazione e servizi

 

 

Risorse umane (ore) / area

Risorse per retribuzione risorse umane

Fondi per la formazione per eventuali incontri sulle figure di sistema: n. 2 incontri di 2 ore ciascuno – 200 euro

Non abbiamo previsto la formazione per difficoltà a trovare proposte utili per la finalità individuata. Lavoreremo – nel corso dell’a.s. – per il coinvolgimento di un maggior numero di docenti

Altre risorse necessarie

 

 

Indicatori utilizzati

  • n. di figure per ogni macro area del Pof
  • n. di compiti assegnati a ciascuna figura in relazione agli obiettivi del Ptof
  • n. di compiti portati a termine
  • percentuale di compiti svolti e obiettivi raggiunti

Valori/situazioni attese

  • avere un organigramma funzionale agli obiettivi di risultato e di processo del Ptof
  • avere aumentato il senso di appartenenza

 

Organigramma è maggiormente funzionale

Lavorare sul senso di appartenenza

 

Progetto P3b – La comunicazione

Denominazione progetto

La comunicazione

Priorità cui si riferisce

c) L’unitarietà

Traguardi di risultato

- Aver migliorato la comunicazione all’interno dell’Istituto e verso l’esterno

 

Obiettivi di processo

Primo anno

Secondo anno

Terzo anno

2017-18 – integrazioni – modifiche - precisazioni

Stretto collegamento con Progetto P4c.2c. La competenza digitale

- creare canali di comunicazione tra i docenti e con il Ds attraverso l’utilizzo di mailing list

- creare canali  di comunicazione con i genitori attraverso il sito web e il profilo Facebook

- utilizzo scrutinio online  accesso ai genitori dopo incontro con i docenti

 

Prosecuzione comunicazione attraverso sito web e profilo facebook

Inserimento del registro elettronico Regel per alcune classi campione

 

 

Prosecuzione comunicazione attraverso sito web e profilo facebook

Aumento del n delle classi coinvolte nell’utilizzo del registro elettronico

 

Efficace la comunicazione Ds-docenti; segreteria-docenti attraverso mailing list

Impostazione registro elettronico secondo indicatori collegati con il curricolo

Lo strumento si adatta alle nostre scelte e non viceversa

Situazione su cui si interviene

L’Istituto è organizzato su più plessi, appartenenti a Comuni diversi e a realtà territoriali con alcune esigenze in comune e altre differenti. E’ necessario migliorare la comunicazione  tra Ds ,docenti e famiglie; attraverso un utilizzo più organico degli strumenti informatici e dei vari sistemi di comunicazione

 

Attività previste

  • Sensibilizzare degli utenti e del personale scuola sui vantaggi derivanti dall'utilizzo delle T.I.C.;
  • Rafforzare la preparazione del personale in materia di competenze digitali, raggiungendo tutti gli attori della comunità scolastica
  • Promuovere il legame tra innovazione didattica -  tecnologie digitali - comunicazione
  • Utilizzare gli strumenti informatici per comunicare e velocizzare pertanto lo scambio di informazioni
  • Utilizzare gli strumenti informatici come complementari ad altri mezzi di comunicazione e non in modo esclusivo per non diminuire i contatti soprattutto tra scuole e famiglia

 

 

  • Incontri di formazione su utilizzo registro elettronico
  • Compiti ad animatore digitale e staff digitale
  • Formazione specifica sull’innovazione attraverso l’utilizzo delle tecnologie

 

 

Risorse finanziarie necessarie per acquisti strumentazione e servizi

  • Acquistare strumentazione (dispositivi fissi e mobili) per le aule e i laboratori - Vedi Progetto P4c.2c. La competenza digitale
  • Acquistare strumentazioni per il registro elettronico: 10.000 euro (n. di classi: 31)
  • Acquistare registro elettronico (circa 1000 euro) e introdurlo in tutte le classi con la seguente gradualità : primo anno almeno un plesso di scuola secondaria  - anni successivi: aumento del n. delle classi
  • Acquisto registro elettronico
  • Aumento n. strumenti tecnologici
  • Miglioramento connettività

Risorse umane (ore) / area

Risorse per retribuzione risorse umane

Collaboratori del Dirigente presenti in ogni plesso (retribuiti con il Fis per un pacchetto di 30 ore funzionali annuali, che hanno anche altri compiti, oltre a quello di favorire la comunicazione all’interno e all’esterno)

Animatore digitale

 

Altre risorse necessarie

 

 

Indicatori utilizzati

Valori/situazioni attese

 

  • Connettività all’interno e verso l'esterno
  • Velocità delle connessioni presenti nei diversi plessi dell’Istituto
  • Diffusione utilizzo Registro elettronico
  • controllo degli accessi da parte delle famiglie al sito web e al registro elettronico attraverso contatore visitatori
  • n. comunicazioni cartacee – n. comunicazioni digitali
  • tempi per la diffusione o lo scambio di informazioni
  • coinvolgimento dell’animatore digitale per rafforzare la preparazione del personale anche attraverso FAQ
  • avere tutte le aule dei plessi raggiunte o dal cablaggio o dal wifi
  • avere il registro elettronico utilizzato in tutti i plessi e in tutte le classi
  • aumento del tempo di utilizzo delle tecnologie digitali
  • aumento e consolidamento della comunicazione interna e verso le famiglie attraverso sito web e profilo facebook
  • dematerializzazione per quanto riguarda comunicazioni interne ed esterne
  • aumento flusso comunicazione interne ed esterna e riduzione tempi
  • potenziare wifi
  • registro elettronico in prova in tutte le classi
  • esperienze didattiche di rilievo nell’uso delle tecnologie
  • dematerializzazione
  • flusso comunicativo

 

IMPOSTAZIONE REGISTRO ELETTRONICO

LIVELLO 1

ITALIANO

Organizzazione curricolo italiano – primaria

Organizzazione curricolo italiano – secondaria

Livello1 – Registro elettronico

Indicatori per scheda di valutazione

Competenza linguistica nel linguaggio orale: ascoltare e parlare
Competenza linguistica nel linguaggio scritto: leggere e scrivere
Competenza nella riflessione sulla lingua
Competenza lessicale

Nucleo fondante: codice – Nucleo operativo: riflettere sulla lingua
Nucleo fondante comunicazione – Nucleo operativo: ascoltare
Nucleo fondante comunicazione – Nucleo operativo: parlare
Nucleo fondante comunicazione – Nucleo operativo: leggere
Nucleo fondante comunicazione – Nucleo operativo: scrivere

 

Primaria e secondaria

  • Ascoltare e parlare; esporre
  • oralmente
  • Leggere e comprendere
  • Produrre testi
  • Riflettere sulla lingua

Primaria e secondaria

  • Ascoltare e parlare; esporre oralmente
  • Leggere e comprendere
  • Produrre testi
  • Riflettere sulla lingua

LS1 e LS2

Organizzazione curricolo – primaria

Organizzazione curricolo  – secondaria

Livello1 – Registro elettronico

Indicatori per scheda di valutazione

Competenza nella riflessione sulla lingua

Competenza comunicativa (ascoltare, parlare, leggere, scrivere)

Competenza culturale

Competenza lessicale

Competenza nella riflessione sulla lingua

Competenza comunicativa: ascoltare e comprendere

Competenza comunicativa: leggere e comprendere

Competenza comunicativa: parlare (produzione orale)

Competenza comunicativa: scrivere (produzione scritta)

Ascoltare e comprendere (comprensione orale)

Parlare (produzione e interazione orale)

Leggere e comprendere (comprensione scritta)

Scrivere (produzione scritta)

Riflettere sulla lingua

Ascoltare e comprendere (comprensione orale)

Parlare (produzione e interazione orale)

Leggere e comprendere (comprensione scritta)

Scrivere (produzione scritta)

Riflettere sulla lingua

STORIA E GEOGRAFIA

Organizzazione curricolo – primaria

Organizzazione curricolo-secondaria

Livello1 – Registro elettronico

Indicatori per scheda di valutazione

Competenza di orientamento nel tempo

Competenza nella rielaborazione di un argomento al fine di ricostruire e confrontare quadri di civiltà (saper studiare)

Competenza nella ricerca a carattere storico

Competenza di orientamento nel tempo

Competenza nella conoscenza storica

Competenza nella ricerca storica

Orientarsi nel tempo (collocare fatti ed eventi sulla linea del tempo, in ordine cronologico)

Esporre gli argomenti studiati rielaborando le informazioni (individuare e stabilire relazioni, rielaborare)

Condurre una ricerca a carattere storico (produrre ipotesi, progettare, utilizzare strumenti specifici della disciplina, realizzare percorsi di ricerca, arrivare a conclusioni – ricostruire il passato utilizzando fonti di vario tipo)

Orientarsi nel tempo (collocare fatti ed eventi sulla linea del tempo, in ordine cronologico)

Esporre gli argomenti studiati rielaborando le informazioni (individuare e stabilire relazioni, rielaborare)

Condurre una ricerca a carattere storico (produrre ipotesi, progettare, utilizzare strumenti specifici della disciplina, realizzare percorsi di ricerca, arrivare a conclusioni – ricostruire il passato utilizzando fonti di vario tipo)

 

Competenza di orientamento nello spazio

Competenza nella rielaborazione di un argomento al fine di ricostruire e confrontare quadri di ambiente(saper studiare)

Competenza nella ricerca a carattere geografico

 

Competenza di orientamento nello spazio

Competenza nella conoscenza geografica

Competenza nella ricerca geografica

 

Orientarsi nello spazio (leggere, costruire, utilizzare mappe, carte e rappresentazioni geografiche)

Esporre gli argomenti studiati rielaborando le informazioni (individuare e stabilire relazioni, rielaborare)

Condurre una ricerca a carattere geografico (progettare, utilizzare strumenti specifici della disciplina

realizzare percorsi di ricerca, arrivare a conclusioni)

 

Orientarsi nello spazio (leggere, costruire, utilizzare mappe, carte e rappresentazioni geografiche)

Esporre gli argomenti studiati rielaborando le informazioni (individuare e stabilire relazioni, rielaborare)

Condurre una ricerca a carattere geografico (progettare, utilizzare strumenti specifici della disciplina

realizzare percorsi di ricerca, arrivare a conclusioni)

MATEMATICA

Organizzazione curricolo – primaria

Organizzazione curricolo  – secondaria

Livello1 – Registro elettronico

Indicatori per scheda di valutazione

Nucleo tematico: NUMERO - MISURA

competenza nel valutare e rappresentare quantità

Nucleo tematico RELAZIONI (strategia e procedura/operazioni)

competenza nel PENSARE (progettare),  ATTUARE (agire), COMUNICARE  PROCEDURE e STRATEGIE

Nucleo tematico: SPAZIO e FIGURE

competenza nell’esplorare, descrivere, rappresentare lo spazio e misurare

Nucleo tematico: DATI e PREVISIONI

competenza nell’analizzare dati ed effettuare previsioni

Nucleo tematico: NUMERO - MISURA

competenza nel valutare e rappresentare quantità

Nucleo tematico: SPAZIO e FIGURE

competenza nell’analisi e rappresentazione dello spazio

Nucleo tematico: DATI E PREVISIONI

competenza nella lettura, organizzazione ed interpretazione di dati e situazioni

Nucleo tematico: RELAZIONI

competenza inerente al riconoscimento ed analisi delle relazioni di carattere matematico

Operare con i numeri; padroneggiare abilità di calcolo orale e scritto (Nucleo: NUMERO)

Confrontare, misurare e operare con grandezze e misure (Nucleo: MISURA)

Esplorare, descrivere, rappresentare lo spazio (Nucleo: SPAZIO e FIGURE)

Analizzare dati ed effettuare previsioni

(Nucleo: DATI e PREVISIONI)

Riconoscere e risolvere problemi; argomentare (Nucleo: RELAZIONI)

Operare con i numeri; padroneggiare abilità di calcolo orale e scritto

Confrontare, misurare e operare con grandezze e misure

Esplorare, descrivere, rappresentare lo spazio

Analizzare dati ed effettuare previsioni

Riconoscere e risolvere problemi; argomentare

SCIENZE

Organizzazione curricolo – primaria

Organizzazione curricolo-secondaria

Livello1 – Registro elettronico

Indicatori per scheda di valutazione

COMPETENZA NELLA RICERCA A CARATTERE SCIENTIFICO (al fine di COMPRENDERE FENOMENI)

COMPETENZA NELLA RIELABORAZIONE DI UN ARGOMENTO AL FINE DI RICOSTRUIRE E CONFRONTARE SISTEMI (QUADRI DI RELAZIONE) (Saper Studiare)

 

Osservare, individuare problemi, formulare e verificare ipotesi (Nucleo: RICERCA a carattere scientifico)

Leggere testi a carattere scientifico che riguardano l’uomo, i viventi, l’ambiente, gli oggetti, i materiali, ricavare informazioni, metterle in relazione, rielaborarle, esporle (Nucleo: lo studio di argomenti scientifici – QUADRO DI RELAZIONI)

Osservare, individuare problemi, formulare e verificare ipotesi (Nucleo: RICERCA a carattere scientifico)

Leggere testi a carattere scientifico che riguardano l’uomo, i viventi, l’ambiente, gli oggetti, i materiali, ricavare informazioni, metterle in relazione, rielaborarle, esporle (Nucleo: lo studio di argomenti scientifici – QUADRO DI RELAZIONI)

TECNOLOGIA

Organizzazione curricolo – primaria

Organizzazione curricolo-secondaria

Livello1 – Registro elettronico

Indicatori per scheda di valutazione

Nucleo tematico: AMBIENTE

Nucleo tematico: STRUMENTI e MACCHINE – OGGETTI, MATERIA, MATERIALI (vd curricolo scienze)

Nucleo tematico: MEDIA

Nucleo tematico: DISEGNO

Nucleo tematico: AMBIENTE

Nucleo tematico: STRUMENTI e MACCHINE – OGGETTI, MATERIA, MATERIALI (vd curricolo scienze)

Nucleo tematico: MEDIA

Nucleo tematico: DISEGNO

Riconoscere e analizzare elementi e fenomeni di tipo artificiale.

Conoscere risorse e loro processi di trasformazione (Nucleo: AMBIENTE)

Descrivere e analizzare oggetti di uso quotidiano nei loro aspetti costitutivi e in relazione al funzionamento; realizzare semplici manufatti o prodotti anche digitali (Nucleo tematico: STRUMENTI e MACCHINE)

Orientarsi tra i diversi mezzi di comunicazione e utilizzarli, in particolar modo i media informatici (Nucleo tematico: MEDIA)

Leggere e realizzare procedure grafiche per esplorare, descrivere e rappresentare lo spazio e gli oggetti (Nucleo tematico: DISEGNO)

Riconoscere e analizzare elementi e fenomeni di tipo artificiale.

Conoscere risorse e loro processi di trasformazione (Nucleo: AMBIENTE)

Descrivere e analizzare oggetti di uso quotidiano nei loro aspetti costitutivi e in relazione al funzionamento; realizzare semplici manufatti o prodotti anche digitali (Nucleo tematico: STRUMENTI e MACCHINE)

Orientarsi tra i diversi mezzi di comunicazione e utilizzarli, in particolar modo i media informatici (Nucleo tematico: MEDIA)

Leggere e realizzare procedure grafiche per esplorare, descrivere e rappresentare lo spazio e gli oggetti (Nucleo tematico: DISEGNO)

ARTE – MUSICA – ED FISICA

Organizzazione curricolo – primaria

Organizzazione curricolo-secondaria

Livello1 – Registro elettronico

Indicatori per scheda di valutazione

ARTE

Competenza nella riflessione sul codice visivo

Competenza nella lettura di immagini

Competenza nella produzione di immagini

Competenza comunicativa - Nucleo: Codice

Competenza logica - Nucleo: lettura

Competenza procedurale - Nucleo: espressione

Leggere immagini e documenti artistici (osservare, riconoscere gli elementi del linguaggio visivo, riflettere sul codice visivo: stabilire relazioni tra gli elementi del codice e la funzione, esporre)

Produrre messaggi iconici (utilizzare gli elementi del linguaggio visivo, utilizzare le diverse tecniche, rielaborare con creatività, comunicare)

Solo secondaria

Leggere e commentare criticamente un’opera d’arte

Leggere immagini e documenti artistici (osservare, riconoscere gli elementi del linguaggio visivo, riflettere sul codice visivo: stabilire relazioni tra gli elementi del codice e la funzione, esporre)

Produrre messaggi iconici (utilizzare gli elementi del linguaggio visivo, utilizzare le diverse tecniche, rielaborare con creatività, comunicare)

Solo secondaria

Leggere e commentare criticamente un’opera d’arte

MUSICA

Competenza nell’ascolto e nella comprensione di messaggi musicali

Competenza nella produzione di messaggi musicali

Competenza nella riflessione sul codice musicale

Competenza comunicativa – Nucleo: codice

Competenza logica – Nucleo: lettura

Competenza procedurale – Nucleo: espressione

Ascoltare e analizzare gli elementi costitutivi di un messaggio musicale  (ascoltare, riconoscere gli elementi del linguaggio musicale, riflettere sul codice musicale: stabilire relazioni tra gli elementi del codice e la funzione, esporre)

Produrre messaggi musicali (utilizzare gli elementi del linguaggio musicale, utilizzare sistemi di scrittura musicale anche non convenzionali, rielaborare con creatività, comunicare)

Solo secondaria

Cogliere relazioni tra la musica e i contesti storico-culturali (storia, letteratura, arte…)

Ascoltare e analizzare gli elementi costitutivi di un messaggio musicale  (ascoltare, riconoscere gli elementi del linguaggio musicale, riflettere sul codice musicale: stabilire relazioni tra gli elementi del codice e la funzione, esporre)

Produrre messaggi musicali (utilizzare gli elementi del linguaggio musicale, utilizzare sistemi di scrittura musicale anche non convenzionali, rielaborare con creatività, comunicare)

Solo secondaria

Cogliere relazioni tra la musica e i contesti storico-culturali (storia, letteratura, arte…)

Ed FISICA

Competenza nella partecipazione consapevole a giochi di squadra

Competenza nella percezione di sé in relazione a oggetti, spazio, tempo

Competenza nel produrre un movimento

Nuclei tematici

Salute e benessere, prevenzione e sicurezza: L’alunno è consapevole delle proprie competenze motorie sia nei punti di forza sia nei limiti. Riconosce, ricerca e applica a se stesso comportamenti di promozione dello «star bene» in ordine a un sano stile di vita e alla prevenzione. Rispetta criteri base di sicurezza per sé e per gli altri.

Il linguaggio del corpo come modalità comunicativo-espressiva: Utilizza gli aspetti comunicativo relazionali del linguaggio motorio per entrare in relazione con gli altri, praticando, inoltre, attivamente i valori sportivi (fair play) come modalità di relazione quotidiana e di rispetto delle regole.

Il corpo e la sua relazione con lo spazio e il tempo: Utilizza le abilità motorie e sportive acquisite adattando il movimento in situazione.

Il gioco, lo sport, le regole e il fair play: Utilizza le abilità motorie e sportive acquisite adattando il movimento in situazione. Utilizza gli aspetti comunicativo relazionali del linguaggio motorio per entrare in relazione con gli altri, praticando, inoltre, attivamente i valori sportivi (fair play) come modalità di relazione quotidiana e di rispetto delle regole. È capace di integrarsi nel gruppo, di assumersi responsabilità e di impegnarsi per il bene comune.

Conoscere lo schema corporeo e gli schemi motori di base e muoversi con scioltezza e coordinazione; riconoscere i propri punti di forza e i propri limiti; adottare comportamenti motori che tutelano la sicurezza per sé e per gli altri

La parte in corsivo, nella secondaria diventa:

riconoscere, ricercare e applicare a se stesso comportamenti di promozione dello «star bene» in ordine a un sano stile di vita e alla prevenzione.

Rispettare criteri base di sicurezza per sé e per gli altri

Partecipare a giochi di gruppo, sportivi e non, rispettando le regole

Nella secondaria, diventa: Utilizzare le abilità motorie e sportive acquisite adattando il movimento in situazione. Utilizzare gli aspetti comunicativo relazionali del linguaggio motorio per entrare in relazione con gli altri, praticando, inoltre, attivamente i valori sportivi (fair play) come modalità di relazione quotidiana e di rispetto delle regole

Conoscere lo schema corporeo e gli schemi motori di base e muoversi con scioltezza e coordinazione; riconoscere i propri punti di forza e i propri limiti; adottare comportamenti motori che tutelano la sicurezza per sé e per gli altri

La parte in corsivo, nella secondaria diventa:

riconoscere, ricercare e applicare a se stesso comportamenti di promozione dello «star bene» in ordine a un sano stile di vita e alla prevenzione.

Rispettare criteri base di sicurezza per sé e per gli altri

Partecipare a giochi di gruppo, sportivi e non, rispettando le regole

Nella secondaria, diventa: Utilizzare le abilità motorie e sportive acquisite adattando il movimento in situazione. Utilizzare gli aspetti comunicativo relazionali del linguaggio motorio per entrare in relazione con gli altri, praticando, inoltre, attivamente i valori sportivi (fair play) come modalità di relazione quotidiana e di rispetto delle regole

INDICATORI SCHEDE DI VALUTAZIONE

Scheda valutazione primaria

Schede valutazione secondaria

Lingua italiana

Esporre oralmente in m odo significativo e corretto.

Leggere e comprendere testi di diverso tipo.

Produrre testi scritti di vario genere.

Riflettere sulla lingua.

 

Comprendere la lingua orale e scritta.

Esporre oralmente.

Scrivere testi di vario tipo.

Riflettere sulla lingua.

Inglese

Comprendere e produrre messaggi orali.

Comprendere e produrre messaggi scritti

Inglese e francese

Comprendere la lingua orale e scritta.

Produrre in lingua orale e scritta.

Riflettere sulla lingua.

Storia

Ricostruire il passato utilizzando fonti di vario tipo

Ordinare e collocare nel tempo fatti ed eventi

Individuare e stabilire relazioni

Esporre correttamente i contenuti oggetto di studio

 

Conoscere fatti, eventi, fenomeni storici.

Individuare e stabilire relazioni.

Utilizzare gli strumenti disciplinari.

Esporre usando il lessico specifico.

Geografia

Orientarsi nello spazio

Leggere, costruire, utilizzare mappe, carte e rappresentazioni geografiche

Individuare e stabilire relazioni

Esporre correttamente i contenuti oggetto di studio

 

Conoscere elementi, ambienti, fenomeni geografici.

Individuare e stabilire relazioni.

Utilizzare gli strumenti disciplinari.

Esporre usando il lessico specifico.

Matematica

Riconoscere e risolvere problemi

Padroneggiare abilità di calcolo orale e scritto

Osservare, descrivere, rappresentare lo spazio e gli elementi che lo costituiscono

Confrontare, misurare, operare con grandezze e misure

 

Applicare tecniche, regole e procedimenti.

Comprendere e risolvere problemi.

Comprendere e utilizzare il linguaggio specifico.

Scienze

Partecipare ad un percorso di ricerca (osservare, individuare problemi, formulare e verificare ipotesi, generalizzare)

Individuare e stabilire relazioni

Conoscere i fenomeni fondamentali del mondo fisico e biologico

 

Osservare e descrivere.

Stabilire relazioni e formulare ipotesi.

Comprendere ed utilizzare il lessico specifico.

Tecnologia e informatica

Progettare, produrre, utilizzare strumenti e oggetti costruiti con diversi materiali

Utilizzare il computer come strumento di comunicazione

 

Acquisire e utilizzare conoscenze e abilità tecnologiche.

Comprendere ed utilizzare il linguaggio grafico.

Musica

Ascoltare e comprendere messaggi musicali

Produrre messaggi musicali

 

Produrre e rielaborare utilizzando conoscenze e abilità musicali.

Comprendere, conoscere, leggere, interpretare il linguaggio musicale.

Arte e immagine

Leggere immagini

Produrre messaggi iconici

Riflettere sul codice visivo

 

Osservare e percepire, conoscere e applicare gli elementi del linguaggio visuale.

Produrre e rielaborare con creatività e tecniche appropriate.

Leggere, decodificare, commentare immagini e documenti artistici.

Educazione fisica

Conoscere lo schema corporeo e gli schemi motori di base e muoversi con scioltezza e coordinazione

Partecipare a giochi di gruppo, sportivi e non, rispettando le regole

 

Conoscere e migliorare le proprie capacità motorie.

Gestire il corpo in situazioni motorie diverse.

Religione

Conoscere espressioni, documenti – in particolare la Bibbia – e contenuti essenziali della religione cattolica. Riconoscere, rispettare ed apprezzare i valori religiosi ed etici nell’esistenza delle persone e nella storia dell’umanità.

 

 

Progetto P3c – La continuità

Denominazione progetto

La continuità

Priorità cui si riferisce

c) L’unitarietà

Traguardi di risultato

- Avere nell’ordinaria organizzazione dell’Istituto attività di continuità finalizzate alla

  • conoscenza degli alunni e alla conoscenza reciproca dei docenti dei diversi ordini di scuola,
  • attività per il rinforzo della continuità all’interno del curricolo

 

Obiettivi di processo

Primo anno

Secondo anno

Terzo anno

2017-18 – integrazioni – modifiche - precisazioni

Stretto collegamento con Progetto P1a. Il curricolo

Progetto P4a. L’equità degli esiti

Progetto P4b riflessione sulle Prove Invalsi

Progetto P4c.2c. La competenza digitale

Definizione incontri docenti anni ponte

- per conoscenza alunni

- per conoscenza reciproca

- per confronto su curricolo

Definizione incontri docenti anni ponte

- per conoscenza alunni

- per conoscenza reciproca

- per confronto su curricolo

Inserimento in modo definitivo, nel piano annuale delle attività degli incontri tra docenti degli anni ponte

Distribuzione degli incontri nel corso dell’a.s. e non solo in fase conclusiva o in avvio

Situazione su cui si interviene

Nell’Istituto Comprensivo attualmente sono presenti situazioni molto diversificate riguardo agli interventi di continuità tra i differenti ordini di scuola, sia dal punto di vista delle modalità che dei contenuti.

Tuttavia, a partire dal lavoro svolto dai Dipartimenti nell’a.s. 2014/15, sono stati recuperati aspetti comuni inerenti i profili d’uscita delle classi ponte .A questo proposito è stato altresì significativo l’avvio del  confronto tra i docenti dei vari ordini di scuola rispetto alla metodologia relazionale ( docente -alunno ) e all’aspetto motivazionale dell’apprendimento.

Il progetto è pertanto finalizzato a:

  • rivalutare la conoscenza diretta degli alunni , attualmente trascurata, mediante interventi in classe da parte dei docenti-riceventi delle classi ponte
  • potenziare  il confronto tra i docenti sulle metodologie e le strategie adottate nell’attività didattica in modo più “diretto”
  • rendere il passaggio degli alunni , tra i vari ordini di scuola, più sereno, consapevole e motivato

Far incontrare

Cfr metodologico

Attività con alunni

Conoscenza alunni

Conoscenza organizzazione e spazi

Attività previste

  1. Incontri finalizzati alla conoscenza degli alunni negli aspetti
    • di personalità
    • di contesto familiare
    • di motivazione all’apprendimento
    • di stile di apprendimento
    • di crescita nelle competenze di cittadinanza
    • di crescita nelle competenze disciplinari
  1. Individuazione di problematiche caratterizzanti gli anni ponte e realizzazione di attività per prevenirle condotte dai docenti degli anni ponte
  2. Riflessione sui profili di uscita
  3. Partendo da tali attività si potrà proporre una eventuale revisione dei profili di uscita degli alunni delle classi ponte
    Stretta relazione con le attività del Progetto 1a - curricolo

 

Potenziamento punto 2)

 

Conclusione attività punti 3 e 4

Risorse finanziarie necessarie per acquisti strumentazione e servizi

 

 

Risorse umane (ore) / area

Risorse per retribuzione risorse umane

Retribuzione docenti degli anni ponte per le attività svolte in orario aggiuntivo: classi ponte
n. 3 Infanzia
n. 4 primaria

Docenti coinvolti: 6 infanzia-primaria; 16 primaria-secondaria I grado – Totale 22 docenti – 10 ore a testa: 6 con alunni – 4 funzionali da retribuire con il Fis. Si cercherà di ridurre il monte ore facendo coinvolgere in parte le attività con l’orario settimanale dei docenti

Fis come da  progetti presentati ed approvati

Altre risorse necessarie

 

 

Indicatori utilizzati

Valori/situazioni attese

 

  • N. progetti e attività programmate e realizzate ai fini della continuità negli anni ponte
  • N. profili degli alunni degli anni ponte compilati e utilizzati grazie alle attività realizzate

Aumentare le conoscenze in possesso dei docenti che accolgono gli alunni nel momento del passaggio di ordine di scuola.

Diminuire i tempi dedicati alla conoscenza degli alunni in fase di avvio di a.s.

Rendere il passaggio di ordine di scuola – per i ragazzi – maggiormente consapevole

Coinvolgimento attivo alunni

Coinvolgimento dei docenti su un  maggior numero di aspetti

 

Progetto P3d – L’orientamento

Denominazione progetto

L’orientamento

Priorità cui si riferisce

c) L’unitarietà

Traguardi di risultato

- Avere nell’ordinaria organizzazione dell’Istituto attività di orientamento inteso come

  • conoscenza di sé, delle proprie potenzialità, delle proprie attitudini, dei propri punti di debolezza
  • conoscenza dell’organizzazione della scuola secondaria di II grado e delle possibilità e prospettive offerte
  • organizzazione maggiormente significativa per alunni e genitori del Salone dell’Orientamento

 

Obiettivi di processo

Primo anno

Secondo anno

Terzo anno

2017-18 – integrazioni – modifiche - precisazioni

 

Avvio attività per gli alunni della classe II della secondaria di I grado per la conoscenza della Scuola Secondaria di II grado

Preparazione degli alunni della classe terza alla visita al Salone dell’Orientamento tra Liguria e Piemonte

Avvio in ogni classe di attività mirate alla conoscenza di sé

Raccolta dati su esiti inserimento scuola secondaria di II grado

Riproposta attività gli alunni della classe II della secondaria di I grado per la conoscenza della Scuola Secondaria di II grado

Organizzazione incontri per i genitori

Coinvolgimento degli alunni della classe terza all’organizzazione del Salone dell’Orientamento tra Liguria e Piemonte

Organizzazione incontri per i genitori

Potenziamento in ogni classe delle attività mirate alla conoscenza di sé

Raccolta dati su esiti inserimento scuola secondaria di II grado

Inserimento nel curricolo delle attività per le classi seconde e terze della scuola secondaria di I grado

 

Inserimento nel curricolo delle attività di orientamento finalizzate alla conoscenza di sé

Definizione dell’organizzazione del Salone dell’Orientamento tra Liguria e Piemonte e definizione ruolo attivo alunni e docenti coordinatori di terza

Definizione procedura da attivare ogni anno per raccolta dati su esiti inserimento nella scuola secondaria di II grado

Ricerca materiali

Selezione

Utilizzo

Creazione archivio fi materiali significativi

Ruolo attivo dell’alunno

Coinvolgimento famiglie

Orientamento all’interno dell’Odg dei Cdiclasse

II anno raccolta esiti sc secondaria

Situazione su cui si interviene

Attualmente all’interno del Comprensivo si svolgono alcune attività di Orientamento nella classe terza e non in tutte le classi nello stesso modo e con lo stesso tempo dedicato. Si tratta di attività volte alla conoscenza della scuola secondaria di II grado, tra cui c’è la i al Salone dell’Orientamento a Genova e a Rossiglione, al quale partecipano anche le scuole superiori del Basso Piemonte.

E’ importante dare maggior rilievo al Salone e dare un ruolo maggiormente attivo agli alunni sia nella preparazione, sia nel momento della visita.

E’ necessario anche un coinvolgimento dei genitori a livello informativo, meglio a partire dai genitori della classe seconda.

E’ necessario: concordare le attività per le classi terze e anticipare alcune attività nelle classi seconde.

E’ necessario altresì riprendere e far ripartire, in ogni classe, di ogni ordine di scuola, attività volte alla conoscenza di sé

L’obiettivo è quello di guidare gli alunni, a metà della terza secondaria di I grado, a compiere una scelta serena e  consapevole.

Salone Orientamento

Incontri per i genitori

Attività programmate per classi seconde e terze

Obiettivo: maggiore consapevolezza grazie a

- maggiore conoscenza di sé

- maggiore conoscenza delle offerte formative delle scuole secondarie

Attività previste

Attività previste per le classi seconde

  1. Al fine di potenziare la conoscenza di sé e delle proprie attitudini , il coordinatore, coadiuvato da altro docente del consiglio di classe , andrà a predisporre attività mirate a tale scopo ; a conclusione dell’attività l’alunno dovrà avere chiaro il proprio profilo di apprendimento.
  2. A conclusione del lavoro i docenti coinvolti raccoglieranno i dati al fine di redigere il profilo di apprendimento di ogni alunno.
  3. Questo strumento sarà conservato in un portfolio di  ogni alunno  (da avviare) ed utilizzato l’anno successivo per le attività di orientamento programmate.

Attività previste per le classi terze (per alcune, si valuterà l’anticipo in classe seconda)

  1. presentazione efficace e completa  ( anche mediante informazioni da web e slide ) sulle varie tipologie di scuole secondarie ( da parte del coordinatore + collaboratore)
  2. predisporre un questionario ideato dagli alunni che, sulla scia di quanto visto, ponga domande esplicative e di approfondimento sulle offerte formative delle varie scuole presentate nelle slide  ; a tali  quesiti potranno rispondere i docenti coordinatori dell’attività , anche avvalendosi di interlocuzioni dirette con le scuole via web o durante la visita al Salone dell’Orientamento
  3. Visita diretta e concordata di alcune scuole particolarmente interessanti , da parte degli studenti con relativi genitori nei giorni di open day
  4. consegna profilo orientativo in uscita ai genitori per la scelta della scuola
  5. Verifica inserimento nelle scuole secondarie di II grado

Attività per tutte le classi

  1. Predisposizione di attività per tutte le classi secondo un curricolo della conoscenza di sé (Relazione con Progetto P1a . Il curricolo)

 

Attività da 1 a 6 in vista della stesura di un profilo orientativo e del curricolo della conoscenza di sè

Risorse finanziarie necessarie per acquisti strumentazione e servizi

.

 

Risorse umane (ore) / area

Risorse per retribuzione risorse umane

Attività 1- 2 per classi seconde 6 h pro capite per i docenti coinvolti

Attività 4-5 per classi terze : 12 h pro capite per docenti coinvolti.

Pagamento con fondo Istituto (nel computo sono conteggiate anche le due ore per il ricevimento individuale dei genitori)

Si conferma

Altre risorse necessarie

Materiali sull’offerta formativa delle varie tipologie di scuola e dei vari Istituti

Si conferma

Indicatori utilizzati

  • numero docenti e alunni  coinvolti
  • numero scuole secondarie coinvolte
  • numero alunni referenti della propria esperienza scolastica ( biennio superiori)
  • numero genitori interessati e coinvolti nella realizzazione dell’attività

Valori/situazioni attese

  • Efficacia di  orientamento nella scelta della scuola secondaria di II grado
  • Migliore livello di consapevolezza da parte degli alunni e  delle famiglie sulla scelta da attuare
  • Miglioramento  modi e tempi di conoscenza delle famiglie con le scuole secondarie di II grado
  • diminuzioni situazioni di disagio nel passaggio dalla secondaria di I grado alla secondaria di II grado

Si conferma

 

Progetto P3e – I collegamenti con enti e associazioni del territorio

Denominazione progetto

I collegamenti con enti e associazioni del territorio

Priorità cui si riferisce

c) L’unitarietà

Traguardi di risultato

Coinvolgere enti e associazioni del territorio, che hanno proposte per la scuola, in modo più sistematico, secondo tempi più idonei alle fasi di progettazione e realizzazione della scuola

 

Obiettivi di processo

Primo anno

Secondo anno

Terzo anno

2017-18 – integrazioni – modifiche - precisazioni

 

Organizzazione incontri a settembre

- uno Ds e enti del territorio per raccogliere le proposte

- uno enti del territorio – docenti per la scelta delle proposte

Realizzazione attività proposte (da ottobre a maggio) e verifica (maggio – giugno)con coinvolgimento enti

Riproposta incontri a settembre, dopo raccolta osservazioni nel momento della verifica. Ruolo più attivo dei docenti

Realizzazione attività proposte (da ottobre a maggio) e verifica (maggio – giugno)con coinvolgimento enti

Inserimento nel curricolo delle proposte maggiormente significative

Inserimento nel piano delle attività degli incontri con gli enti secondo precise scansioni nel corso dell’a.s.

Porre e basi per offerta di attività, in collaborazione con il territorio, in orario extracurricolare

Contatti enti- associazioni per illustrare il periodo di progettazione e il periodo di realizzazione – monitoraggio - verifica

Costruzione fascicolo delle  proposte arrivate entro il 31 agosto

Distribuzione fascicolo

Situazione su cui si interviene

Le proposte che provengono alla scuola da enti e associazioni del territorio sono numerose, ma non sempre tengono conto dei tempi di programmazione e realizzazione delle scuole. Provengono spesso iniziative in corso d’anno e la scuola i trova – in alcuni casi – a rincorrere le richieste di collaborazione per non essere accusata di poca apertura al territorio.

E’ necessario inoltre un maggior coinvolgimento attivo delle scuole per rendere le proposte meglio inserite nel curricolo

Il progetto mira ad una maggiore programmazione e sistematicità degli interventi e ad un ruolo più attivo delle scuole nella fruizione delle risorse del territorio.

Censimento Enti e associazioni del territorio:

  • Comuni (es.trasporto, biblioteca, spettacoli…)
  • Pro Loco
  • Biblioteche
  • Associazioni commercianti
  • Associazione Alpini
  • Croce Rossa
  • Protezione Civile
  • Parco del Beigua
  • Parco di Capanne di Marcarolo
  • Musei locali: Museo Tubino, Museo della filigrana, Museo Passatempo

Censimento

Contatti

Attività previste

  • - inviti ad incontri di presentazione di inizio a.s.
  • - incontri di presentazione delle proposte in avvio di a.s.
  • - periodo di scelta delle proposte in base alle programmazioni delle diverse classi
  • - realizzazione
  • - verifiche e valutazioni

 

Risorse finanziarie necessarie per acquisti strumentazione e servizi

Acquisto telecamera digitale per documentazione attività svolte: 800 euro

Non necessario l’acquisto, poiché si utilizzano cellulari e tablet

Risorse umane (ore) / area

Risorse per retribuzione risorse umane

 Retribuzione di ore aggiuntive per i docenti in caso di attività che richiedano la compresenza (es: uscite didattiche)

 

Altre risorse necessarie

 

 

Indicatori utilizzati

- tempi della presentazione, della progettazione e della realizzazione

­- numero plessi coinvolti

  • numero alunni aderenti ai vari progetti e concorsi
  • numero docenti coinvolti
  • n. enti, associazioni ,enti coinvolti

Valori/situazioni attese

- Miglioramento tempi delle adesioni e dell’organizzazione delle attività

- ruolo maggiormente attivo della scuola

  • Miglioramento fruizione delle risorse del territorio
  • Miglioramento conoscenza del territorio locale e dei suoi enti
  • Valorizzazione patrimonio culturale della tradizione locale

Si confermano

 

Progetto P4a. L’equità degli esiti

Denominazione progetto

L’equità degli esiti

Priorità cui si riferisce

d) Le pari opportunità

Traguardi di risultato

Rendere i dipartimenti elementi costitutivi dell’organizzazione dell’Istituto

  • sia i dipartimenti per disciplina in verticale
  • sia i dipartimenti per disciplina per la Scuola Secondaria di I grado

finalizzati a
confronto e successiva progettazione e  realizzazione di iniziative, anche per classi parallele, al fine di migliorare l’equità degli esiti

 

Obiettivi di processo

Primo anno

Secondo anno

Terzo anno

2017-18 – integrazioni – modifiche - precisazioni

Stretto collegamento con Progetto P1a - curricolo

Organizzare gli incontri dei dipartimenti disciplinari verticali (vedi parte relativa al curricolo)

Avviare gli incontri dei dipartimenti disciplinari per la Scuola Secondaria di I grado, anche al fine del confronto disciplinare per classi parallele

Inserire nelle interclassi tecniche punti relativi al confronto per classi parallele, anche di plessi diversi: predisposizione modalità per la raccolta di dati

Organizzare gli incontri dei dipartimenti disciplinari verticali (vedi parte relativa al curricolo)

Riproporre gli incontri dei dipartimenti disciplinari per la Scuola Secondaria di I grado, anche al fine del confronto disciplinare per classi parallele

Riproporre nelle interclassi tecniche punti relativi al confronto per classi parallele, anche di plessi diversi: riflessioni sulla raccolta di dati e progettazione attività finalizzate all’equità degli esiti

Organizzare gli incontri dei dipartimenti disciplinari verticali (vedi parte relativa al curricolo)

Inserire nel piano annuale delle attività  gli incontri dei dipartimenti disciplinari per la Scuola Secondaria di I grado, anche al fine del confronto disciplinare per classi parallele

Sistematizzare la raccolta dati per classi parallele e inserire nel piano annuale delle attività i momenti per la riflessione sulla raccolta di dati e progettazione attività finalizzate all’equità degli esiti

 

Potenziare il confronto per ordine di scuola, dopo diversi anni di cfr in verticale

 

Importante il cfr per classi parallele, almeno su alcuni aspetti

Situazione su cui si interviene

Sia nel Rapporto di autovalutazione che nei risultati delle Prove Invalsi è stata evidenziata una differenza negli esiti conseguiti nelle diverse scuole. Il fatto di essere un Istituto che coordina le scuole di 4 comuni diversi non favorisce la conoscenza, lo scambio, il confronto. Il curricolo dell’istituto non riesce da solo a garantire pari opportunità e pari risultati.

Si vuole cercare di individuare strategie per ridurre le differenze attualmente presenti

Dal curricolo dichiarato al curricolo attuato

Attività previste

Durante gli incontri per dipartimento è necessario porre l’attenzione agli OSA e ai traguardi di competenza di ciascun nucleo fondante in modo da proporre attività, metodologie equivalenti  e criteri condivisi di valutazione.

Un archivio delle buone pratiche può essere utile per la condivisione di strategie didattiche e metodologiche su temi comuni anche trasversali alle discipline

Il confronto sulle rubriche valutative e sul loro utilizzo può migliorare la condivisione della valutazione formativa e sommativa

Confronto su ciò che viene realizzato per classi parallele

Programmazione per classi parallele

NO prove di verifiche comuni, ma alcuni percorsi comuni

Risorse finanziarie necessarie per acquisti strumentazione e servizi

 

 

Risorse umane (ore) / area

Risorse per retribuzione risorse umane

Si utilizzeranno i momenti dei Dipartimenti orizzontali e delle interclassi per le attività di confronto per classi parallele. Se necessario, verranno assegnate ore funzionali retribuite con il Fis per approfondimenti di alcuni aspetti.

Si conferma

Altre risorse necessarie

 

 

Indicatori utilizzati

Valori/situazioni attese

 

-n. incontri che mettono in relazione esiti – modalità di proporre, realizzare, valutare le attività

- n. attività, prove analizzate per classi parallele

- n. attività, prove progettate per classi parallele

-n.  attività, prove realizzate per classi  parallele

Miglioramento dell’equità degli esiti per classi parallele attraverso condivisione di strategie metodologiche e di verifica e valutazione

Miglioramento dell’equità degli esiti per classi parallele attraverso proposta di attivita/prove e successive riflessioni

 

Si conferma

 

Progetto P4b. La riflessione sulle Prova Invalsi

Denominazione progetto

La riflessione sulle Prove Invalsi

Priorità cui si riferisce

d) Le pari opportunità

Traguardi di risultato

Utilizzare procedure consolidate per analisi risultati prove invalsi – riflessioni – argomentazioni – eventuali modifiche-integrazioni delle proposte didattiche e/o del curricolo

 

Obiettivi di processo

Primo anno

Secondo anno

Terzo anno

2017-18 – integrazioni – modifiche - precisazioni

Stretto collegamento con Progetto P1a – curricolo

Progetto P4a. L’equità degli esiti

Analisi dei risultati della prove Invalsi Confronto tra le classi coinvolte (avvio a.s.)

Individuazione dei punti di debolezza e dei punti di forza

Stesura indicazioni

Analisi dei risultati della prove Invalsi Confronto tra le classi coinvolte (avvio a.s.)

Individuazione dei punti di debolezza e dei punti di forza

Stesura indicazioni

Confronto con i dati dell’anno precedente per vrf la presenza di costanti e variabili

Analisi dei risultati della prove Invalsi Confronto tra le classi coinvolte (avvio a.s.)

Individuazione dei punti di debolezza e dei punti di forza

Stesura indicazioni

Confronto con i dati dei due anni precedenti per vrf la presenza di costanti e variabili

Inserimento della procedura nel curricolo – eventuali modifiche-integrazioni nel curricolo

Si conferma quanto previsto per il secondo anno

E’ importante dare continuità all’analisi e riflessione per  avere a disposizione molti più dati

 

Perplessità in merito a nuova modalità di somministrazione prove Invalsi alla Secondaria di I grado: potrebbe limitare questo lavoro, che invece  è risultato utile

Situazione su cui si interviene

Le considerazioni statistiche svolte su piccoli numeri per un limitato periodo di tempo possono avere anche una variabilità piuttosto spiccata: infatti, si alternano classi con buoni risultati nelle prove invalsi ad anni invece meno brillanti. Il progetto si propone di argomentare i risultati, di andare oltre le percentuali e le medie, ma di capire il perché di alcune ‘cadute’ al fine di individuare

- se si è trattato di risultati attesi o inattesi
- se ci sono motivazioni per le cadute
- se queste motivazioni richiedono qualche revisione delle impostazioni didattiche adottate
- se queste motivazioni richiedono qualche revisione del curricolo

 

 

 

 

Attività previste

Analisi dei risultati della prove Invalsi da parte del team docente coinvolto

Confronto tra le classi parallele coinvolte

Individuazione dei punti di debolezza e dei punti di forza

Stesura indicazioni per i docenti che conducono la classe che verrà sottoposta a Prove Invalsi da applicare nel corso dell’anno successivo per confrontare gli esiti con quelli dell’anno precedente

 

Si conferma

Risorse finanziarie necessarie per acquisti strumentazione e servizi

Sono necessarie postazioni pc con connessione a internet per lavoro sui dati e lo scambio dei dati e delle riflessioni con gli altri plessi

Vedi progetto P4c2c

Acquisto pc per scuola secondarie I grado

Risorse umane (ore) / area

Risorse per retribuzione risorse umane

Verranno utilizzati i Dipartimenti orizzontali, le riunioni di interclasse e di programmazione

 

Si conferma

Altre risorse necessarie

 

 

Indicatori utilizzati

Valori/situazioni attese

 

A livello di classe – a livello di plesso – a livello di istituto

n. item che si sono rilevati punti di forza
n. item che si sono rilevati punti di debolezza
n. item con risultati molto negativi
n. item analizzati e motivati

Non solo il n. degli item ma quali item e in particolare

- quanti sono gli item che hanno rappresentato un ostacolo in tutte le classi dell’istituto sottoposte a prove Invalsi? Quali sono?

Costanti e variabili
- nell’anno considerato
- nel cfr tra anni diversi

Ciò che si vuole raggiungere è dare alle prove Invalsi un GIUSTO valore e cioè
- analizzare i risultati nella consapevolezza che si tratta della fotografia di un momento e – pertanto – il risultato NON è un valore assoluto

ma
- è comunque un valore che può diventare l’occasione per rivedere alcuni aspetti del proprio modo di lavorare e del curricolo dell’istituto

Si vuole raggiungere un giusto equilibrio tra
- il dare troppa importanza ai risultati delle prove Invalsi
- il sottovalutare i risultati delle prove Invalsi

Più che i risultati delle Prove in sé verrà dato valore a:
- motivazioni dei risultati
- riflessioni e decisioni conseguenti alle motivazioni

Si conferma

 

Progetto P4c.1. Recupero nelle classi dell’Istituto

Denominazione progetto

Recupero nelle classi dell’Istituto

Priorità cui si riferisce

d) Le pari opportunità

 

Traguardi di risultato

- Avere a disposizione criteri per censimento bisogni di recupero e potenziamento in avvio anno scolastico e progettazione e realizzazione interventi (risorse: organico potenziamento – esperti esterni con finanziamenti enti locali)

 

Obiettivi di processo

Primo anno

Secondo anno

Terzo anno

2017-18 – integrazioni – modifiche - precisazioni

Stretto collegamento con Progetto P1a – curricolo

Progetto P4a. L’equità degli esiti

Progetto P4b. La riflessione sulle Prove Invalsi

Raccolta dati sulla necessità di attività di recupero nelle diverse classi

Progettazione – realizzazione – verifica attività recupero -

Raccolta dati sulla necessità di attività di recupero nelle diverse classi

Progettazione – realizzazione – verifica attività recupero -

Raccolta dati sulla necessità di attività di recupero nelle diverse classi. Individuazione di costanti e variabili

Progettazione – realizzazione – verifica attività recupero -

Rendere significative

- compresenze

- utilizzo docenti potenziamento

Situazione su cui si interviene

In ogni classe vi sono  gruppi di alunni che necessitano di attività a piccoli gruppi per migliorare i propri risultati di apprendimento

Vi sono infatti alunni che presentano minori difficoltà nel lavoro a piccolo gruppo nel quale l’insegnante può seguirli in modo individualizzato.

Inoltre le recenti rilevazioni delle prove Invalsi evidenziano differenze di risultati sia tra i diversi gradi di istruzione sia tra le due discipline testate all’interno dello stesso ordine. Questa rilevazione oggettiva mette in luce la necessità, che era già stata evidenziata dagli insegnanti, tramite osservazioni quotidiane,  di attuare dei percorsi mirati al miglioramento dell’equità degli esiti.

Ci troviamo pertanto difronte a una duplice esigenza:

  • - migliorare i risultati degli alunni di ogni singola classe
  • - migliorare l’equità dei risultati nelle classi parallele

Si conferma

Attività previste

  • Analisi dei risultati delle prove Invalsi (collegamento con Progetto P4b
  • Censimento dei fabbisogni di recupero in avvio di anno scolastico.
  • Progettazione e realizzazione di interventi di recupero in piccolo gruppo, anche a classi parallele.
  • Verifica attività di recupero.

Si conferma

Risorse finanziarie necessarie per acquisti strumentazione e servizi

 

Utilizzo compresenze e docenti potenziamento: non sono autorizzate ore retribuite con il FIS

Risorse umane (ore) / area

Risorse per retribuzione risorse umane

Insegnanti dell’organico di potenziamento (fase C) per ogni plesso/grado

Plesso Primaria: media di 12 ore di attività di recupero a settimana

Plesso Secondaria di I grado: media di 9 ore di recupero a settimana

 Un posto di potenziamento è stato distribuito per avere ore di compresenza

L’obiettivo è di avere circa due ore da dedicare alle attività a piccoli gruppi nelle classi della scuola primaria

La variabile è data dalle ore da dedicare alle sostituzioni

Più difficile l’organizzazione del recupero in orario curricolare per la secondaria:  si riesce ad organizzarlo a Rossiglione, in altri plessi si opta per l’orario extracurricolare conl’organizzazione di sportelli per il recupero

Altre risorse necessarie

 

 

Indicatori utilizzati

  • N. di momenti di confronto tra insegnanti di classe e organico di potenziamento sui problemi e le difficoltà di apprendimento, con proposte didattiche e condivisone di buone pratiche
  • n. di studenti che presentano necessità didattiche di recupero e che necessitano  di modalità di lavoro in piccolo gruppo.
  • n. di interventi di recupero in piccolo gruppo
  • Verifica attività di recupero

Valori/situazioni attese

  • Aumento dei momenti di confronto, soprattutto in orizzontale, con la presenza dei docenti dell’organico di potenziamento.
  • Superamento delle difficoltà da parte degli studenti individuati.
  • interventi mirati di recupero, anche a classi parallele.
  • Registrazione di progressi nel rendimento degli alunni a livello di classe – di plesso – di istituto

 

Si conferma

 

Progetto P4c.2a. Potenziamento - L’organizzazione della pluriclasse di Tiglieto

Denominazione progetto

L’organizzazione della pluriclasse di Tiglieto

2017-18 – integrazioni – modifiche - precisazioni

Priorità cui si riferisce

d) Le pari opportunità

 

Traguardi di risultato

Stretto collegamento con
P1a Il curricolo
P4a. L’equità degli esiti
P4b. La riflessione sulle Prove Invalsi

Migliorare i risulti raggiunti dagli alunni della pluriclasse di Tiglieto, anche nelle prove Invalsi

 

Obiettivi di processo

- organizzare l’orario della pluriclasse utilizzando n. 1 docente dell’organico potenziato in modo da poter suddividere la classe in gruppi di apprendimento in base agli obiettivi e alle discipline

- ridurre i tempi di attesa necessari affinchè l’insegnante possa dedicare momenti ad ogni gruppo di alunni della pluriclasse per l’assegnazione di un’attività, per il controllo del lavoro svolto, per il rinforzo

- adottare modalità organizzative, di insegnamento e di apprendimento più proficue

Le risorse quest’anno consentono solo alcune ore di compresenza, non è più possibile dedicare una figura intera del potenziamento a Tiglieto

Gli alunni sono 10

Si riescono ad assegnare 6 ore di compresenza

Situazione su cui si interviene

A Tiglieto è presente una sola pluriclasse con alunni dalla prima alla quinta. Con l’attuale assegnazione di docenti, sono solo 5 le ore di compresenza, in cui è possibile un’organizzazione in due gruppi.

I risultati degli alunni della pluriclasse (anche Invalsi) sono ad un livello inferiore rispetto agli alunni delle classi parallele negli altri plessi di scuola primaria

 

Attività previste

  • Organizzazione orario in modo da poter svolgere attività a gruppi
  • preparazione attività meglio rispondenti alle caratteristiche di ogni gruppo di alunni e di ogni singolo alunno
  • coinvolgimento maggiore e per maggior tempo di ogni singolo alunno
  • osservazioni mirate
  • verifica
  • valutazione degli alunni, delle strategie, dell’organizzazione

Si conferma, ma si è ridotto il numero di ore a disposizione

Risorse finanziarie necessarie per acquisti strumentazione e servizi

Acquisto strumenti digitali: pc o tablet – 2.500 euro

Acquisto di almeno due pc

Risorse umane (ore) / area

Risorse per retribuzione risorse umane

n. 1 docente dell’organico potenziato per 24 ore settimanali, a cui vanno sottratte le ore per lo svolgimento di supplenze

n. 6 ore di compresenza

Altre risorse necessarie

 

 

Indicatori utilizzati

Valori/situazioni attese

 

  • n. ore di compresenza
  • n. attività proposte settimanalmente a gruppi di alunni
  • n. attività specifiche per gruppi alunni dalla 1^ alla 5^
  • confronto risultati conseguiti
    • Senza compresenza
    • Con compresenza
  • confronto risultati prove invalsi
  • confronto risultati prove somministrate in altri plessi per classi parallele

Si vuole ottenere un miglioramento

- della qualità del percorso di insegnamento-apprendimento

- delle ore di compresenza

- dei risultati conseguiti dagli alunni

Si conferma

 

La pluriclasse di Tiglieto è una criticità: il taglio di ore dall’organico di diritto ha portato a una situazione di sofferenza. Più difficile è stato organizzare l’organico del potenziamento. Si è scelto di associare ore di scuola comune con ore di potenziamento

Alla pluriclasse sono state assegnate solo alcune ore di compresenza

 

Progetto P4c.2b Potenziamento: La competenza comunicativa in italiano

Denominazione progetto

La competenza comunicativa in italiano

Priorità cui si riferisce

d) Le pari opportunità

Traguardi di risultato

 

- Avere a disposizione criteri per censimento bisogni di recupero e potenziamento in avvio anno scolastico e progettazione e realizzazione interventi (risorse: organico potenziamento – esperti esterni con finanziamenti enti locali)

 

Obiettivi di processo

Primo anno

Secondo anno

Terzo anno

2017-18 – integrazioni – modifiche - precisazioni

Stretto collegamento con 

P1a Il curricolo

 

P4a. L’equità degli esiti

 

P4b. La riflessione sulle Prove Invalsi

Confronto sulle metodologie per l’insegnamento dell’italiano nei diversi ordini di scuola: in particolare, competenza comunicativa nella lingua orale

Messa a punto di Uda con particolare attenzione alla metodologia

Realizzazione delle Uda

Verifica e cfr per classi parallele

Confronto sulle metodologie per l’insegnamento dell’italiano nei diversi ordini di scuola: in particolare, competenza comunicativa nella lingua scritta

Messa a punto di Uda con particolare attenzione alla metodologia

Realizzazione delle Uda

Verifica e cfr per classi parallele

Confronto sulle metodologie per l’insegnamento dell’italiano nei diversi ordini di scuola: in particolare, competenza comunicativa nella riflessione linguistica

Messa a punto di Uda con particolare attenzione alla metodologia

Realizzazione delle Uda

Verifica e cfr per classi parallele

Primaria: incontri sul curricolo di italiano guidati dal Dirigente

Secondaria: dipartimenti orizzontali

Confronto sulle metodologie per l’insegnamento dell’italiano nei diversi ordini di scuola: in particolare, competenza comunicativa nella lingua scritta

Formazione specifica

Avvio progettazione percorso di alfabetizzazione in lingua italiana per studenti stranieri

Prosecuzione progettazione percorso di alfabetizzazione in lingua italiana per studenti stranieri – scelta materiali

Costruzione protocollo accoglienza, in cui risulti inserito il percorso di alfabetizzazione

Riprendere contatti con cooperativa Agorà per percorso italiano come L2

Situazione su cui si interviene

Nell’Istituto sono già presenti attività di potenziamento della lingua italiana, tese al miglioramento della competenza comunicativa nella lingua materna,  realizzate all’interno delle ore di compresenza, per la scuola primaria, o dei laboratori pomeridiani, per la scuola secondaria di I grado. Il progetto si propone di aumentare e integrare le attività già presenti, anche attraverso l’ausilio di  esperti esterni (es. per attività teatrali), sia per migliorare l’equità degli esiti, in seguito anche alla riflessione sui risultati delle prove Invalsi, che vedono, in media, prestazioni migliori nella prova di matematica rispetto a quella di italiano, sia per valorizzare le eccellenze.

I risultati evidenziano la necessità di tornare a confrontarsi sulla metodologia per l’insegnamento dell’italiano, al fine di individuare strategie maggiormente significative sul piano comunicativo: i ragazzi, nelle attività di potenziamento,  devono soprattutto parlare, scrivere e utilizzare il pensiero logico per riflettere sul codice linguistico

L’Istituto, sebbene non in presenza massiccia, vede anche il costante aumento d’inserimento, nelle proprie classi, di alunni stranieri non italofoni, provenienti in modo particolare, da diverse realtà del Mediterraneo e del Sud America. Per loro sono previste delle attività di alfabetizzazione in entrata utilizzando, nella scuola secondaria di I grado, le ore a disposizione degli insegnanti di lettere e matematica, per cui spesso gli alunni vengono seguiti individualmente da più insegnanti, cosa che non sempre permette di attuare una programmazione coesa. Per la scuola primaria si avverte la necessità di interventi di potenziamento per gli alunni stranieri, al fine di garantire loro pari opportunità di apprendimento.

Sarebbe necessario strutturare un piano di accoglienza per gli alunni stranieri che preveda l’organizzazione di un monte ore a disposizione per un insegnamento intensivo  dell’italiano L2 attraverso laboratori, raggruppanti alunni anche di diverse classi, di 8-10 ore settimanali per i primi 3-4 mesi e poi a scalare man mano che lo studente prende confidenza e sicurezza con la nuova lingua, come suggeriscono le Linee guida per l’accoglienza e l’integrazione degli stranieri del 2014. Se da un lato, infatti, l’inserimento dell’alunno straniero nella classe d’appartenenza è di fondamentale importanza perché possa imparare, attraverso l’interazione con i compagni italofoni, l’italiano per comunicare, dall’altro sarebbe necessario anche attivare dei laboratori linguistici intensivi, mirati allo sviluppo della capacità di ascolto e comprensione di  messaggi orali, all’acquisizione del lessico fondamentale dell’italiano, delle strutture grammaticali di base e della letto-scrittura, affinché poi l’italiano possa diventare lingua veicolare di studio ed effettivo strumento di integrazione

Importante

CONOSCERE

UTILIZZARE

Il curricolo in tutti i suoi aspetti

Attività previste

  • Confronto all’interno dei consigli di classe/consigli di  interclasse sulle strategie metodologiche utilizzate per l’insegnamento dell’italiano
  • Confronti all’interno dei dipartimenti verticali e orizzontali per la riflessione sulla metodologia e la condivisione di buone pratiche
  • Confronto all’interno dei consigli di classe/ interclasse per censimento bisogni di attività di rinforzo e potenziamento
  • Sviluppo di unità di apprendimento anche pluridisciplinari
  • Analisi dei risultati delle prove Invalsi
  • Progettazione e realizzazione di attività laboratoriali di potenziamento anche con raggruppamenti per classi aperte (che possono prevedere anche scambi culturali/ gemellaggi/ scambi epistolari/mail… con altre realtà scolastiche italiane)
  • Verifica attività di potenziamento

Si conferma

Risorse finanziarie necessarie per acquisti strumentazione e servizi

 

 

Risorse umane (ore) / area

 

Risorse per retribuzione risorse umane

 Insegnanti (anche dell’organico potenziato)

Esperti esterni (finanziati con contribuiti degli Enti Locali)

FIS (per eventuali progetti che necessitano di ore aggiuntive a carico degli insegnanti non appartenenti all’organico potenziato)

Fondi formazione

Altre risorse necessarie

 

 

Indicatori utilizzati

Valori/situazioni attese

 

  • N. incontri tra insegnanti di disciplina (in orizzontale e in verticale)
  • N. di unità di apprendimento pluridisciplinari
  • Risultati delle prove Invalsi
  • Numero progetti presentati e realizzati (anche con prodotti finali fruibili dalla comunità) dove si curi l’aspetto della comunicazione in lingua italiana
  • Verifica delle attività di potenziamento
  • Aumento dei momenti di confronto tra insegnanti per la raccolta dati, la riflessione sulla metodologia e lo scambio di buone pratiche
  • Aumento delle unità di apprendimento con particolare attenzione alla metodologia per l’insegnamento dell’italiano, anche pluridisciplinari
  • Miglioramento dei risultati delle prove Invalsi
  • Aumento del numero di  progetti realizzati
  • Miglioramento delle abilità comunicative orali e scritte, ampliamento del lessico ricettivo e produttivo
  • Si conferma

 

Progetto P4c.2b Potenziamento - La competenza comunicativa in LS1 (inglese) e LS2 (francese)

Denominazione progetto

La competenza comunicativa in LS1 e LS2

Priorità cui si riferisce

d) Le pari opportunità

Traguardi di risultato

  • - Avere a disposizione criteri per censimento bisogni di recupero e potenziamento in avvio anno scolastico e progettazione e realizzazione interventi (risorse: organico potenziamento – esperti esterni con finanziamenti enti locali)
  • - Migliorare i risultati in LS1 e LS2 degli alunni dell’Istituto
  • - Far conseguire a una parte degli alunni dell’Istituto la certificazione delle competenze in lingue straniere

 

Obiettivi di processo

Primo anno

Secondo anno

Terzo anno

2017-18 – integrazioni – modifiche - precisazioni

Stretto collegamento con P1a Il curricolo

P4a. L’equità degli esiti

Raccolta dati sulla necessità di attività di recupero e potenziamento nei vari ordini di scuola.

Progettazione – realizzazione – verifica attività

Formazione dei docenti per preparare gli alunni al conseguimento delle certificazioni linguistiche.

Raccolta dati sulla necessità di attività di recupero e potenziamento nei vari ordini di scuola.

Progettazione – realizzazione – verifica attività

Partecipazione degli  alunni agli esami per il conseguimento delle certificazioni linguistiche.

Raccolta dati sulla necessità di attività di recupero nelle diverse classi. Individuazione di costanti e variabili

Progettazione – realizzazione – verifica attività recupero

Partecipazione degli alunni agli esami per il conseguimento delle certificazioni linguistiche.

Si conferma

Rilevanza alle attività per conseguimento certificazioni

City Camp in Valle Stura

Situazione su cui si interviene

Per quanto riguarda la competenza comunicativa in LS1 e LS2, inglese e francese, nell’Istituto al momento è attiva la possibilità di ottenere la certificazione DELF per la lingua francese al termine della scuola secondaria di primo grado. Non è invece ancora prevista la possibilità di accompagnare gli alunni alla certificazione di lingua inglese in base ai vari livelli del QCER - Quadro comune di riferimento europeo per le lingue - (scuola primaria e secondaria di primo grado). Nel passaggio alla scuola secondaria di secondo grado, che vede l’inserimento in un contesto socio-culturale più ampio e complesso, l’essere in possesso delle certificazioni linguistiche di lingua inglese rappresenterebbe un valore aggiunto per i nostri studenti.

Al momento nell’Istituto è attiva una partnership ETwinning all’interno del progetto “Friends across Europe” e verrà avviato a breve un progetto che prevede un percorso CLIL per due classi dell’Istituto Comprensivo; l’Istituto, inoltre, lo scorso anno ha avviato e realizzato, per le classi terze della scuola secondaria di I grado, uno scambio culturale con un collège di Brest.

Il progetto vuole potenziare i traguardi di competenza degli alunni dell’Istituto per quanto riguarda l’apprendimento della lingua inglese e della lingua francese.

Sono state avviate le attività per la certificazione Kete per la certificazione competenze in inglese nella primaria: verranno riproposte e potenziate

Attività previste

  • certificazione delle competenze in LS1 (scuola primaria e secondaria di primo grado)
  • interventi di CLIL
  • progetto ETwinning
  • progetti di scambio con alunni di scuole straniere
  • potenziamento dell’offerta formativa in LS1 dell’Istituto
  •  Potenziamento della metodologia che prevede gli interventi comunicativi quasi esclusivamente in LS1 e LS2, durante le  ore di LS1 e LS2 e – per i progetti CLIL – anche per altre discipline
  • Si conferma

Risorse finanziarie necessarie

per acquisti strumentazione e servizi

Testi – sussidi per la preparazione al conseguimento delle certificazioni di competenze in lingue straniere

Laboratori linguistici (Progetti PON)

 

Risorse umane (ore) / area

Risorse per retribuzione risorse umane

Insegnanti del potenziamento con i titoli per insegnare inglese (primaria e secondaria di I grado) e francese (secondaria di I grado)

Secondaria – potenziamento:
1 posto francese
6 ore inglese

Primaria: sarebbero necessari più docenti con specializzazione per insegnare inglese

Altre risorse necessarie

 

 

Indicatori utilizzati

  • coinvolgimento dei docenti: - n. dei docenti disposti a formarsi (anche attraverso percorsi di autoformazione) per guidare gli alunni al conseguimento delle certificazioni in L2
  • disponibilità dei docenti: -n. dei docenti coinvolti nei progetti di potenziamento della L2
  • aumento del tempo dedicato all’apprendimento della lingua straniera come mezzo di comunicazione attraverso il parlato, la conversazione

Valori/situazioni attese

  • arrivare entro il terzo anno ad offrire la possibilità di ottenere certificazioni L2 in uscita dalla scuola primaria e secondaria di primo grado.
  • aumento delle ore di esposizione degli studenti alla L2.
  • aumento della capacità comunicativa in L2 degli studenti interessati dalle attività di potenziamento.
  • registrazione di progressi nel rendimento degli alunni con obiettivo principale la garanzia delle pari opportunità di successo scolastico.

Si conferma

 

P4c.2c. Potenziamento - La competenza digitale e l’animatore digitale

Denominazione progetto

La competenza digitale

Azione del PDSN cui si riferisce

4.1 Strumenti

Azione 1 Fibra per banda ultralarga alla porta di ogni scuola – Azione 3 Il diritto a Internet parte a scuola
ogni scuola deve essere raggiunta da fibra ottica, o comunque da una connessione in banda larga o ultra-larga, sufficientemente veloce per permettere, ad esempio, l’uso di soluzioni cloud per la didattica e l’uso di contenuti di apprendimento multimediali; 2. le strutture interne alla scuola devono essere in grado di fornire, attraverso cablaggio LAN o wireless, un accesso diffuso, in ogni aula, laboratorio, corridoio e spazio comune; 3. per abilitare nuovi paradigmi organizzativi e didattici, e per fruire sistematicamente di servizi di accesso ad informazioni e contenuti digitali, ogni scuola deve poter acquistare la migliore connessione possibile

Azione 2: Cablaggio interno
Gli investimenti prodotti negli anni 2013-2015 sul cablaggio interno delle scuole hanno permesso di raggiungere oltre 1.500 istituti. Intendiamo completare il lavoro, per permettere ad ogni scuola italiana di avere le stesse condizioni infrastrutturali di accesso.

Pon: assegnazione di 7500 euro

Azione 4. Ambienti per la didattica digitale integrata
Potenziare l’infrastrutturazione digitale della scuola con soluzioni “leggere”, sostenibili e inclusive Trasformare i laboratori scolastici in luoghi per l’incontro tra sapere e saper fare, ponendo al centro l’innovazione Passare da didattica unicamente “trasmissiva” a didattica attiva, promuovendo ambienti digitali flessibili Allineare l’edilizia scolastica con l’evoluzione della didattica Ripensare la scuola come interfaccia educativa aperta al territorio, all’interno e oltre gli edifici scolastici

La didattica digitale parte in classe, ma si realizza anche negli ambienti comuni, predisposti alla collaborazione, nei laboratori, nelle biblioteche scolastiche, che devono ritornare ad essere luoghi dove sviluppare o proseguire l’attività progettuale e l’incontro tra sapere e saper fare.

ambienti per l’apprendimento (la classe, lo spazio laboratoriale, l’agorà, lo spazio individuale e quello informale)

“Gli spazi, i materiali e le tecnologie devono adattarsi agli utenti e non viceversa”, dando vita ad aule, spazi, aumentati dalla tecnologia, in cui avviene la separazione del concetto di classe da quello di aula, la finalizzazione didattica delle strutture e degli strumenti e, al tempo stesso, la creazione di ambienti “non dedicati” ed informali

Azione 7: Piano Laboratori
necessità di riportare al centro la didattica laboratoriale, come punto d’incontro essenziale tra sapere e saper fare, tra lo studente e il suo territorio di riferimento. I laboratori devono essere ripensati come luoghi di innovazione e di creatività, invece che meri contenitori di tecnologia, rendendo ordinamentali quelle pratiche laboratoriali innovative che ancora oggi, troppo spesso, sono relegate all’ambito extracurricolare.

L’investimento nei laboratori non ambisce a riportare una didattica per problemi e progetti fuori dalla classe. Al contrario, in un quadro di nuovi paradigmi educativi, vuole rafforzarla, integrando ciò che avviene in classe abilitando spazi che abbiano un forte orientamento alla creatività per gli studenti più giovani, e verso progettualità innovative che sfruttino le tecnologie digitali

Azione 12 Il registro elettronico
Il registro elettronico è uno strumento che semplifica e velocizza profondamente i processi interni alla scuola. È strumento di comunicazione immediata per le famiglie, grazie alla messa a disposizione di tutte le informazioni utili per raggiungere la piena consapevolezza della vita scolastica dei propri figli. Pur essendo stato sancito l’obbligo di dotarsi di questo strumento (DL 95/2012), la scuola si è avviata verso la sua adozione in modo disomogeneo, anche al suo interno. Le ragioni sono diverse, ma hanno una forte matrice infrastrutturale

4.2 Competenze e contenuti

Definire una matrice comune di competenze digitali che ogni studente deve sviluppare Sostenere i docenti nel ruolo di facilitatori di percorsi didattici innovativi, definendo con loro strategie didattiche per potenziare le competenze chiave Coinvolgere gli studenti attraverso format didattici innovativi e ‘a obiettivo’ Innovare i curricoli scolastici

…parlare di competenze digitali significa quindi tenere in considerazione alcune direttrici fondamentali. Primo, la necessità di collocare ogni ragionamento all’interno del quadro più ampio delle competenze, e dell’attività didattica. Secondo, chiarire che le dimensioni delle competenze digitali sono diverse: da strumento per la didattica a veicolo per lo sviluppo di competenze trasversali e attitudini, e infine come nuova alfabetizzazione, di base attraverso il pensiero computazionale, e nella sua dimensione macro e applicata, associata ai grandi cambiamenti sociali, economici e nel suo rapporto con l’informazione e le regole.

Azione 14. Un framework comune per le competenze digitali e l’'educazione ai media degli studenti
Parlare di competenze digitali impone un punto di partenza più ampio: significa prima di tutto parlare di competenze, e quindi di percorsi didattici e piani pedagogici. Se l’obiettivo del nostro sistema educativo è sviluppare le competenze degli studenti, invece che semplicemente “trasmettere” programmi di studio, allora il ruolo della didattica per competenze, abilitata dalle competenze digitali, è fondamentale in quanto attiva processi cognitivi, promuove dinamiche relazionali e induce consapevolezza. Le competenze non si insegnano, si fanno acquisire, e il legame tra competenze e nuovi ambienti di apprendimento è indubbiamente forte. Il paradigma su cui lavorare è la didattica per competenze, intesa come progettazione che mette al centro trasversalità, condivisione e cocreazione, e come azione didattica caratterizzata da esplorazione, esperienza, riflessione, autovalutazione, monitoraggio e valutazione, è il paradigma educativo su cui lavorare.

Il primo passo è quindi fare tesoro delle opportunità offerte delle tecnologie digitali per affrontare una didattica per problemi e per progetti. Molte delle competenze sono sviluppate durante lo svolgimento stesso del progetto. In questo quadro, le tecnologie digitali intervengono a supporto di tutte le dimensioni delle competenze trasversali (cognitiva, operativa, relazionale, metacognitiva). Ma si inseriscono anche verticalmente, in quanto parte dell’alfabetizzazione del nostro tempo e fondamentali competenze per una cittadinanza piena, attiva e informata, come anticipato dalla Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio d’Europa e come ancor meglio sottolineato da framework come 21st Century Skills (Competenze per il 21mo secolo), promosso dal World Economic Forum.

Lo sviluppo delle competenze digitali degli studenti richiede quindi - anche nel nostro Paese - una strategia dedicata, che, partendo da da una prima necessaria azione di indirizzo, attraverso l’identificazione di un framework chiaro e condiviso, aiuti le istituzioni scolastiche nella progettazione didattica. Dobbiamo chiarire quali contenuti sono e saranno centrali per i nostri studenti, rafforzandone lo stretto legame con i nuovi ambienti e paradigmi di apprendimento facilitati dalle ICT.

Le competenze (digitali) nel nostro ordinamento

Attualmente nel profilo finale delle competenze (14 anni) delle Indicazioni nazionali per il primo ciclo di istruzione “lo studente ha buone competenze digitali, usa con consapevolezza le tecnologie della comunicazione per ricercare ed analizzare dati e informazioni, per distinguere informazioni attendibili da quelle che necessitano di approfondimento, di controllo e di verifica e per interagire con soggetti diversi nel mondo”. Un orientamento molto centrato sul tema della consapevolezza, confermato anche dall’obbligo d’istruzione (16 anni) che pone come obiettivo nel modello di certificazione “un adeguato utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione”. È riportato infine che la competenza digitale “arricchisce la possibilità di accesso ai saperi, consente la realizzazione di percorsi individuali di apprendimento, la comunicazione interattiva e la personale espressione creativa”

Azione 17 Portare il pensiero logico-computazionale a tutta la scuola primaria
l’introduzione del pensiero computazionale nella scuola,

4.3 La formazione
Rafforzare la preparazione del personale in materia di competenze digitali, raggiungendo tutti gli attori della comunità scolastica Promuovere il legame tra innovazione didattica e tecnologie digitali Sviluppare standard efficaci, sostenibili e continui nel tempo per la formazione all’innovazione didattica Rafforzare la formazione all’innovazione didattica a tutti i livelli (iniziale, in ingresso, in servizio

Azione 25
La Buona Scuola (legge 107/2015) ha introdotto per la prima volta la formazione obbligatoria in servizio per il personale docente. Si tratta di un’innovazione importante, accompagnata da un’ulteriore presa di posizione: tra le priorità del prossimo Piano Triennale di Formazione, è inserita la formazione sui temi indicati in questo Piano, con particolare enfasi per la formazione dei docenti all’innovazione didattica.

Azione 27 - Assistenza tecnica per le scuole del primo ciclo

4.4 Accompagnare la scuola nella sfida dell’innovazione

Azione 28 – Un animatore digitale in ogni scuola
individuare soluzioni metodologiche e tecnologiche sostenibili da diffondere all’interno degli ambienti della scuola (es. uso di particolari strumenti per la didattica di cui la scuola si è dotata; la pratica di una metodologia comune; informazione su innovazioni esistenti in altre scuole; un laboratorio di coding per tutti gli studenti), coerenti con l’analisi dei fabbisogni della scuola stessa, anche in sinergia con attività di assistenza tecnica condotta da altre figure

Azione 29 – Accordi territoriali
I territori giocano una parte fondamentale, sia attraverso i propri investimenti, che attraverso l’accompagnamento, il Governo e l’innovazione a livello locale. Insieme ai territori, infatti, si può concretamente completare la visione di educazione nell’era digitale che questo Piano propone.

Priorità cui si riferisce

a) La costruzione di traguardi di competenza

d) Le pari opportunità

Traguardi di risultato

- Avere a disposizione il curricolo relativo alla competenza digitale, non come aspetto a sé stante, ma come competenza trasversale a quelle disciplinari

- Avere aumentato le esperienze di didattica laboratoriale e di costruzione di ambienti di apprendimento secondo la prospettiva di trasformare l’aula in laboratorio e non di aumentare i laboratori come spazi a se stanti

- Rendere i dipartimenti elementi costitutivi dell’organizzazione dell’Istituto

  • sia i dipartimenti per disciplina in verticale
  • sia i dipartimenti per disciplina per la Scuola Secondaria di I grado

finalizzati a

confronto e successiva progettazione e  realizzazione di iniziative, anche per classi parallele, al fine di migliorare l’equità degli esiti

Obiettivi di processo

 

Strumenti

 

Azioni 1 e 2

Aumentare la connettività di ogni scuola sia verso l’esterno (passare da 7-8 mb a 20 mb) sia all’interno (potenziamento cablaggio e wifi)

Azioni 4 -7 – 12

Acquistare strumentazione (dispositivi fissi e mobili) per le aule e i laboratori

Acquistare registro elettronico e introdurlo in tutte le classi con la seguente gradualità

Primo anno: almeno un plesso di scuola secondaria

Secondo anno: tre plessi di scuola secondaria e uno di primaria

Terzo anno: tutti i plessi

 

Competenze e contenuti

Primo anno

Secondo anno

Terzo anno

2017-18 – integrazioni – modifiche - precisazioni

 

Stretto collegamento con il Progetto P1a – Il curricolo

 

 

Azioni 14 -17 - 28

Organizzare n. 6 incontri

2 a settembre

4 durante l’a.s.

 con odg che prevedano

- costruzione ipotesi di curricolo per i traguardi della competenza digitale

confronto e progettazione di percorsi   sulla competenza digitale come trasversale alle diverse discipline (settembre)

- realizzazione attività progettate e confronto (3 incontri durante a.s.)

- conclusioni (1 incontro verso maggio-giugno) – raccolta materiali e costruzione archivio buone pratiche del primo anno

 

Organizzare n. 6 incontri

2 a settembre

4 durante l’a.s.

 con odg che prevedano

confronto e progettazione di percorsi   sulla competenza digitale come trasversale alle diverse discipline e con alcune specificità disciplinari  e con riferimenti al pensiero logico computazionale nella scuola primaria (settembre) con ampio spazio alla  progettazione e costruzione ambienti di apprendimento e didattica laboratoriale

- realizzazione attività progettate e confronto (3 incontri durante a.s.)

- conclusioni (1 incontro verso maggio-giugno) – raccolta materiali e costruzione archivio buone pratiche del secondo anno

 

Organizzare n. 6 incontri

2 a settembre

4 durante l’a.s.

 con odg che prevedano

confronto e progettazione di percorsi   sulla competenza digitale come trasversale alle diverse discipline e con alcune specificità disciplinari con riferimenti al pensiero logico computazionale nella scuola primaria (settembre) con ampio spazio alla  progettazione e costruzione ambienti di apprendimento e didattica laboratoriale

- realizzazione attività progettate e confronto (3 incontri durante a.s.)

- conclusioni (1 incontro verso maggio-giugno) – raccolta materiali e costruzione archivio buone pratiche del terzo anno

raccolta materiali e costruzione archivio buone pratiche

Raccolta e pubblicazione sul sito web del lavoro del triennio

 

Stesura curricolo digitale

Confronti all’interno di Interclassi – consigli di classe

 

La formazione

Primo anno

Secondo anno

Terzo anno

 

 

Azione 25 e 28

Indagine, da parte dell’animatore digitale, sui bisogni formativi (dopo gli incontri di settembre sul curricolo) e sulle buone pratiche presenti

Progettazione e realizzazione di 4 incontri di formazione (da dicembre ad aprile)

Indagine sui risultati conseguiti

 

 

 

Progettazione e realizzazione di 4 incontri di formazione (da dicembre ad aprile)

Indagine sui risultati conseguiti

Inserimento di itinerari di formazione sul sito web dell’istituto (esemplificazioni percorsi didattici – tutorial …)

 

 

 

Progettazione e realizzazione di 4 incontri di formazione (da dicembre ad aprile)

Indagine sui risultati conseguiti

Inserimento di itinerari di formazione sul sito web dell’istituto (esemplificazioni percorsi didattici – tutorial …)

Formazione sul pensiero computazionale

 

 

 

Azione 27e 29
Stabilire accordi o con gli enti locali o attraverso un accordo con le scuole della Rete Ponente per avere a disposizione interventi di assistenza tecnica per la manutenzione delle apparecchiature
Riservare una somma nel Programma annuale per

  • - acquisto pezzi di ricambio
  • - interventi di manutenzione

 

Programma Annuale: manutenzione e acquisti relativi a strumenti digitali

Situazione su cui si interviene

Nell’Istituto sono presenti situazioni molto diverse tra loro per quanto riguarda: presenza di infrastrutture per la trasmissione dati, dotazioni di strumentazione digitale, preparazione dei docenti all’utilizzo delle strumentazioni e all’adozione di una didattica digitale intesa come didattica che tiene conto dei modi dell’apprendere dei bambini e dei ragazzi di oggi, senza diventare esclusiva (non si apprende SOLO attraverso il digitale, ma ANCHE attraverso il digitale).

Il Progetto è finalizzato a fornire tutti gli elementi (dagli strumenti, alla connettività, alla formazione dei docenti, al curricolo degli alunni) per offrire a tutti gli studenti dell’IC Valle Stura pari opportunità di crescita nel conseguimento dei traguardi della competenza digitale

Acquisti finalizzati a raggiungere equità di possibilità

Attività previste

  • indagini per individuare le soluzioni più idonee in ogni contesto per cabalaggio, wifi, dotazioni strumenti digitali
  • indagini  per acquisti strumentazione
  • realizzazione ambienti digitali
  • progettazione - realizzazione – verifica attività in classe per il conseguimento dei  traguardi della competenza digitale
  • costruzione curricolo per la competenza digitale
  • costruzione e utilizzo rubriche valutative per la competenza digitale
  • costruzione percorsi di formazione per i docenti

Potenziamento wifi

Potenziamento banda

Raccolta Uda signifucative per competenza digitale

Risorse finanziarie necessarie

per acquisti strumentazione e servizi

Azioni 1 e 2
Integrazione assegnazione di 7.500 euro avuta dal Progetto Pon per la realizzazione, l’ampliamento o l’adeguamento delle infrastrutture di rete LAN/WLAN.

Azioni 4-7-12
Per poter rinnovare i pc presenti nelle aule e nei laboratori e per aumentare il n. delle lim presenti sono necessari circa 10.000 euro a plesso (per Tiglieto bastano 2.000 euro)
Per il registro elettronico: 1.000 euro

Azione 27
Euro 3500 Annuali

Utilizzate per Masone primaria e Masone secondaria

Acquisto lim e pc

 

Manutenzione – nel Programma Annuale

Risorse umane (ore) / area

 

Risorse per retribuzione risorse umane

Azioni 14 e 17
Funzioni strumentali:
coordinatori dei dipartimenti (n. 4)
animatore digitale (n. 1)
Budget assegnato per le FS

Azione 25
Animatore digitale (n. 1)

Si conferma

Altre risorse necessarie

Azioni 14-17
Eventuali altri risorse, attinte dal Fis, per retribuire un totale di 30 ore a testa (30 x 5 = 150 ore funzionali) ogni anno

Azione 25
Ogni anno: 16 ore funzionali

Si conferma

Indicatori utilizzati

Valori/situazioni attese

 

Connettività verso l’esterno

Velocità delle connessioni presenti nei diversi plessi dell’Istituto

Connettività ll’interno

n. aule  cabalate

n. aule con wifi

Registro elettronico

n. di plessi che utilizzano il registro elettronico

Il curricolo e la formazione

n. di uda che prevedono l’utilizzo delle tecnologie digitali

tempo di utilizzazione delle tecnologie digitali durante

n. uda che prevedono una didattica laboratoriale

tempo di utilizzo dei laboratori attrezzati

coinvolgimento dell’animatore digitale: n. attività proposte dall’animatore digitale, che sono diventate patrimonio dei docenti

coinvolgimento dei docenti:- n. dei docenti coinvolti nella formazione

La manutenzione delle attrezzature

Tempo che intercorre tra segnalazione di un problema tecnico e sua risoluzione

- portare tutte le connessioni a 20 mb dichiarati anzichè i 7 mb attuali

- avere tutte le aule dei plessi raggiunte o dal cablaggio o dal wifi

- avere il registro elettronico utilizzato in tutti i plessi

- aumento del n. di uda che prevedono l’utilizzo delle tecnologie digitali e significatività delle attività proposte

- aumento del tempo di utilizzo delle tecnologie digitali

- aumento n. uda che prevedono didattica laboratoriale

- aumento del tempo di utilizzazione dei laboratori attrezzati

- diminuire – il terzo anno – il num di richieste presentate all’animatore digitale, grazie alla formazione dei docenti finalizzata a renderli autonomi nell’utilizzo delle tecnologie

 

Diminuzione del tempo che intercorre tra segnalazione di un problema tecnico e sua risoluzione

Connessioni a Masone a 100 Mb

Negli altri plessi: a 20 Mb

Wifi potenziato a Masone e Campo Ligure

Si conferma il resto

AllegatoDimensione
PDF icon Progettazione allegata a PTOF anno 2017/181.17 MB

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.

CMS Drupal ver.7.60 del 18/10/2018 agg.19/10/2018